Pubblicato in: Viaggi

San Valentino fuoriporta: 8 idee di viaggio per gli innamorati

Beatrice Curti 3 settimane fa
san-valentino-idee-viaggio (2)

San Valentino quest’anno cadrà di mercoledì, permettendo a tutti gli innamorati di godersi un weekend romantico prima (o dopo) la data fatidica. E poi, in fondo, serve davvero una data in particolare per programmare un viaggio insieme?

Quali sono i luoghi più romantici dove scappare? Ve ne suggeriamo otto, dando ampio spazio a tutti i gusti, tra centri benessere da sogno, città d’arte, escursioni con viste mozzafiato e weekend all’insegna del lusso e del relax. Prendete spunto e fate (o fatevi) un regalo!

Verona: romanticismo puro

Dimenticatevi di Romeo e Giulietta. Verona è conosciuta da tutti come “la città dell’amore”, ma è molto più di questo. Incastonata tra le colline della Valpolicella, le montagne della Lessinia e il lago di Garda Verona è un vero e proprio tesoro da scoprire a poca distanza da Milano, perfetta per un weekend rilassato all’insegna del romanticismo.

Il centro storico della cittadina unisce le vestigia di epoca romana come l’Arena, il famosissimo anfiteatro usato per eventi e concerti durante l’estate, alle costruzioni di epoca medioevale, come il bellissimo castello scaligero affacciato sull’Adige, collegato all’altra sponda del fiume da un ponte tra i più romantici della città, specialmente al calar della sera.

Il punto top per concludere il fine settimana? Una dichiarazione d’amore sulle colline delle Torricelle, da cui si domina dall’alto tutto il centro storico. Tra i posti da non perdere per una cenetta a due di tutto rispetto sicuramente l’Osteria S. Mattia, con una terrazza invidiabile su Verona, mentre per un aperitivo speciale consigliamo Le Cantine de l’Arena, un posto amatissimo dai locali. Con una bella giornata è possibile bere un drink o pranzare con vista su Piazza Bra, mentre la sera o con il brutto tempo gli interni risalenti al Settecento non faranno certo rimpiangere la vista.

Weekend al castello

Cosa c’è di più romantico di un castello? Chi ama i weekend esplorativi o vuole trascorrere una giornata fuori porta per fare ritorno in poche ore a Milano, i castelli lombardi sono dei veri tesori. Il Castello di Zavattarello ad esempio. In provincia di Pavia, con i suoi 79 ettari di parco domina dall’alto la vallata sottostante ed è spesso sede di eventi e rievocazioni storiche.

Se quello che cercate sono i panorami mozzafiato, niente batte il Castello di Vezio: una rocca incastonata tra le montagne a picco sul lago di Como, conosciuto anche come il castello dell’Innominato, perché si crede che qui abitasse uno dei personaggi più iconici e indimenticabili dei Promessi Sposi. Se poi siete alla ricerca del brivido non mancano le magioni infestate dai fantasmi!

Uscendo dalla Lombardia ed entrando nelle provincie di Parma e Piacenza, si trova il circuito dei Castelli del Ducato. Si tratta di un consorzio che unisce alcuni tra i più bei castelli dell’Emilia, dove oltre a visite guidate ed eventi è possibile anche pernottare!

San Valentino alle terme

Luci soffuse, acqua calda, musica rilassante e relax totale: cosa c’è di meglio durante la festa dedicata all’amore che amare sé stessi? Una giornata alle terme, che sia con la vostra dolce metà, da soli o con un gruppo di amici è sempre la scelta giusta.

Dalle vicinissime QC Terme di Porta Romana a Milano, vera oasi di benessere nel cuore della metropoli, circondata dalle mura spagnole in cui è possibile fare una sauna all’interno di un tram originale degli anni Venti, fino alle spettacolari Terme di Saturnia, rese famosissime in tutto il mondo dalle scenografiche vasche naturali nel cuore della Maremma Toscana. Da oltre 3.000 anni fuoriesce ininterrottamente dal cuore della terra all’interno di un cratere, alla temperatura costante di 37,5°C. La Via dell’acqua più famosa d’Italia inizia il suo percorso dalle pendici del Monte Amiata e viaggia sotterranea per quarant’anni prima di emergere arricchita di minerali nella vasca Sorgente.

Senza spostarsi troppo da Milano è possibile concedersi una giornata di meraviglioso relax da Monticello Spa&Fit, con i suoi 5 mila mq di superficie, tra vasche idromassaggio, bagni di vapore, saune e trattamenti di ogni tipo. La sera del 14 febbraio con l’esclusiva festa dedicata a tutti gli innamorati: dalle 17.30 a mezzanotte le coppie di innamorati potranno godere di due ingressi SPA, con fornitura telo, e di una sfiziosa cena a buffet presso il Bistrot. Durante la serata ci saranno cerimonie di benessere a tema e dalle 22 alle 22.45 è prevista l’esibizione live del duo Black&White, che delizieranno gli ospiti con una selezione delle più romantiche canzoni d’amore, il tutto in una suggestiva coreografia di luci e lanterne a bordo vasca.

Ferrara: arte e gastronomia da sogno

Ferrara è una città che tutti conoscono ma che pochi possono dire di aver visitato. Eppure non è così lontana da Milano: circa 3 ore d’auto o poco più di un’ora e 30 in treno. Si tratta di una tra le cittadine più belle dell’Emilia-Romagna, patrimonio dell’UNESCO dal 1995 e tra le capitali della gastronomia italiana.

La signoria degli Este trasformò Ferrara in un centro culturale di primissimo livello, dove artisti, letterati e grandi menti del Rinascimento venivano per mettersi al servizio dei signori della città. Il fermento culturale e la trasformazione urbanistica della città (la famosa “addizione erculea”, da Ecole d’Este, promotore della riforma) le valsero il titolo di “prima capitale moderna d’Europa”.

Le stradine medioevali del centro storico sembrano essersi congelate nel tempo, mentre la vita notturna e la proposta di ristoranti e locali dove mangiare sono in continuo movimento. Questi contrasti fanno di Ferrara una location ideale per un weekend a due, durante il quale girare in bicicletta per il centro, provare le specialità tipiche del luogo e visitare le splendide sale del Castello Estense e di Palazzo Schifanoia, dove passeggiavano figure del calibro di Lucrezia Borgia, Isabella d’Este, Ludovico Ariosto e Pico della Mirandola (solo per dirne alcuni!).

Trenino del Bernina: un classicone da provare almeno una volta

Da Tirano a St. Moritz e ritorno: questa è la tratta che il trenino rosso del Bernina compie ogni giorno dal 1910. La tratta ferroviaria alpina più alta d’Europa è diventata famosissima ed è frequentata in ogni stagione. Il percorso di 61 km si snoda tra laghi, montagne, ghiacciai e panorami unici al mondo, tanto da valergli l’inserimento nel 2008 tra i patrimoni dell’UNESCO.

Si parte dai 429 m.s.l.m di Tirano per arrivare ai 2253 di Ospizio Bernina, il punto più alto del percorso. Durante il viaggio sulle carozze panoramiche (aperte da ogni lato per godersi tutto il paesaggio possibile) si attraversano 55 gallerie, 196 viadotti e pendenze fino al 70 per mille. Il viaggio può essere arricchito dal pernottamento all’arrivo o da una cena romantica nei ristoranti selezionati dai pacchetti in offerta. Il paesaggio alpino, il lento correre del treno e gli impressionanti viadotti che il piccolo trenino rosso attraversa come una capretta di montagna sono tra le cose più romantiche che vivrete mai: un classicone da non perdere!

Genova mon amour

Genova non è la prima città che vi viene in mente quando pensate al romanticismo? Niente di più sbagliato! Nonostante la scorza un po’ dura, Genova è una città dove perdersi per una fuga romantica un po’ diversa dal solito. Tra i caruggi e le creuze il capoluogo della Liguria ha tanto da offrire: musei, mostre, angoli mozzafiato e ristorantini indimenticabili per esempio.

Chi ama il fascino delle città di mare non può che cedere davanti a Genova, raggiungibile da Milano comodamente in treno (lasciate pure l’auto a casa, non vi mancherà). Non ci sono indicazioni precise su cosa fare e vedere a Genova, ma solo un suggerimento: perdersi. Camminate tra le viette del porto antico e tra le strade eleganti del centro. Fotografate i Palazzi dei Rolli e sentite il profumo del mare e del vento al Porto Antico.

Per la cena a Genova non c’è solo la pasta al pesto, ma una grande tradizione culinaria tra mare e terra, che abbraccia popoli e culture diverse. Da provare il piccolissimo O Boteco do Bonde Amarelo, dove gustare la tipica cucina casalinga portoghese. Per avere invece un assaggio della cucina genovese vi consigliamo Officina 34, un locale immerso nei caruggi dove gustare i piatti della tradizione accanto a ottimi vini, in una location curata perfetta per una serata a due.

Parigi: toccata e fuga oltre confine

Lo sapevate che a Milano è stata attivata una tratta ferroviaria che arriva direttamente a Parigi in 6 ore? Un sogno per chiunque voglia visitare la Ville Lumiére. Cosa vedere a Parigi durante il weekend di San Valentino? In una città così grande e così bella si ha l’imbarazzo della scelta, ma cerchiamo di farvi qualche piccola indicazione per godervela al meglio in così poco tempo. Ecco 5 must da non perdersi in un weekend parigino (mancano ovviamente posti enormi come il Louvre, non una dimenticanza ma una scelta dettata dalle tempistiche):

  • Tour Eiffel: il monumento simbolo della città merita almeno una visita, magari senza necessariamente salire in cima. La vista della torre, costruita durante l’Expo del 1889 in forma temporanea, è impagabile dalla terrazza del Trocadero, da cui si può vedere anche il Champ-de-Mars, il grande parco ai piedi della torre dove con il bel tempo parigini e turisti si godono il sole.
  • Le mur des Je T’Aime: il “muro dei Ti Amo”, una delle mete più amate e fotografate di Parigi. Una meta da non saltare proprio a San Valentino! Si tratta di un’opera dell’artista Frédéric Baron realizzata ai piedi di Montmatre, precisamente in Square Jean Rictus 75018, che riporta scritte su un muro di piastrelle blu la parola “ti amo” pronunciata in 311 lingue e dialetti di tutto il mondo.
  • Musée d’Orsay: tra i musei più belli d’Europa, il Museo d’Orsay sorge all’interno di un’antica stazione, riconvertita in spazio espositivo dall’architetta milanese Gae Aulenti. Un pezzettino di casa in terra straniera. Qui si trovano esposti i più importanti artisti del XIX e XX secolo, il periodo d’oro dell’arte francese: Van Gogh, Gauguin, Monet, Pissarro e tantissimi altri. La stessa location merita una visita, con la sua struttura in ferro e vetro e il grande orologio-finestra da cui si ammira tutta la città.
  • Sacré-Cœur: un posto magico, dove sedersi e ammirare la città dall’alto mentre artisti di strada suonano canzoni popolari francesi. La chiesa bianca che domina Montmatre sembra uno sbuffo di panna sopra una torta, ma è tra i luoghi più iconici e più amati dai giovani innamorati, parigini e non. Un luogo dove fermarsi e godere in silenzio della presenza dell’altro.
  • Notre Dame de Paris: certo, vederla dopo il terribile rogo del 2019 non è la stessa cosa rispetto a prima, quando la fleche, la guglia detta la fiamma, dominava il tetto della cattedrale gotica, costruita a partire dal XIII secolo. Visitare Notre Dame resta comunque un’esperienza unica, per la sua imponenza e per la lunghissima storia che ha coinvolto le sue mura: dalle devastazioni della Rivoluzione al recupero dopo l’uscita del romanzo omonimo di Victor Hugo fino ad oggi, in cui si sta tentando un delicatissimo intervento di restauro e ricostruzione del tetto.

Matera: San Valentino al caldo

Non bisogna fare troppe ore di volo per trascorrere San Valentino al caldo: basta andare al sud, dove le temperature già da alcuni giorni sono oltre i 20 gradi. Tra le città più romantiche del sud Italia spicca Matera, un luogo unico al mondo dove trascorrere un weekend a tu per tu con la vostra metà.

Il modo migliore per godersi Matera è pernottare in una grotta, nel cuore dei famosi Sassi, i due “quartieri” del centro storico. Le soluzioni sono tantissime, adatte a tutte le tasche: si va dalle esclusive camere di design fino a alberghi più semplici ma ugualmente eleganti e ricchi di fascino. Dormire in una grotta materana è tra le esperienza da fare almeno una volta nella vita.

Il centro storico di Matera è un saliscendi di scorci incredibili, da cui si può osservare la natura selvaggia che circonda la città, da cui è separata da un abisso scavato nella roccia dal vento e dall’acqua. Non sorprende che il paese, lasciato in stato di semi-abbandono a partire dagli anni Cinquanta quando la popolazione venne sfollata dai sassi per questioni igienico sanitarie, e recuperato solo dalla fine degli anni Ottanta, sia diventato la location di moltissimi film: L’ultima tentazione di Cristo di Martin Scorsese, La passione di Cristo di Mel Gibson e per ultimo No Time to Die, il film di James Bond uscito nel 2021.

Dopo aver camminato per ore la fame si fa sentire e Matera risponde con cialledde, peperone crusco, orecchiette, pane fatto in casa e crapiata. Tutti piatti della tradizione povera di una terra aspra, abitata da persone orgogliose delle loro origini, che hanno trasformato quella che venne definita “la vergogna d’Italia” in un vero orgoglio a livello internazionale.