Pubblicato in: Teatro

Quattro spettacoli teatrali da vedere a Milano dal 17 al 23 aprile 2017

ph Alessandro D'Amico

 

Avete l’imbarazzo della scelta su cosa vedere a teatro? Vi state chiedendo come impiegare, culturalmente, quella sera libera o la domenica pomeriggio? Come ogni lunedì, Milano Weekend vi segnala alcune opere in cartellone nella nostra città: un nuovo appuntamento con lo #spiegoneteatri.

Ecco cosa vedere a teatro a Milano nella settimana dal 17 al 23 aprile 2017

Alcuni consigli sugli spettacoli in cartellone

— Lampedusa Way (Piccolo Teatro Studio Melato 19 – 23 aprile)

Siamo arrivati all’ultima stazione della Trilogia del Naufragio di Lina Prosa, percorso doloroso nel dramma migratorio in forma quasi di teatro eroico. Lampedusa Way “racconta il viaggio di Mahama e Saif, più volte evocati nei due capitoli precedenti, che raggiungono l’isola siciliana alla ricerca dei profughi Shauba e Mohamed. La ricerca del cadavere, il suo recupero, il ritorno in patria e il rituale del lutto sono tappe del grande viaggio all’interno di una cultura mediterranea, forse irrimediabilmente disgregata, e il mistero dell’esistenza umana, sul quale la cronaca ci costringe ogni giorno tragicamente a riflettere (dalla nota ufficiale). “In ‘Lampedusa Beach’ e ‘Lampedusa Snow’” – scrive Lina Prosa – “ho lavorato con giovani attori e con loro ho vissuto un’esperienza legata proprio al sogno dell’attore, quando l’attore deve ancora trovare il suo approdo, i suoi paesaggi, la sua Lampedusa. In Lampedusa Way, invece, ho lavorato con due attori di grande spessore artistico, già all’apice dell’esperienza attoriale, e qui la sfida è andata oltre sul piano creativo. Con Maddalena Crippa e Graziano Piazza, la maestria dell’attore ha trasformato Lampedusa in verità poetica, quindi luogo del futuro”.

DURATA: 75′

ORARI: martedì, giovedì e sabato h 19,30; mercoledì e venerdì 20,30; domenica 16.

PREZZI: platea 33€; balconata 26€

— Rosalyn (Teatro Verdi 4 – 23 aprile)

Due prove d’attrici da non perdere – Alessandra Faiella e Marina Massironi – per un thriller che vi terrà incollati alla poltroncina di velluto rosso. “Rosalyn ti disorienta. Rosalyn è quando pensi di aver capito tutto e invece no, non avevi capito niente. Rosalyn è un gioco di specchi. Rosalyn è comico, ma all’improvviso diventa tragico. È un gioco beffardo, disperato e violento. Senza scampo. Rosalyn è una sfida, un quiz, un meccanismo che si inceppa e tutto precipita. Ciò che appare non è e ciò che è non appare. Tentare di creare un rebus che vive e pulsa sul palcoscenico e che la platea è chiamata a risolvere, è un lavoro che da sempre mi stimola. È una prova di intelligenza, è la cura di ogni dettaglio, è sapienza registica. Non che mi riesca sempre bene, ma questo è un altro problema. Non ne nascono tanti di Hitchcock, temo che dovrete accontentarvi di me. Posso darvi la mia parola che, comunque vada, ce l’avrò messa tutta, e per fortuna non sono sola. Marina e Alessandra sono due attrici straordinarie, capaci di assumersi l’onere di questa prova. Sanno creare grande empatia col pubblico e sanno allo stesso tempo spingersi nei meandri dei dettagli, nel cuore del mistero. Edoardo (Erba, autore del testo, ndr) è uno scrittore che sa rendere fluide e avvincenti le trame, credibili e forti i personaggi. Insomma, signori, capite?, Rosalyn è il paese dei balocchi. Il mio personale paese dei balocchi. Altro non posso aggiungere, vogliate perdonarmi, ma sarebbe imperdonabile spoilerarvi anche solo un particolare di quanto accade in scena…prima regola del giallo…mantieni un misterioso contegno, un silenzio carico di suspance…shhh sta per cominciare…buio in sala…e che il mistero si compia” (dalle note di regia di Serena Sinigaglia).

DURATA: 80′

ORARI: da martedì a sabato h 20,30; domenica h 16,30

PREZZI: intero 20€; convenzionati 14€; ridotto under25 e over 65 10€; giovedì posto unico 10€.
Prevendita 1€.

— Stabat Mater (Campo Teatrale 18 – 23 aprile)

Torna a Milano uno spettacolo di The Baby Walk. In anteprima a Campo Teatrale arriva il secondo capitolo della Trilogia sull’Identità. Si tratta di una verifica importante per lo spettacolo che sarà presentato ufficialmente, in prima assoluta, alla Biennale di Venezia, nell’ambito del quarantacinquesimo Festival Internazionale del Teatro, diretto da Antonio Latella.

Se nel primo capitolo, ‘Peter Pan guarda sotto le gonne’, si affrontava il tema dell’infanzia transgender, qui “il protagonista, quel Peter Pan che guardava sotto le gonne, si chiama Andrea ed è un giovane uomo, ormai consapevole di vivere in una forma, quella femminile, che lo contraddice, lo ostacola, lo soffoca, e, tra esaltazioni erotiche e prosaica quotidianità, sta cercando uno spazio, una misura di personale adattamento alla realtà: riuscirà a sentirsi se stesso e adulto?” (dalla scheda ufficiale). “Cosa significa recidere il cordone ombelicale e farsi, a propria volta, potenziale genitore? Andrea è uno scrittore, un uomo in un corpo di femmina e un amante delle donne. Ha una fidanzata che vorrebbe costruire una famiglia con lui, una psicologa con la quale sta perdendo il punto dell’analisi e una madre lontana geograficamente, dalla quale non riesce a staccarsi. Tre donne, tre madri, dalle quali si staccherà e diventerà un individuo indipendente che non chiederà più di essere approvato” (dagli appunti della drammaturga e regista Livia Franceschetti).

In scena Chiara Leoncini, Alice Raffaelli, Stella Piccioni e la partecipazione di Laura Marinoni.

ORARI: da martedì a sabato h 20,30; domenica h 18,30

PREZZI: intero 20€; ridotto 14€ se si porta una bottiglia di vino o due confezioni di taralli da condividere dopo lo spettacolo; ridotto 10€ per gruppi di almeno cinque persone

Eventi teatrali

Stand Up Comedy (Teatro Franco Parenti 20 aprile)

Si avvia alla conclusione (siamo al terzultimo appuntamento) l’iniziativa di Stand Up Comedy per la stagione 2016 – 2017, da un’idea di Giuseppe Sapienza, Luca Ravenna e Raphael Tobia Vogel. Il 20 aprile la serata sarà animata da Francesco De Carlo, Saverio Raimondo e Nicolò Falcono.

ORARI: h 21,45

PREZZI: 12€ + 3€ prima consumazione (birra o analcolico) 3€

Etichette:

Forse sei interessato a: