Pubblicato in: News

Milano Fashion Week 2020: il meglio dalle sfilate giorno per giorno

dolce-gabbana-2020
L'ingresso di Dolce e Gabbana alla sfilata del 23 settembre

Mercoledì 23 settembre è ufficialmente cominciata la Milano Fashion Week 2020, con più di 60 eventi live e digitali. Cosa è successo sulle passerelle milanesi durante il day one? Quali sono i capi migliori e le sfilate più creative? Ve lo raccontiamo qui, in questa guida giorno per giorno agli highlights delle sfilate e delle presentazioni della Settimana della Moda 2020.

Giorno 1: Fendi, Alberta Ferretti e Dolce & Gabbana

Fendi

Una collezione giocata sull’eleganza dei contrasti, con un dialogo tra maschile e femminile pensato sulle texture e sulle lunghezze degli abiti, con tagli audaci e modelli sofisticati. Silvia Fendi valorizza la figura grazie a una collezione strettamente connessa al concetto di legame e di famiglia. In passerella sfilano così uomini e donne di tutte le età: madri, padri, figli e figlie uniti dallo stile Fendi.

Alberta Ferretti

Nella splendida cornice del Castello Sforzesco, arredata con una selva di piante perfettamente armonizzate nel contesto rinascimentale (non si può non pensare alla Sala delle Asse poco distante), sfila la collezione Primavera / Estate 2021 di Alberta Ferretti.

Colori caldi, frange e accessori importanti si ispirano al deserto e alla tradizione dei nativi americani. La donna Ferretti è romantica ma sicura di sé, come le protagoniste dei vecchi film western. Pizzi, maniche ampie e abiti ariosi si uniscono a pesanti cinture e sandali di corda, che donano un fascino retrò a una donna in totale sintonia con la natura.

Dolce & Gabbana

L’atteso ritorno sulle passerelle milanesi del duo di stilisti è stato uno degli eventi di punta della Settimana della Moda 2020. La collezione donna Primavera / Estate di Dolce & Gabbana è, ovviamente, ispirata alla Sicilia. La sfilata si apre sulle note del maestro Morricone, colorando di mattonelle il buio della sala. Il titolo della mostra è una promessa mantenuta: il patchwork siciliano ci abbaglia con i suoi colori accesi e il gioco di texture. Una serie di abiti ispirati alle ceramiche di Caltagirone, ai carretti sicilani, ai pupi e alle coperte della nonna invade la passerella. Scarpe e abiti mantengono i tagli squadrati tipici del duo di stilisti. Si gioca con i materiali, dai jeans alla seta fino al tradizionale pizzo nero arricchito con pon-pon e inserti plastici.

Si strizza l’occhio al kitsch nella migliore tradizione D&G, che rischia però di trascinarsi in una ripetizione di linguaggi stilistici e riferimenti culturali, che in questa collezione non mantiene purtroppo la stessa forza innovativa degli anni precedenti.

dolce-gabbana-milano-2020
Il saluto dei due stilisti al termine della sfilata

Giorno 2: il trionfo del Mediterraneo con MaxMara, Etro, Vivetta e Prada

MaxMara

Sotto il colonnato dell’Accademia di Brera la donna MaxMara 2021 sfila con colori tenui, tra cielo e terra. I toni vanno dal sabbia al mogano e salgono fino a sognanti carta da zucchero e bianchi abbaglianti. Domina il tessuto tecnico con coulisse, scolli a barca e maniche svasate. Sfilano con MaxMara splendide modelle in hijab, restituendo più forte che mai il carattere inclusivo della collezione e della maison.

maxmara-ss-2020
Collezione MaxMara Donna S/S 2021. Tutti i diritti riservati

Prada

All’interno di una cornice futuristica simile a un asettico studio TV la collezione S/S Prada è ispirata a una fantascienza urban, con capi dal taglio asimmetrico e l’uso di sovrapposizioni che non nascondono, anzi valorizzano design audaci ma portabilissimi, “addomesticando” la vena folle che traspare dai maglioni stretch bucati.

Il rapporto uomo / macchina è il focus della collezione, maturato dalla collaborazione tra Miuccia Prada e Raf Simons. Durante il lockdown la stilista ha notato come “la tecnologia fosse indispensabile per unire le persone e creare condivisione”.

Vivetta

La presentazione della collezione S/S 2021 di Vivetta è un’illusione vista dal buco della serratura; un mondo incantato in cui la modella interagisce con un prato sempre differente. Lei è Alice e noi siamo il Bianconiglio che la osserva dalla sua tana. I capi rimandano alla tematica del sogno, con tessuti leggeri e tagli sartoriali che fanno pensare all’infanzia, grazie anche alle colorate applicazioni che impreziosicono i colori neutri della collezione.

Etro

Fantasie in stile mediterraneo per la splendida collezione primavera / estate di Etro. Immerse in un agrumeto, le modelle vestono ampi abiti creati con gli storici tessuti jacquard della maison fondata da Veronica Etro. Accessori importanti, borse oversize (se non direttamente borsoni da viaggio) e sandali bassi valorizzano una collezione di classe, dedicata all’Italia e alle donne. Sono state scelte per la sfilata anche due modelle curvy, per sottolineare come la moda possa e debba essere veicolo di cambiamento e di accettazione.

Giorno 3: l’urlo del contemporaneo con Versace e Tod’s

Elisabetta Franchi

Tagli estrosi, lunghezze audaci e texture sempre diverse. I look della stagione Primavera / Estate di Elisabetta Franchi non smentiscono lo stile eccentrico della maison. Prostagonisti il bianco e il nero, con accostamenti semplici che lasciano parlare fiocchi, spacchi, frange e trasparenze.

Visivamente spettacolare la chiusura, con la passerella di modelle vestite con ampie gonne in ordine per gradazioni di colore e vistose camicie con maniche a palloncino.

elisabetta-franchi-sfilata

Versace

La collezione S/S 2021 di Versace è presentata in fondo al mare, in mezzo a rovine greco-romane in cui è possibile riconoscere la celebre Medusa, marchio storico della maison. All’interno di “Versacepolis” le creazioni creano un favoloso contrasto con l’ambiente, con abiti futuristici dai colori optical. L’uomo e la donna Versace non temono abbinamenti di colore e applicazioni sgargianti. Stampe in stile marino invadono abiti dai tagli sartoriali sempre più estrosi, che uniscono La Sirenetta ai rave party californiani, con gonne dritte che terminano in “code” coloratissime.

versace-abito-sfilata

Tod’s

La collezione è presentata a una telecamera all’interno di varie abitazioni, come uno dei tanti collegamenti via Zoom ai quali ci siamo abituati durante il lockdown. Gli abiti hanno tagli classici, con i colori caldi della pelle tipici del marchio Tod’s e variazioni sul tema con accesissimi toni optical e texture sintetiche. Una presentazione che colpisce, dedicata ad un periodo duro per tutti, ma soprattutto per i creativi.

Giorno 4: la sfilata di Giorgio Armani in diretta TV

Moschino

Durante la giornata di sabato, attesissima per la diretta di Giorgio Armani di cuii parleremo più giù, è andata in onda anche la divertentissima presentazione della collezione Primavera / Estate 2021 di Moschino. Ambientata in un mondo di realistiche marionette, la sfilata Moschino ha tra i suoi ospiti di plastica anche grandi nomi della moda, tra cui l’immancabile Anna Wintour, completa di capelli a caschetto e occhiali scuri. La collezione si basa su stilemi vintage,con un rimando preciso agli anni Cinquanta delle prime grandi sfilate di moda (rievocato anche dall’ambientazione dello show). Non manca ovviamente l’estro divertente della maison Moschino, con guanti alati e lunghi obi giapponesi.

Giorgio Armani

Pulizia, semplicità. In una parola: Giorgio Armani. La sfilata è stata preceduta dal racconto dei 45 anni di carriera dello stilista, narrati dalla voce di Pierfrancesco Favino e dalle immagini delle collezioni più iconiche e dei capi Armani entrati nella storia della moda, inclusa ovviamente l’iconica giacca da donna. Lo stilista ha scelto di trasmettere la sfilata in diretta TV su La7, dopo la decisione di cancellare la passerella invernale agli inizi della pandemia.

La sfilata si è rivelata la quintessenza dello stile Armani: linee pulite, colori leggeri e semplicità indimenticabile. Dominano il lino e la seta, con incursioni di abiti preziosi incrostati di applicazioni luccicanti. L’uomo e la donna Armani 2021 vengono valorizzati nella loro fisicità con abiti che esaltano il corpo, qualunque esso sia. Turchese, verde acqua, color corda e il celebre grigio Armani sono i colori che prevalgono nella collezione, incoronando (di nuovo) Giorgio Armani come il Re della moda italiana.