Pubblicato in: Mostre

Lugano: Terre dalla Collezione Olgiati

AvatarAnna Croci 3 settimane fa
collezione-olgiati-mostra-min
Un'immagine della mostra, Ph credits: Roberto Pellegrini

A Lugano, fino al 6 Giugno 2021, ventidue opere di pittura e scultura, accomunate in una dimensione materica, costituiscono il risultato di un’attenta scelta artistica elvetica.

Zoran Music (Gorizia 1909-Venezia 2005) testimonia la propria creatività all’insegna del linguaggio “Informale Francese” tramite cinque dipinti: “Paesaggio Senese” (1953), “Enclos primitif” (E3) (1960), “Motif végétal” (1972),  “Terre d’Istria” (1957), “Terre dalmate” (1959).

Alberto Burri (Città di Castello 1915 – Nizza 1995), Leoncillo Leonardi (Spoleto 1915 – Roma 1968), Emilio Vedova (Venezia 1919 – 2006) rendono tutti partecipi della loro ispirazione artistica fondata sul valore intrinseco della materia ridotta al suo stato primordiale, con le loro realizzazioni.

Alberto Burri, Bianco e Nero. Cretto, 1972

L’uso della lavorazione di materie povere, come i detriti o la terra, si evidenzia nella sezione successiva, per mezzo di due importanti interpreti europei: Antoni Tapies (Barcellona 1923 – 2012) con “ MARRO’” (1958) e Jean Dubuffet (Le Havre 1901 – Paris 1985) con “ Masque de terre” (1960).

Ed ecco Arturo Martini (Treviso 1889 – Milano 1947) con “ Violoncellista”, scultura di piccolo formato in terra refrattaria, Max Ernst (Bruehl 1891 – Paris 1976) con il gesso dipinto che si intitola “Deux oiseaux” (1926) e Rebecca Horn (Michelstadt 1944) che, in un’atmosfera onirica e surreale, esibisce una coppia di elementi in pietra vulcanica, azionati da un motore.

Proseguendo nel percorso si possono ammirare il dipinto “ Ulysses “ di Markus Luepertz (Reichenberg 1941) e l’opera a parete “Untitled” (2014) del colombiano  Gabriel Sierra (San Juan Nepomuceno 1975)  per terminare con Enrico Prampolini (Modena 1894 – Roma 1956), Eliseo Mattiacci (Cagli 1940 – Fossombrone 2019) e Anselm Kiefer (Donaueschingen 1945), autori che hanno indagato i misteri del cosmo attraverso creazioni polimateriche.

Aselm Kiefer, Eridanus, 2004

Info: Collezione Giancarlo e Danna Olgiati

         Lungolago Riva Caccia 1, 6900 Lugano/CH