Pubblicato in: Teatro

Uno, nessuno e centomila: al Teatro Sala Fontana il classico di Pirandello

Marco Valerio 4 anni fa

uno-nessuno-centomilaAl Teatro Sala Fontana da martedì 14 aprile il regista e attore Roberto Trifirò porta in scena Uno, nessuno e centomila, uno dei testi più celebri, amati e rappresentati di Luigi Pirandello.

Si tratta dell’opera di Pirandello che più si occupa dell’Io e del il suo rapporto con gli altri è senz’altro, seguendo la ricerca dell’identità personale di un uomo, Vitangelo Moscarda, dalla prima consapevolezza fino alla conclusione provvisoria.

Nel romanzo il protagonista narra le vicende del “male” esistenziale della propria passata storia terrena e del “rimedio” messo in atto per trasfigurarla. Distruggere i centomila estranei che abitano in ognuno, le centomila opinioni che gli altri hanno di lui diventa per Moscarda una missione, un’ossessione che sgretola la realtà nell’infinito vortice del relativismo.

Il protagonista racconta la frantumazione della propria identità a partire da una banale osservazione sul suo naso compiuta dalla moglie e dalla conseguente apparizione, nello specchio, di un Moscarda dal naso storto, un doppio inquietante perché finora sconosciuto alla sua coscienza.

Dopo le regie e interpretazioni di Non si sa come e Il piacere dell’onestà, oltre a quelle tratte dalle novelle Piccinì e Notizie del mondo, prosegue con Uno, nessuno e centomila la ricerca di Roberto Trifirò sull’opera di Luigi Pirandello.

“Partire da un testo letterario” – spiega l’attore e regista – “ha richiesto come primo passo una scrittura scenica pronta a modificarsi, a trasformarsi nel corso delle prove, principalmente nell’atto della traduzione corporea dei cinque personaggi che agiscono sul palcoscenico”.

“Il protagonista Vitangelo Moscarda” – sottolinea Roberto Trifirò – “si presenta come una paradossale antitesi moderna di Don Chisciotte: alimenta quella che appare come una malattia attraverso un’implacabile lucidità visionaria, che coincide con l’accanito strumento della riflessione, del ribaltamento di prospettiva, dove però l’antieroe non riesce a compiere la fuga definitiva – nell’universo che agli altri appare quello della follia – oltre ogni possibile purificazione che lo riconduca indietro, rinsavito e guarito”.

Sul palcoscenico del Teatro Sala Fontana Roberto Trifirò sarà affiancato da Federica Armillis, Laura Piazza, Alessandro Tedeschi e Emanuela Villagrossi.

Uno, nessuno e centomila sarà in replica al Teatro Sala Fontana fino a domenica 26 aprile.

ORARI:

Martedì, mercoledì, giovedi e sabato ore 20.30, venerdì ore 19.30, domenica ore 16.00

Etichette: