Pubblicato in: Teatro

Da La Prova a Che disastro di commedia: gli spettacoli da non perdere a Milano a gennaio

spettacoli milano
Foto tratta da 'Che disastro di commedia'. Regia di Mark Bell

Avete l’imbarazzo della scelta su cosa vedere a teatro? Vi state chiedendo come impiegare, culturalmente, quella sera libera o la domenica pomeriggio?

Come ogni lunedì Milano Weekend vi segnala alcune opere in cartellone nella nostra città nei mesi più freddi, dalla vigilia di Natale alle giornate che ci portano ai primi fiori primaverili. Il tutto nel nuovo appuntamento con lo #spiegoneteatri.

Ecco cosa vedere a teatro a Milano

Spettacoli

— Aminta (Triennale Teatro dell’Arte dal 17 al 20 gennaio)

Uno dei maestri contemporanei nostrani della scena si cimenta con un testo particolare. “Il celebre dramma pastorale porta questa volta il regista campano, insieme alla sua compagnia stabilemobile, a confrontarsi con Torquato Tasso partendo dalla compresenza nella sua opera di due forze solo apparentemente contrapposte: la spregiudicata ricerca di innovazione linguistica e la tensione verso un classicismo da reinterpretare.
Il confronto con il rigore del verso di Tasso diventa per Latella uno stimolo creativo, del quale la selezione musicale di Franco Visioli (da Monteverdi ai Can a PJ Harvey) costituisce il motore, in una ricerca in cui non è l’Amore in quanto scoperta il punto centrale, bensì la forma che esso assume in ogni essere umano” (dalla nota di presentazione).

Con Michelangelo Dalisi, Emanuele Turetta, Matilde Vigna, Giuliana Bianca Vigogna.

DURATA: 115′

ORARI: da giovedì a sabato h 21; domenica h 16

PREZZI: intero 22€; ridotto under30, over65, gruppi 16€; ridotto studenti 11€

— Che disastro di commedia (MTM Teatro Leonardo dal 17 al 27 gennaio)

Se lo avete perso la scorsa stagione al Carcano, la ricca offerta milanese vi fornisce una nuova occasione per divertirvi con questo testo ben interpretato da Alessandro Marverti, Yaser Mohamed, Marco Zordan, Luca Basile, Viviana Colais, Stefania Autuori, Valerio Di Benedetto e la partecipazione di Gabriele Pignotta. Regia di Mark Bell.

Le opere di Henry Lewis, Jonathan Sayer e Henry Shields sono delle macchine ad orologeria e questa compagnia è ben entrata nel meccanismo, riuscendo a trascinare nel ritmo anche la platea di turno. Al centro troviamo una “compagnia teatrale amatoriale che, dopo aver ereditato improvvisamente un’ingente somma di denaro, tenta di produrre un ambizioso spettacolo che ruota intorno a un misterioso omicidio perpetrato negli anni ’20, nel West End.
La commedia è un susseguirsi di errori, strafalcioni, momenti imbarazzanti e disastri provocati dagli attori stessi. La produzione si rivela una catastrofe e gli attori cominciano ad accusare la pressione, andando nel panico.
Che disastro di commedia evidenzia tutte le paure e gli errori che un attore sul palco non vorrebbe e dovrebbe mai commettere” (dalla sinossi) .

ORARI: da martedì a sabato h 20,30; domenica h 16,30

PREZZI: intero 30€; under26 16€; over65 12€; under12 10€

— Il Padre (Teatro Manzoni dal 10 al 27 gennaio)

Alessandro Haber e Lucrezia Lante Della Rovere sono i protagonisti di un testo che tratta di un argomento molto delicato, la malattia di un genitore – nel caso specifico affetto da Alzheimer. A breve ve ne parleremo ancora più approfonditamente.

Completano il cast Paolo Giovannucci, Daniela Scarlatti, Ilaria Genatiempo, Riccardo Floris. Regia di Piero Maccarinelli.

DURATA: 100′

ORARI: lunedì riposo; da martedì a sabato h 20,45; domenica h 16

PREZZI: poltronissima prestige 35€; poltronissima 32€; poltrona 23€;
poltronissima under26 15,50€

— La Prova (Teatro Filodrammatici dal 10 al 27 gennaio)

Bruno Fornasari continua a dimostrare le ottime capacità drammaturgiche, anche di fronte a un tema così spinoso come il MeToo, ma La prova non si ferma solo a questo. Presto vi forniremo maggiori dettagli su questo spettacolo che vi consigliamo per riflettere sulla situazione che stiamo vivendo. Non mancano le risate, anzi.
In scena quattro attori ben calati nei propri ruoli: Tommaso Amadio, Emanuele Arrigazzi, Orsetta Borghero, Eleonora Giovanardi. Regia dello stesso Fornasari.

Vi segnaliamo che venerdì 18, dopo lo spettacolo, il pubblico avrà l’occasione di prender parte ad un incontro sulle tematiche messe in campo dallo spettacolo. Emanuela Mancino, docente di Filosofia dell’Educazione presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca, condurrà questo viaggio che – a partire dalle parole scritte da Bruno Fornasari nel suo testo – desidera essere portatore di uno sguardo inedito e il più possibile equilibrato su tematiche spinose e di scottante attualità. Insieme a loro, personalità portatrici di esperienze personali e professionali, tasselli di un mosaico che andrà componendosi anche insieme al pubblico, perché il “femminismo” non riguarda solo le donne ma tutti.

DURATA: 90′

ORARI: martedì, giovedì, sabato; mercoledì e venerdì h 19,30; domenica h 16

PREZZI: intero 22€; ridotto convenzionati 18€; ridotto under30 16€; ridotto over 65 e under 18 11€

— Mary Poppins – il musical (Teatro Nazionale dal 5 ottobre al 27 gennaio)

Potrebbe essere un’altra opzione di musical idoneo per le feste e noi ve lo suggeriamo prima che finisca questa lunga tenitura milanese. Qui maggiori info sull’allestimento.

ORARI: da martedì a venerdì h 20,45; sabato h 15 e h 20,45; domenica h 15 e h 19,30.

PREZZI: mercoledì, giovedì e domenica sera da 33€; venerdì, sabato pomeriggio e sera, domenica pomeriggio a partire da 39€

— Mater Dei – primo studio (Teatro i dal 16 al 21 gennaio)

I super appassionati di teatro amano constatare come una messa in scena si evolva. La Piccola Compagnia della Magnolia propone un primo studio di un testo inedito di Massimo Sgorbani. “Mater Dei è un’opera a mio avviso rara oggi nel panorama della drammaturgia contemporanea”, ha dichiarato la regista Giorgia Cerruti (anche interprete insieme a Davide Giglio). Massimo ha il dono poetico, tratta la superficie delle parole come un’alchimista che fa brillare la natura profonda dei metalli; la parola non è svilita a segno ma ci regala «l’ebbrezza dell’incomprensione» (citando l’autore)”.

Chi parla è la madre, vittima della violenza di un dio che, attratto dalla sua bellezza, è sceso sulla terra sotto sembianze animalesche e l’ha posseduta. La gravidanza, iperbolica e paradossale, genera ben tredici figli, tutti dotati dei paterni attributi divini, tranne l’ultimo. L’ultimo è forse un dio mancato, debole, troppo umano, o forse è la parte più antica di noi, quella prelogica, è il mugghiare che precede il logos, è la verità che sta nelle cose, non nel loro nome. La madre ha dedicato la sua vita a nasconderlo e proteggerlo, ma ora qualcuno sta arrivando a prenderlo, qualcuno intenzionato a “correggere l’errore”. Nel tempo di questa attesa si svolge l’azione drammatica. Un flusso di parole laico, erotico, scandaloso, ipnotico, che oscilla instabile tra la paura di regredire nel Caos e l’affermazione del Mito” (dalla scheda).

Nota bene: lo spettacolo è riservato a un pubblico superiore di quattordici anni.

ORARI: mercoledì e sabato h 19,30; giovedì, venerdì e lunedì h 21; domenica h 17

PREZZI: intero 18€; convenzionati 12€; under26 11,50€; over 60 9€;
giovedì vieni a teatro in bicicletta 7€

Eventi teatrali conclusi

— Landella Live – special edition per Capodanno (Oltheatre al De Sica 31 dicembre)

Per chi non si è ancora organizzato per la notte dell’ultimo dell’anno e vuole divertirsi in teatro, ecco cosa propone l’Oltheatre al De Sica.

Un varietà comico con musica dal vivo (I Fatti Così), scritto e condotto da Giovanni D’Angella e Penelope Landini. Ospiti Alex De Santis e Gigi Rock
“La serata sarà resa ancora più interessante dall’aperitivo in sala prima dello spettacolo e dalla possibilità di venire a Teatro con i vostri bambini e poterli affidare ad animatori che renderanno il loro (e il vostro!) Capodanno indimenticabile!” (dalla scheda di presentazione).

ORARI: aperitivo a buffet in sala dalle h 19,30
Animazione per bambini dai 5 ai 10 anni dalle h 22 alle 23,30.
Brindisi di mezzanotte con spumante e panettone per tutti e dopo mezzanotte… la festa continua!

PREZZI: biglietto unico 33€; riduzioni gruppi oltre 10persone 28€ e bambini da 4 a 10 anni 28€. Aperitivo a buffet solo su prenotazione (posti limitati) 15€ i bambini da 4 a 10 anni 10€ (posti limitati). Animazione bambini solo su prenotazione (posti limitati) 16€

— Scusi quando arriva il ’19 (EcoTeatro 31 dicembre)

Se amate le Sorelle Marinetti non potete perdere quest’occasione.
“Quale genere musicale meglio si addice a un momento di liberatoria allegria come il veglione di Capodanno se non lo swing, di cui le Sorelle Canterine en travesti sono oggi regine incontrastate nel nostro Paese, così come le loro eroine di riferimento – le Sorelle Lescano – lo furono ottant’anni fa?
Una sequela di spiritose canzonette sincopate, tra classici evergreen del periodo della radio – dell’E.I.A.R.! – come Maramao perché sei morto,Ho un sassolino nella scarpa, Mille lire al mese alternati a brani magari meno noti, ma pur sempre irresistibili, come Pupa, Il silenzio è d’oro, Fiocca la neve, giusto per citarne alcuni.
E per coloro che amano crogiolarsi nella dolce atmosfera delle feste più belle dell’anno ci sarà ancora tempo, senza temere d’essere fuori luogo, per qualche canzone dal sapore più squisitamente natalizio, come gli standard americani Let it snow, let it snow, let it snow e Winter wonderland abbinati ad alcuni classici di stampo nostrano.
Ma lo spettacolo non sarà solo a beneficio dell’udito: chi già le conosce sa che le Sorelle Marinetti danzano, con leggiadria e a ritmo di foxtrot, e sanno farsi apprezzare per la simpatia delle loro maniere da signorine perbene d’antan, sobrie, educate, timidamente sensuali… seppure proiettate verso una modernità di stampo decisamente futurista.
Ma non sarà solo la musica a elargire il fausto intrattenimento per questo che si candida ad essere il più lungo ‘ultimo dell’anno’ di Milano: le Sorelline coglieranno infatti ogni pretesto per raccontare “quel tempo che fu”, con aneddoti, storielle e amene facezie snocciolate per regalarci un sorriso e farci rivivere uno scorcio di storia del secolo scorso dal fortissimo sapore familiare: per qualche ora ci si potrà calare nella leggerezza e nella gaia voglia d’evasione di quegli splendidi e coraggiosi ragazzi che furono i nostri nonni e i nostri bisnonni nei difficili anni che precedettero la seconda guerra mondiale” (dalla nota di presentazione).

ORARIO: h 22,30

PREZZI: 40€ con brindisi di mezzanotte

— Ultima notte Mia. Mia Martini, una vita (Circolo Cerizza 29 dicembre)

Erika Urban dona tutta se stessa, non solo sul piano recitativo, ma anche della sensibilità per far rivivere la grande Mia Martini.
“Il testo teatrale Ultima notte mia – Mia Martini, una vita,
tratto dal libro di Aldo Nove ‘Mi chiamo…’ edizioni Skira, racconta la vita della cantante calabrese dai momenti gioiosi dell’adolescenza ai difficili rapporti con la famiglia e del suo grande amore per la musica. Per una serie di coincidenze, su Mia Martini, all’apice del successo, inizia a circolare la voce che la sua presenza porti sfortuna e pian piano per lei questo diventa un’ombra opprimente. Una mattina del maggio 1995 la cantante viene trovata riversa sul suo letto, con le cuffie ancora sulle orecchie. Stava lavorando ad una sua canzone. Erika Urban dà voce e corpo a Mia Martini raccontando la sua storia e la sua” (dalla scheda informativa).

Regia di Michele De Vita Conti.

ORARIO: h 20

INGRESSO GRATUITO

Rassegne teatrali concluse

— Festival della magia (Teatro Manzoni 2 – 6 gennaio)

Qui tutti i dettagli su questa nuova edizione del festival della magia.

ORARI: da mercoledì a venerdì h 20,45; sabato h 15,30 e h 20,45; domenica h 15,30

PREZZI:
– da martedì a venerdì poltronissima prestige 27€; poltronissima 25€; poltrona 18€; poltronissima under26 17€
– sabato e domenica poltronissima prestige 31€; poltronissima 27€; poltrona 20€; poltronissima under26 19€

Spettacoli teatrali conclusi

— Al di là di tutto (Teatro LaCucina 10 – 12 gennaio)

Si tratta di una vera e propria anteprima di un testo molto sentito da chi lo incarna sul palco. “Chiara Stoppa, nel 2010, dopo una lunga malattia, esordisce in teatro con il suo monologo ‘Il Ritratto della Salute’, scritto con Mattia Fabris, spettacolo apparentemente sul tema del tumore ma che in realtà affronta la difficile questione delle scelte che si fanno nella propria vita.
Dopo questo felice primo lavoro personale, Chiara decide di affrontare un tema ancora più complesso: la morte e l’accompagnamento verso di essa. Per questo secondo capitolo, la scelta drammaturgica verte su un dialogo e Chiara individua subito come sua interlocutrice Valentina Picello, sua amica e collega da vent’anni. Le unisce un’affinità artistica ma soprattutto la condivisione di momenti di vita fra cui un viaggio on the road in Croazia nel 2014 durante il quale tutto ciò che capita loro le porta inevitabilmente ad uno scontro/riflessione su vita, morte e miracoli che possono accadere.

Il luogo in cui approdano è la stessa isola in cui l’anno prima Chiara ha accompagnato la sua amica Giovanna per un’ultima vacanza. Giovanna è malata. Giovanna ha trentaquattro anni. Giovanna morirà dopo un mese. Dopo questa vacanza, Giovanna regala a Chiara la sua ultima settimana di vita in ospedale, in cui raccoglie pensieri ed emozioni, riflessioni e contraddizioni.
L’estate dopo, con Valentina, sulla stessa isola, si trasforma nella possibilità di rivivere spazi, rapporti e pensieri con un tempo nuovo, non calcolabile, non identificabile ma solo attraversabile.
Che cos’è questo tempo? Non coincide con nulla, è in mezzo, è quello che c’è in mezzo. Il concetto della vita e della morte vanno scissi. I due limiti del segmento A e B sono nascita e morte, non vita e morte. Quello che ci sta in mezzo, gli infiniti punti C, sono le possibilità che le due attrici vogliono raccontare” (dalle note di presentazione).

ORARI: venerdì e sabato h 20,30; domenica h 16

PREZZI: poltronissima 34€; balconata 25; over65 da 22€ a 14,50€; under26 da 15€ a 13,50€

— Chefs (Teatro Carcano 4 – 6 gennaio)

Durante le feste si ha voglia di allegria. Yllana – quelli di ‘PaGAGnini’ – una storica e amatissima compagnia teatrale spagnola, pluripremiata ed applaudita in tutto il mondo, ha elaborato una nuova chicca.
“Umorismo irriverente, ironia e coinvolgimento, combinati con buffi suoni onomatopeici e una stralunata gestualità, sono gli ingredienti con cui Yllana crea un mondo surreale e delirante dove tutto può accadere. Al Carcano sarà in scena con Chefs, esilarante parodia della nuova mania collettiva per l’alta cucina” (dalla scheda).

ORARI: venerdì e sabato h 20,30; domenica h 16

PREZZI: poltronissima 34€; balconata 25; over65 da 22€ a 14,50€; under26 da 15€ a 13,50€

— Con tutto il cuore (Teatro Manzoni 11 dicembre – 1 gennaio)

Fatevi un’idea leggendo la nostra recensione della nuova commedia scritta, diretta e interpretata da Vincenzo Salemme.

DURATA: 105′

ORARI: mercoledì h 17; da giovedì a sabato h 20,45; domenica h 15,30; 31 dicembre h 17,30 e h 21,30; 1 gennaio h 18

PREZZI:
– da martedì a venerdì poltronissima prestige 35€; poltronissima 32€; poltrona 23€; poltronissima under26 15,50€
– sabato, domenica, festivi poltronissima prestige 39€; poltronissima 35€; poltrona 25€; poltronissima under26 17,50€
– 31 dicembre h 17,30: prestige 55€; poltronissima 40€; poltrona 30€
31 dicembre h 21,30: prestige 110€; poltronissima 77€; poltrona 55€

— La musica è pericolosa (Teatro Franco Parenti 31 dicembre – 6 gennaio)

Il Parenti conclude e inizia l’anno con un artista nostrano notevole, Nicola Piovani. Chi lo ha conosciuto grazie alle sue splendide colonne sonore, non può non rispondere all’appello. “Lo spettacolo percorre con parole e suoni alcune tappe della vita del maestro, quelle in cui si è trovato dinanzi alla pericolosità seduttiva della musica: la scoperta di grandi autori, il fascino delle bande musicali, la potenza di una canzonetta.

Piovani ci accompagna in un viaggio che rivela i frastagliati percorsi che l’hanno portato a fiancheggiare il lavoro di De André, Fellini, Magni, registi spagnoli, francesi, olandesi, per teatro, cinema, televisione e cantanti strumentisti.
Alternando brani teatralmente inediti e nuovi arrangiamenti delle sue più note composizioni, il maestro dà vita ad un racconto fatto non solo di parole e musica, ma anche di immagini: quelle che Luzzati e Manara hanno dedicato all’opera musicale di Piovani e quelle di film e spettacoli che ha musicato. Lì dove la musica non può arrivare supplisce la parola, ma è la musica, lingua universale dell’anima capace di esprimere “ciò che non si può dire e ciò che non si può tacere”, a fare da padrona e a riempire la scena” (dalla nota ufficiale).

DURATA: 100′

ORARI: speciale 31 dicembre h 21,30; 1° e 6 gennaio h 16,15; mercoledì h 19,45; giovedì h 21; venerdì h 20; sabato h 20,30

PREZZI:
– prime file: biglietto unico 38€ + prev.
– secondo e terzo settore: intero 30€ + prev.; ridotto Over65 e under26 >18€ + prev.; convenzioni* 21€ + prev.
– quarto settore: intero 20€ + prev.; ridotto over65 e under26 15€ + prev.; convenzioni* 18€ + prev.
* le convenzioni sono valide per il II, III e IV settore e per tutti i giorni, esclusi venerdì e sabato.
– per il 31: intero 80€; ridotto over65 e under26 65€

— La famiglia Addams (Teatro Nuovo 11 – 13 gennaio)

Ve ne abbiamo parlato la scorsa stagione al suo debutto e con cognizione di causa, post visione, ve lo consigliamo per la messa in scena godibile e curata, ancor più se amate la famiglia ideata da Charles Addams.

DURATA: 120′ più intervallo

ORARI: venerdì e sabato h 20,45; domenica h 15,30

PREZZI: settore giallo 59,50€; settore blu 49,50€; settore verde 39,50€

— Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte (Teatro Elfo Puccini 5 dicembre – 13 gennaio)

A breve ve ne parleremo ancora più approfonditamente, qui intanto vi presentiamo questo spettacolo tratto da Mark Haddon.

DURATA: 135′ + intervallo

ORARI: lunedì riposo; da martedì a sabato h 20,30; domenica h 16. Replica speciale il 31 dicembre alle h 20,30

PREZZI: intero 32,50€; martedì posto unico 21,50€; ridotto under25 e over65 17€; under18 e scuole 12€. Replica del 31 dicembre spettacolo + party + brindisi di mezzanotte 70€

— Mamma Mia! il musical ( Teatro Arcimboldi 13 dicembre – 6 gennaio)

Ancor più nel corso periodo natalizio si ha voglia di stare tutti insieme con famiglia e amici più cari. Quale occasione migliore se non Mamma mia! per divertirvi, riassaporando magari una storia che sapete a memoria per poi ritrovarvi a cantare insieme agli interpreti.

DURATA: 140′

ORARI: dal 13 al 29 dicembre h 21; domenica 30 dicembre e 6 gennaio h 16; martedì 1 gennaio h 17; dal 3 al 5 gennaio h 21.

PREZZI: da 29€ a 59€ (diritti di prevendita inclusi)

— Peter Pan Forever – Il Musical (Teatro degli Arcimboldi 8 – 13 gennaio)

Questo spettacolo è in tournée ormai da dodici anni continuando a riscuotere successo. “Rock, letteratura e filosofia: Peter Pan forever – Il Musical riunisce nei suoi 160 minuti i magici personaggi nati dalla mente di James Matthew Barrie che con ‘Peter e Wendy’, romanzo del 1911 ambientato negli stupendi giardini di Kensington, ha creato un mito ancora oggi attualissimo capace di toccare tante sfere
della nostra società: da quella psicologica a quella filosofica, entrando nel mondo della letteratura e in quello della musica con Edoardo Bennato e il famosissimo album ‘Sono solo canzonette’, che ha consacrato Peter Pan e tutto il suo mondo nell’olimpo della musica italiana.
La fiaba come racconto capace di ironizzare, capace di trasformare anche i personaggi più negativi in personaggi divertenti attraverso l’esasperazione dei difetti visti in chiave comica” (dalla scheda).

In scena nei ruoli principali Giorgio Camandona (Peter Pan), Martha Rossi (Wendy), Emiliano Geppetti (Capitan Uncino), Jacopo Pelliccia (Spugna). Regia di Maurizio Colombi.

DURATA: 140′ più intervallo

ORARI: da martedì a venerdì h 21; sabato h 17 e h 21; domenica h 11 e h 17

PREZZI: da 23€ a 63€

— Slava’s Snowshow (Piccolo Teatro Strehler 27 dicembre – 13 gennaio)

Una proposta che incanterà letteralmente grandi e piccoli. Al nostro pezzo tutte le info a riguardo.

DURATA: 100′ con intervallo

ORARI: martedì (eccetto 1 gennaio, riposo) e giovedì h 19,30; sabato h 15 e 19,30; mercoledì e venerdì h 20,30; domenica h 16 e h 20,30;
lunedì riposo (eccetto lunedì 31 dicembre con recita alle h 16).

PREZZI: platea 40€; balconata 32€

Etichette: