Pubblicato in: Festival

Oltre 60 eventi, un villaggio in Porta Venezia e la grande parata: riecco il Milano Pride

milano pride 2019
Foto: Alice Redaelli

Sarà il motto #LaPrimaVoltaFuRivolta a guidare la parata del Milano Pride 2019 di sabato 29 giugno, durante la quale il popolo arcobaleno della comunità LGBT+  sfilerà compatto per le vie della città: un grande segnale, quello dell’annuale appuntamento, per lanciare un messaggio di inclusione che superi ogni discriminazione e pregiudizio, e che quest’anno è particolarmente importante perché cade in occasione del 50° anniversario dei Moti di Stonewall.

Il riferimento è quello alla rivolta della sera del 28 giugno 1969 nello Stonewall Inn di New York che diede vita al movimento di liberazione LGBT+. In tutto però saranno 10 i giorni della cosiddetta Pride Week, 60 eventi che comprendono mostre fotografiche, spettacoli teatrali, incontri e conferenze, ma anche installazioni, party, contest ed eventi sportivi.

Sono questi i numeri che caratterizzano l’edizione 2019 del Milano Pride, manifestazione dell’orgoglio gay, lesbico, bisessuale, transessuale, asessuale e intersessuale, promossa dal C.I.G. Arcigay Milano e dal Coordinamento Arcobaleno e ha il patrocinio del Comune di Milano e della città metropolitana di Milano.

Pride Square

Torna l’appuntamento con la Pride Square, il village diffuso che anima il quartiere di Porta Venezia da giovedì 27 a sabato 29 giugno. Oltre a Largo Bellintani, Piazzale Lavater e alla scalinata di via Vittorio Veneto, Milano Pride conquista anche Piazza Oberdan e il parcheggio antistante.

Piazzale Lavater

Il Rainbow Garden torna in Piazzale Lavater per la gioia dei più piccoli e di tutte le famiglie, comunque siano esse composte. Gonfiabili da scalare, bolle di sapone e giochi per educare i bambini alla diversità e alla condivisione. In occasione del 50° anniversario di Stonewall, il racconto dei moti è stato adattato in favola e va in scena giovedì 27 alle 18 con uno spettacolo di burattini, mentre venerdì 28 alle 18 è raccontato da tre drag queen.

Il Rainbow Garden è un’iniziativa fortemente voluta da Milano Pride e dall’associazione Famiglie Arcobaleno insieme a CIG e Rete Genitori Rainbow in collaborazione con il Blanco, il Ristorante Olio e la Gelateria Wally.

La scalinata di Via Vittorio Veneto

Anche quest’anno, l’iconica scalinata che da via Lecco conduce ai bastioni di Porta Venezia, si illuminerà dei colori rainbow e ospiterà un lounge bar e un dj set per animare le serate della Pride Square.

Largo Bellintani

Largo Bellintani è invece dedicata a coloro che rendono possibile il Milano Pride. Un’opportunità per conoscere le associazioni, le aziende e i gruppi LGBT+ che sono impegnati a diffondere i messaggi e valori del Pride 365 giorni all’anno.

Venerdì 28 dalle 19.00 Checcoro, Diversa Vox – entrambi cori LGBT* e il coro al femminile Good News celebrano insieme alla città la magica notte del cinquantesimo anniversario dei Moti di StoneWall con canti d’amore, di lotta e di gioia. In Largo Bellintani anche il gruppo salute del CIG Arcigay, LILA Milano ONLUS e ASA ONLUS Milano con una postazione dove tutti potranno sottoporsi a test HIV rapidi e gratuiti.

Quest’anno il palco di Largo Bellintani ospiterà anche 2 serate condotte da La Wanda Gastrica. Giovedì 27 alle 21 saranno eletti i tre rappresentanti del Nord che gareggeranno il 23 agosto a Torre del Lago per aggiudicarsi il titolo de “Il Gay più bello d’Italia 2019”;

Venerdì 28, invece, ci sarà la serata DragRemo, il musical con La Wanda Gastrica, Peperita, Madama Twirly e la Caloggera.

Piazza Oberdan

La Pride Square di Milano Pride 2019 si arricchisce di due nuove location: piazza Oberdan e il parcheggio antistante.

La piazza è dedicata allo sport. I Gruppi Sportivi di Pride Sport Milano allestiscono un vero e proprio campo sportivo per invitare i milanesi a provare diversi sport: calcetto, tennis, running e volley. In programma anche dimostrazioni di taekwondo e quidditch.

L’area parcheggio avanti alla piazza è invece dedicato al food&beverage grazie alla presenza di alcuni sponsor del settore: è inoltre presente anche uno stand dove poter provare trucchi e acconciature di tendenza.

La sera di giovedì 27 migranti e nuovi e vecchi cittadini e cittadine milanesi parteciperanno ad una grande tavolata, un momento conviviale a cielo aperto per conoscersi, raccontarsi e condividere il piacere di stare insieme

Per il programma degli eventi si consiglia di consultare il sito ufficiale .

PRIDE-SQUARE-mappa-min

Pride Week

Per quanto riguarda la Pride Week ecco alcuni degli appuntamenti più interessanti che si svolgeranno durante i dieci giorni.

Venerdì 21

Inaugura la mostra La Prima Volta Fu Rivolta curata da Alice Redaelli e in collaborazione con l’Istituto Italiano di Fotografia che racconta la campagna fotografica Milano Pride 2019 e celebra l’importanza dell’intersezionalità nella battaglia per i diritti e contro le discriminazioni e le violenze.

21-30 giugno,@ Pop Milano, via Tadino 5, M1 Porta Venezia. Ingresso libero.

Sabato 22 e domenica 23

Il Teatro Elfo Puccini propone un doppio spettacolo che rende omaggio a Mario Mieli, filosofo, poeta, scrittore e attivista considerato tra i fondatori del movimento LGBT Italiano e teorico degli studi di genere. Per cominciare, la prima mondiale dell’opera musicata da Marco Benetti, liberamente tratta dalla pièce di Mieli La Traviata Norma: una satira pungente dell’eterosessualità – e forse anche dell’omosessualità – che sebbene scevra da una contingenza di natura politica offre spunti di riflessione sulla società contemporanea.

A seguire, come in una seduta spiritica, Abracadabra – Incantesimi di Mario Mieli evoca lo scrittore morto suicida all’età di 30 anni nel 1983. Lo spettacolo di Irene Serini ripercorre il pensiero rivoluzionario, folle e al contempo lucido, di Mieli che ha indagato il difficile rapporto con la femminilità propria di ogni essere umano, con l’identità di genere e con il desiderio represso.

• 22 giugno 19:30 e 20:30, 23 giugno 18:00 e 19:00 @ Teatro Elfo Puccini, Corso Buenos Aires 33, M1 Porta Venezia.

Lunedì 24

Accenture, TIM, Parks e Milano Pride organizzano Startup&Inclusione, un evento sul tema delle start up in un’ottica di inclusione con chiave prevalente LGBT, ovvero su quanto innovazione e inclusione siano un binomio imprescindibile anche all’interno di una start up.

Ore 17 @ Accenture Innovation, piazza Gae Aulenti 8, M2-M5 Porta Garibaldi.

Martedì 25

Milano Pride e Fast Track City Milano ferma l’AIDS invitano clinici, rappresentanti del mondo associazionistico e accademico alla Casa dei Diritti per un talk ed evento di sensibilizzazione sul tema delle malattie sessualmente trasmissibili.

Ore 18.30 @ Casa dei Diritti, Via Edmondo de Amicis 11, M2 S. Ambrogio. Ingresso libero.

Mercoledì 26

Prevenzione e responsabilità sono al centro anche nell’incontro Papilloma Virus (HPV): Istruzioni per l’uso organizzato dal Gruppo Salute di Milano Pride.

Ore 18, Pop Milano, Via Alessandro Tadino 5, M2 Porta Venezia. Ingresso libero.

Presso Microsoft House, la scrittrice e attivista transgender Monica Romano conduce un evento sulla transessualità. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ufficialmente rimosso la transgenerità dall’International Classification of Diseases. Come rispondono le istituzioni, i medici e i professionisti a questi significativi cambiamenti in atto? Dove e come si situano gli attivismi e le pratiche – inclusa quella dell’elaborazione culturale transgender – rispetto a queste rivoluzioni?

Ore 20 @ Microsoft House, Viale Pasubio 21, M2-5 Porta Garibaldi. Gratuito su prenotazione

Giovedì 27

Alla Libreria Tadino, la sezione Salute del CIG Arcigay Milano presenta Silver Rainbow, il progetto che contrasta le solitudini involontarie della popolazione anziana LGBTI, promuove l’invecchiamento positivo, il dialogo intergenerazionale e la promozione dell’accoglienza e della visibilità in contesti non LGBTI. Viene anche presentate lo studio Gli anni che passano, un sondaggio on-line realizzato nell’ambito del progetto e realizzato da Arcigay Associazione LGBTI Italiana grazie a un finanziamento del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociale. Lo studio si è occupato di invecchiamento e di vecchiaia delle persone LGBTI+ fotografando la situazione esistente all’inizio del 2019.

Ore 18 @ Libreria Tadino, Via Tadino 18,M1 Porta Venezia. Ingresso libero.

Venerdì 28

Una fiaccolata che unisce Milano alle celebrazioni del World Pride di New York. L’appuntamento aperto a tutti è alle 21.30 in Piazzale Lavater; dopo l’accensione delle candele, verranno lette alcune testimonianze dei protagonisti dei Moti. Per l’occasione viene inaugurato il primo ‘monumento’ LGBT+ di Milano: la panchina Rainbow, realizzata dalla Social Street di Via Morgagni con il CIG Arcigay e con il patrocinio del Comune di Milano. La commemorazione è preceduta alle 19.00 in piazza Bellintani, da un concerto di voci dei tre cori LGBT+ di Milano: CHECCORO, Diversa Vox e Good News.

Ore 19 – 21.30 @Piazzale Lavater, M1 Porta Venezia

Ambra Angiolini sarà l’artista ospite della magica tappa artistica e teatrale di “VIVA LA VIDA” in viaggio con FRIDA KAHLO, spettacolo in programma venerdì 28 giugno per l’Estate Sforzesca nell’ambito di un progetto con le detenute di San Vittore. Insieme a lei ci vengono a trovare anche Elodie Lebigre della Compagnia del Carnevale di
Viareggio e la Frida principale del carro di Viareggio “Adelante”, Sonia Cortopassi, che si muoverà danzando nella performance delle attrici detenute. Gilberta Crispino, attrice e cantante storica del CETEC, farà rivivere la voce di Chavela Vargas, cantante messicana originaria della Costa Rica tanto amata dalla pittrice. Sul palco Ambra Angiolini, Gilberta Crispino e la stessa Massimilla daranno corpo a pagine dal Diario di Frida e voce a canzoni e poesie dedicate a Frida dalle detenute che ancora non hanno il permesso di uscire dal carcere. Per l’occasione una vera e propria chicca: a partire dalle 19 trucco a tema Frida con la make up artist Tania Sartini. Sarà presente anche lo stand coi lavori artistici dedicati a Frida Kahlo di Giuliano e Linda Grittini, i cui proventi andranno a sostegno dei laboratori teatrali tenuti dal CETEC.

Ore  19 – 21 @Castello Sforzesco, M1 Cadorna

Domenica 30

Spirito di squadra, sana competizione, rispetto e voglia di vincere. Lo sport supera le differenze e attiva l’amicizia. Per questo i Gruppi Sportivi di Pride Sport Milano invitano tutti i milanesi sopravvissuti alla parata e alle serate conclusive di Milano Pride al Quanta Club per partecipare a tornei di beach volley, calcetto, e tennis.

Ore 15-19 @ Quanta Club, Via Assietta 19, M3 Affori.

Per il programma degli eventi si consiglia di consultare il sito ufficiale .

La parata del Milano Pride

Anche quest’anno la tradizionale parata, prevista per sabato 29 giugno, vedrà il ritrovo preliminare Piazza Duca D’Aosta alle 16.00 (Metropolitana MM2 e MM3 Centrale), con un percorso allungato: dopo aver attraversato via Vitruvio si prosegue lungo via Settembrini e via Venini sino a svoltare in via Pierluigi da Palestrina per immettersi in Corso Buenos Aires e arrivare quindi fino a Piazza Oberdan.

Qui, sul palco principale va in scena lo spettacolo conclusivo condotto da Debora Villa e Daniele Gattano. Momenti di musica e festa sono alternati ai discorsi delle istituzioni e delle associazioni. L’evento si conclude con il flashmob organizzato da Angelo Cruciani.

Sono attese circa 250mila persone.

Milano-Pride-Mappa_percorso_Parata_2019-768x757-min

Per garantire maggiore inclusione è attivo il Progetto Accessibilità che ha come obiettivo l’integrazione di tutti gli individui per contrastare pregiudizi, discriminazioni o emarginazioni causate da disabilità (sensoriali e/o fisiche): nella pratica si tratta di un servizio di accompagnamento per persone non vedenti o con difficoltà motorie e in un servizio di interpretariato in LIS per le persone sorde. Per informazioni accessibilita@milanopride.it

Etichette: