Pubblicato in: Mostre

Carrà, Picasso e Caravaggio: le mostre da vedere a Milano in autunno

mostre milano autunno 2018
Pablo Picasso Le Baiser [Il bacio], 26 ottobre 1969 olio su tela, 97x130 cm Paris, Musée National Picasso Credito fotografico: © RMN-Grand Palais (Musée national Picasso-Paris) /Jean-Gilles Berizzi/ dist. Alinari Copyright: © Succession Picasso, by SIAE 2018

Sì, è vero, il clima è ancora piacevole, ma l’autunno è ormai entrato nel vivo. E questa stagione – altrettanto bella – porta sempre delle novità, specie in campo artistico. E Milano non può essere da meno.

Tante le mostre che aprono a ottobre e che hanno come protagonisti Carlo Carrà e Picasso – in mostra a Palazzo Reale -, Caravaggio e Tex– alla Permanente – mentre a novembre sarà la volta di Banksy al Mudec. Questo solo per dire i nomi più “grossi”, ma le novità non finiscono mica qui. E poi, poi ci sono sempre le mostre in corso e che chiudono a settembre tutt’altro che trascurabili.

Il nostro #spiegonemostre inizia con le novità della stagione, mentre più in basso trovate quelle ancora in corso.  Ovviamente, fate passaparola ché l’arte è più bella se condivisa.

Mostre alla Fabbrica del Vapore

Dinosaur Invasion [fino al 3 febbraio 2019]

Per gli appassionati di dinosauri, c’è un appuntamento da non perdere. Anzi una vera e propria mostra. Si intitola Dinosaur Invasion ed è l'”invasione pacifica” che prenderà il via alla Fabbrica del Vapore il 12 ottobre fino al 3 febbraio 2019.

Un’esposizione sui generis in cui ci saranno 30 dinosauri, ognuno da osservare nel suo ambiente, ricreato ctramite 17 isole interamente scenografate. Una mostra a grande impatto che, stando a quello che dicono gli organizzatori, coinvolgerà non solo i bambini, ma anche i ragazzi e le loro famiglie che potranno vivere un’esperienza diversa all’interno del grande parco giurassico realizzato.

Dinosaur Invasion sarà un indimenticabile viaggio a ritroso nel tempo, 250 milioni di anni fa nell’Era Mesozoica passando per il periodo Triassico, Giurassico e Cretaceo in cui la Terra era molto diversa da quella di oggi ed era dominata dai dinosauri, termine coniato nel 1842 dal paleontologo inglese Richard Owen dal greco “deinòs”, terribile e “sàuros”, lucertola.

Tutte le creature sono state progettate e costruite sulla base delle indicazioni di un team di paleontologi professionisti grazie ai quali è stato possibile riprodurre i dinosauri a grandezza naturale con massima precisione non solo nell’aspetto, ma anche nei movimenti. Tra questi il Tyrannosaurus Rex, lungo ben 12 metri e alto 9 metri.

La mostra è aperta dal martedì alla domenica dalle 10 alle 19.30. Costo del biglietto: 13 euro, ridotto 10.

Dinosaur Invasion
fino al 3 febbraio 2019
Fabbrica del Vapore
Per ulteriori informazioni: www.dinosaurimilano.it

Mostre al Museo del Cenacolo Vinciano

Leonardo da Vinci: prime idee per l’Ultima Cena [fino al 13 gennaio 2019]

Lo sapete: il 2019 sarà l’anno che la città di Milano dedicherà a Leonardo (in occasione dell’anniversario della sua morte), ma non bisogna aspettare tanto per vedere già delle iniziative in tal senso. Per esempio, sapevate che, oltre al Cenacolo, potrete vedere dieci disegni provenienti dalle collezioni di Sua Maestà la Regina Elisabetta II che anticipano la grande opera?

Ha preso il via il 10 ottobre la mostra “Leonardo da Vinci: prime idee per l’Ultima Cena” che si terrà al Museo del Cenacolo Vinciano fino al 13 gennaio 2019, all’interno del Refettorio di Santa Maria delle Grazie.

Dei disegni, realizzati in preparazione dell’Ultima Cena,  sette sono senz’altro di mano di Leonardo, due – tradizionalmente attribuiti dallacritica a Cesare da Sesto – vengono qui assegnati al Maestro toscano, mentre uno è attribuito a Francesco Melzi.

La mostra sarà inclusa nel normale prezzo del biglietto, ed è un omaggio del Polo Museale della Lombardia a Leonardo da Vinci.

I disegni esposti si raccolgono sostanzialmente in due blocchi. Un primo nucleo include gli studi d’insieme, ossia schizzi più rapidi, a penna, nei quali l’artista tenta lo studio della composizione nel suo complesso mentre i secondi sono per lo più a matita rossa o nera e si soffermano invece con immensa capacità di osservazione su singoli dettagli, di volti, di gesti o di piedi.

La mostra è corredata da un catalogo, pubblicato da Skira editore dal titolo “Leonardo da Vinci Prime idee per l’Ultima Cena. Disegni dalle Collezioni Reali inglesi”.

Leonardo da Vinci: prime idee per l’Ultima Cena
fino al 13 gennaio 2019
Museo Cenacolo Leonardo da Vinci
Per ulteriori informazioni:www.polomuseale.lombardia.beniculturali.it

Mostre alla Pinacoteca di Brera

Settimo Dialogo Attorno a Ingres e Hayez [fino al 20 gennaio 2019]

La Pinacoteca ritorna con uno dei suoi “Dialoghi” e l’appuntamento per questa stagione da non perdere è con il Settimo Dialogo “Attorno a Ingres e Hayez. Sguardi diversi sulle donne di metà Ottocento”.

Per questa edizione a dialogare saranno l’opera di Francesco Hayez, Ritratto di Teresa Manzoni Stampa Borri a confronto con tre importanti opere ospiti: il Ritratto di Madame Gonse di Jean-Auguste-Dominique Ingres del Musèe Ingres di Montauban, il Ritratto di Selene Taccioli Ruga di Francesco Hayez e il busto in gesso di Lorenzo Bartolini Ritratto di Anna Maria Virginia Buoni Bartolini entrambe provenienti da collezioni private.

In occasione dell’inaugurazione del Settimo Dialogo, giovedì 4 ottobre l’ingresso della Pinacoteca sarà gratuito con prolungamento serale dalle 8.30 alle 22.15 (ultimo ingresso ore 21.40).

Attorno a Ingres e Hayez. Sguardi diversi sulle donne di metà Ottocento
Pinacoteca di Brera
4 ottobre 2018 – 20 gennaio 2019
Per ulteriori informazioni: pinacotecabrera.org

Mostre a Palazzo Reale

Carlo Carrà [fino al 3 febbraio 2019]

Come ogni autunno e ogni inverno, Palazzo Reale è protagonista e a ottobre ospita una mostra che sicuramente gli appassionati di arte contemporanea non si lasceranno sfuggire. Parliamo della mostra dedicata a Carlo Carrà che prende il via il 4 ottobre 2018.

Da non perdere per vari motivi: perché è, stando a quanto dicono gli organizzatori la più ampia e importante rassegna antologica mai realizzata sul pittore vissuto tra il 1881 e il 1966 e perché il Comune di Milano non organizzava una esposizione sull’artista da 30 anni.

Cosa vedrete in mostra? 130 opere che vengono da alcune delle più grandi collezioni del mondo e da collezioni private. Per saperne di più, vi rimandiamo al nostro approfondimento, in attesa di vederla anche noi.

La mostra per altro è inserita nel progetto espositivo della città di Milano che per il 2018 ampio spazio dà al Novecento.

Carlo Carrà 
4 ottobre 2018 – 3 febbraio 2019
A cura di Maria Cristina Bandera, con la collaborazione di Luca Carrà
Per ulteriori informazioni:
www.palazzorealemilano.it

Picasso Metamorfosi [dal 18 ottobre]

A Milano si continua con il ‘900 con un altro grande artista. La mostra Picasso Metamorfosi aprirà il 18 ottobre per concludersi il 17 febbraio 2019. Curata da Pascale Picard,  presenta circa 200 opere tra lavori di Picasso e opere d’arte antica cui il maestro si è ispirato, provenienti dal Musée National Picasso di Parigi e da altri importanti musei europei.

Quello che l’esposizione, promossa dal Comune di Milano e coprodotta da Mondomostre Skira, è un percorso sull’antichità che si declina nelle mitologie reinventate da Picasso e presentate nelle sei sezioni della mostra con le opere del grande artista accostate a quelle di arte antica – ceramiche, vasi, statue, placche votive, rilievi, idoli, stele – che lo hanno ispirato e profondamente influenzato.
Picasso Metamorfosi
18 ottobre – 17 febbraio 2019
Palazzo Reale

Mostre alla Permanente di Milano

Tex. 70 anni di un mito [fino al 27 gennaio 2019]

Non solo arte, o meglio non solo l’arte nel senso tradizionale del termine. Un altro appuntamento imperdibile, se si amano le strisce, è quello con la mostra che il Museo della Permanente dedica a Tex, il personaggio creato da Gianluigi Bonelli e realizzato graficamente da Aurelio Galleppini destinato a diventare il più amato eroe del fumetto italiano e uno dei più longevi del fumetto mondiale.

Dal 2 ottobre 2018 al 27 gennaio 2019, potrete ripercorrere i 70 anni della sua storia in una mostra che si pone l’obiettivo di raccontare come Tex sia riuscito, anno dopo anno, non solo a entrare a far parte delle abitudini di lettura degli italiani, conquistando generazioni diverse.

E questo grazie al suo profondo senso di giustizia e alla sua innata generosità, ma anche a diventare un eroe e un vero e proprio fenomeno di costume, un nome che non ha bisogno di presentazioni. Tutto questo sarà visibile grazie a disegni, fotografie, materiali rari e talvolta mai visti prima e attraverso installazioni a tema create appositamente per questo evento.

Volete saperne di più? Leggete la nostra recensione.

Tex. 70 anni di un mito
2 ottobre 2018 – 27 gennaio 2019
Museo della Permanente
Per ulteriori informazioni: www.lapermanente.it

Caravaggio Oltre la tela [dal 6 ottobre]

Apre il 6 ottobre al Museo della Permanente di Milano Caravaggio Oltre la tela, una mostra immersiva, esperienza multimediale di altissima tecnologia e spettacolarità in cui si potrà ripercorrere, in 45 minuti con l’ausilio di 16 video proiettori, filmati originali e speciali cuffie binaurali, la vicenda artistica ed umana del grande maestro lombardo.

L’esposizione ideata da MondoMostre Skira, prodotta da NSPRD per Experience Exhibitions con la consulenza scientifica di Rossella Vodret si prospetta come una mostra in cui si potranno vedere, sebbene virtualmente, opere invisibili al pubblico, custodite in luoghi privati come il Gabinetto Alchemico nel Casino dell’Aurora, Palazzo Odescalchi, inamovibili dalla sede come la famosa Cappella Contarelli in San Luigi dei Francesi, Cappella Cerasi in S. Maria del Popolo, Cattedrale di Malta, troppo fragili per viaggiare (i quadri del Louvre e del Kunsthistorisches Museum), distrutte (Ritratto di Filide Melandroni) o infine rifiutate perché fuori dal contesto in cui erano state pensate (Deposizione, Morte della Vergine, Madonna dei Palafrenieri).

Non solo opere, la mostra si propone di raccontare l’uomo: luoghi della sua vita (Caravaggio, Milano, Roma, Napoli, Malta, la Sicilia), i successi e gli eccessi (l’assassinio di Ranuccio Tommasoni), le tragedie (la peste che decima la famiglia), gli amici potenti (il Cardinal Giustiniani, il Cardinal del Monte), la vocazione al precipizio (il vizio del gioco, le prostitute, i postriboli, l’alcool).

Caravaggio Oltre la tela
6 ottobre 2018 – 27 gennaio 2019
Palazzo della Permaente Milano

Mostre alla Fondazione Prada

Si intitola “Sanguine: Luc Tuymans on Baroque” la nuova mostra alla Fondazione Prada che sarà visitabile fino al 25 febbraio 2019. Organizzata in collaborazione con M HKA (Museo d’arte contemporanea di Anversa), KMSKA (Museo reale di belle arti di Anversa) e la città di Anversa, il progetto è proposto in una nuova e più ampia versione a Milano, dopo una prima presentazione nella città belga da giugno e settembre 2018.

Più di 80 opere realizzate da 63 artisti internazionali, di cui oltre 25 sono presentate esclusivamente alla Fondazione Prada.

In cosa consiste Sanguine? Si tratta di una lettura personale del Barocco, costituita da accostamenti inediti e associazioni inaspettate tra lavori di artisti contemporanei e opere di maestri del passato.

Senza seguire un rigido ordine cronologico o un criterio strettamente storiografico, Tuymans invita a rileggere l’arte seicentesca, ma anche quella contemporanea, mettendone al centro la figura dell’artista e il suo ruolo nella società. Indaga così la ricerca di autenticità, il valore politico della rappresentazione artistica, il turbamento indotto dall’arte, l’esaltazione della personalità dell’autore e la dimensione internazionale della produzione artistica, riconoscendo nel Barocco l’interlocutore privilegiato dell’arte di oggi.

Costo del biglietto di ingresso alla Fondazione: 15 euro, 12 il ridotto.

Sanguine: Luc Tuymans on Baroque
fino al 25 febbraio 2019
Fondazione Prada
Per ulteriori informazioni:

Mostre al Mudec

The art of Banksy. A visual protest [dal 21 novembre]

Al Mudec dal 21 novembre c’è un appuntamento imperdibile per gli appassionati di street art. Arriva infatti The art of Banksy. A visual protest l’esposizione dedicata all’artista e writer inglese, considerato uno dei maggiori esponenti della street art contemporanea, le cui opere sono spesso connotate da uno sfondo satirico e trattano argomenti universali come la politica, la cultura e l’etica.

Curata da Gianni Mercurio, raccoglierà oltre 70 lavori tra dipinti, scultureprints dell’artista inglese, corredati di oggetti, fotografie e video, che racconteranno attraverso uno sguardo retrospettivo l’opera e il pensiero di Banksy.

Un percorso a suo modo accademico e insolito, ma coerente con la mission di un museo come il MUDEC, ovvero quella di fornire a ogni fascia di pubblico le chiavi di lettura per comprendere (e apprezzare) le culture del mondo e i grandi temi della contemporaneità attraverso tutte le arti visive, performative e sonore.

The Art of Banksy. A Visual Protest
21 novembre 2018 – 14 aprile 2019
Mudec – Museo delle Culture
Per ulteriori informazioni: www.mudec.it

Mostre al Muba
Ubuntu dedicata a Mandela [fino al 28 ottobre]

Nell’anno del centenario della nascita di Nelson Mandela, al Museo dei Bambini arriva una mostra collettiva dal titolo “Ubuntu – I am because we are: 150 manifesti per la solidarietà”.Obiettivo: portare avanti uno dei temi più cari al leader sudafricano, da sempre simbolo della difesa dei diritti civili e della solidarietà.

Ideata dal grafico Armando Milani, la mostra espone dal 15 al 28 ottobre, sotto i Portici della Rotonda di via Besana, 150 manifesti realizzati da Milani stesso e da 50 designer professionisti, 50 studenti di scuole internazionali e 50 bambini da tutto il mondo. E c’è anche il prezioso contributo di Yoko Ono, artista di fama internazionale e compagna di John Lennon, che ha concesso in via del tutto eccezionale la possibilità di utilizzare le parole di ‘Imagine’ e il volto dell’ex Beatles per una delle opere in mostra.

L’iniziativa, promossa dal MUBA, è sostenuta e resa possibile grazie al supporto della Società Umanitaria, storica istituzione milanese da sempre impegnata nel sociale e dal Municipio 1 Milano. La mostra ha ottenuto il patrocinio del Consolato Generale del Sudafrica, quello dell’Alliance Graphique Internationale e dell’Aiap, Associazione italiana design della comunicazione visiva. La mostra è infatti a titolo gratuito.

Ubuntu – I am because we are: 150 manifesti per la solidarietà
Muba
fino al 28 ottobre 2018
Per ulteriori informazioni: www.muba.it

Mostre all’Istitut français Milano

Una retrospettiva, Déconstruction, che segna il debutto in Italia del fotografo francese Mathieu Pernot e che si terrà all’Institut français Milano dal 23 ottobre al 24 novembre.

La mostra riunisce 36 opere (tra cui sette inediti) provenienti da tre serie di immagini realizzate da Pernot sulla storia dei grandi complessi edilizi in Francia, noti come grands ensembles, eda un nuovo lavoro dell’artista sul quartiere di Villeneuve a Grenoble, presentato per la prima volta in quest’occasione espositiva.

Ingresso libero.

Déconstruction
Institut français Milano
fino al 24 novembre 2018

Mostre al Memoriale della Shoah

Ebrei in Italia [fino al 4 novembre]

Fino al 4 novembre avete invece tempo per visitare la mostra fotografica “1915-1918 | Ebrei per l’Italia” al Memoriale della Shoah. Un percorso espositivo che si articola in 29 pannelli e 10 totem che, attraverso fotografie e documenti, raccontano i diversi momenti dell’impegno degli ebrei italiani alla Grande Guerra, allargando lo sguardo alla partecipazione della minoranza ebraica alla vita sociale, culturale e politica dell’Italia unita.

Una mostra che si inserisce nel calendario delle iniziative portate avanti in occasione dei 100 anni dalla fine della Prima guerra mondiale e che, oltre a quello che si vedrà in mostra, offrirà al visitatore la possibilità di vedere, tramite una postazione video, altri album fotografici, documenti e immagini che non hanno trovato spazio nell’eposizione.

Obiettivo della mostra è da un lato fornire una conoscenza più ampia della comunità ebraica sotto il profilo culturale, sociale, politico e religioso dal’altro dare più notizie sui vari aspetti della partecipazione dei cittadini ebrei alla guerra e sull’impegno di organizzazioni e comitati per sopperire alle esigenze religiose dei militari.

La mostra è visitabile il lunedì  dalle 9.30 alle 19.00, dal martedì al giovedì dalle 9.30 alle 14.30 e la prima domenica del mese dalle 10 alle 18.00. Biglietto intero 10 euro,  ridotto 5€.

1915-1918 | Ebrei per l’Italia
fino al 4 novembre 2018
Memoriale della Shoah
Per ulteriori informazioni: www.memorialeshoah.it

Mostre alla Cascina Nosedo

Nuova Milano Social Club

Prende il via il 20 ottobre la mostra Nuova Milano Social Club luoghi di aggregazione spontanea che alla Cascina Nosedo, presenta una ricerca fotografica a cura di Fabrizio Annibali. Ricerca iniziaata nel 2012 e tuttora in corso sui luoghi di aggregazione spontanea nel capoluogo lombardo,  con l’obiettivo di raccontare quella Milano attiva e che si basa sulla necessità di condividere, dal vivo. Una condivisione di tempo libero e svago, ma anche di saperi ed esperienze, da parte di cittadini di ogni fascia sociale ed età.

Orti comunitari e giardini condivisi, parchi pubblici e cascine abbandonate, cortili di case popolari, piazze e strade di periferia, bar di quartiere fuori dal flusso della movida sono solo alcune tra le tipologie dei luoghi, esclusi dai piani urbanistici, che le persone stanno provando a recuperare e riqualificare creando occasioni di relazione.

La mostra, che rientra nel progetto “Lacittàintorno” sarà aperta fino al 20 dicembre, è a ingresso libero, orario di apertura mostra: 10-19.

Milano Social Club
fino al 25 febbraio 2019
Cascina Nosedo, via San Dionigi 80, Milano

Mostre da Après-coup Arte Milano

Dialoghi [dal 20 settembre al 16 novembre 2018]

Una mostra originale che vuole evocare la stretta connessione esistente tra il lavoro pittorico e quello di scrittura. Si intitola Dialoghi ed è la mostra, a ingresso libero, di Katia Dilella, a ingresso gratuito, ospitata nel nuovo spazio in Porta Romana Après-coup Arte Milano.

Sette opere – di cui un dittico – dedicate alla scrittura e una dal carattere pittorico dialogano tra loro, riflettono e condividono l’approccio scrupoloso al lavoro di quest’artista, la tavolozza cromatica dai tenui toni pastello, la pennellata e il tratto delicati, il senso metafisico trasmesso dalle immagini.

Dialoghi di Katia Dilella
Après-coup Arte Milano
20 settembre – 16 novembre 2018

 

Etichette: