Pubblicato in: Mostre

Gallerie d’Italia riapre con il tour virtuale della mostra “Tiepolo. Venezia, Milano, l’Europa”

RedazioneRedazione 4 mesi fa
Tiepolo_VirtualTour

Le Gallerie d’Italia di Milano riaprono virtualmente le porte del museo grazie a un 3D virtual tour, realizzato in collaborazione con Skira, della mostra “Tiepolo. Venezia, Milano, l’Europa”, chiusa pochi giorni dopo l’inaugurazione il 30 ottobre 2020 a causa delle nuove misure contro il Covid.

Dal sito di Gallerie d’Italia è possibile visitare virtualmente la mostra e soffermarsi su tutte le opere presenti nel percorso espositivo.

La visita interattiva è arricchita da alcuni video di approfondimento su un nucleo selezionato di opere e integrata da un’innovativa esperienza audio immersiva grazie alla quale, attraverso la voce di Giandomenico Tiepolo, figlio dell’artista e talentuoso pittore, si possono scoprire la vita e le più significative opere in mostra del genio settecentesco.

tiepolo-cleopatra-dipinto-min
Gianbattista Tiepolo, Il banchetto di Cleopatra, 1696-1770, olio su tela, 46,30 x 66,70 cm, Londra, The National Gallery © The National Gallery, London. Presented by the Misses Rachel F. and Jean I. Alexander; entered the collection, 1972

Tiepolo. Venezia, Milano, l’Europa: la mostra

In occasione dei duecentocinquanta anni dalla morte di Giambattista Tiepolo (Venezia 1696 – Madrid 1770), è stata realizzata la prima mostra a Milano a lui dedicata. L’esposizione, in programma alle Gallerie d’Italia a Milano fino al 21 marzo 2021, presenta circa settanta opere, di cui 40 autografe dell’artista veneziano e 30 di artisti a lui contemporanei, tra cui i figli.

Il percorso espositivo, curato da Fernando Mazzocca e Alessandro Morandotti, è strutturato in otto sezioni che ripercorrono la vicenda artistica del maestro veneziano, dagli esordi a Venezia, attraverso l’esperienza a Milano, fino alle grandi committenze presso le corti europee di Germania e Spagna.

In mostra si trovano capolavori straordinari, tra cui le giovanili mitologie delle Gallerie dell’Accademia di Venezia, i grandi cicli di tele per i palazzi veneziani, una serie di opere realizzate a Milano e restaurate per l’occasione. Queste ultime normalmente sono poco o per nulla accessibili al pubblico. Si tratta degli affreschi della basilica di Sant’Ambrogio e quello eseguito per Palazzo Gallarati Scotti.

Inoltre sono presenti alcuni disegni e un meraviglioso bozzetto proveniente dal Kimbell Art Museum di Fort Worth (Stati Uniti) che mostrano le fasi preparatorie dell’affresco per la Galleria al piano nobile di Palazzo Clerici.

Tiepolo-affresco-min
Gianbattista Tiepolo, Trionfo della Nobiltà e della Virtù, 1740 ca, affresco staccato, 283 x 283 cm, Collezione privata. Crediti fotografici: Giuseppe e Luciano Malcangi

Le produzioni tedesche sono esemplificate dal bozzetto per una sala della Residenza di Würzburg proveniente da Stoccarda e dal Banchetto di Antonio e Cleopatra, documentato nella variante della National Gallery di Londra.

Gli anni della Germania e della Spagna sono gli anni della stretta collaborazione tra Tiepolo e i figli, particolarmente con Giandomenico: la mostra si chiude emblematicamente su un confronto tra padre e figlio, con il San Francesco d’Assisi riceve le stimmate di Tiepolo padre, dal Museo del Prado, e Abramo e i tre angeli di Giandomenico, dalle Gallerie dell’Accademia di Venezia.