Pubblicato in: Teatro

L’inquilino: tragicomica storia di sopravvivenza al Parenti

Marco Valerio 5 anni fa

Inquilino-Parenti

Il regista udinese Fabio Cherstich torna al Teatro Franco Parenti dopo il grande successo della trasposizione teatrale della commedia noir Niente, più niente al mondo di Massimo Carlotto.

A partire dal 15 febbraio sul palcoscenico del Parenti, Sala tre, prenderà vita la pièce L’inquilino, testo del regista e drammaturgo Fabio Banfo, tragicomica storia di sopravvivenza quotidiana.

Emma è una ragazza fragile ed esuberante che vede la propria vita sconvolta dalla morte del fratello. Ancora sconvolta e senza ben sapere come comportarsi dinnanzi all’inaspettato lutto, Emma si trasferisce nell’appartamento del fratello con la scusa di dover portar via le sue cose e finisce con lo scontrarsi con l’inquilino Luca, rompendo i fragili equilibri del ragazzo. A complicare ulteriormente le cose ci penseranno l’arrivo di un agente immobiliare e di una nuova coinquilina.

Con L’inquilino l’attrice Silvia Giulia Mendola fa nuovamente tappa al Parenti, dopo i successi di Marilyn e Saccarina, e lo spettacolo segna l’incontro della compagnia col linguaggio visivo di Fabio Cherstich nel desiderio di contaminarsi vicendevolmente.

Il tono agrodolce, il dramma stemperato dalla commedia e viceversa, sono accompagnati dall’esecuzione di musiche dal vivo da Barbara Cavalieri che danno un ulteriore tocco di realismo a questa vicenda grottesca e disperata: uno spaccato sulla necessità delle giovani generazioni di adattarsi alla mera contingenza.

Il cast de L’inquilino è completato da Cinzia Spanò, Alberto Onofrietti e Corrado Accordino. Con i costumi di Sara Grittini e le fotoinstallazioni di Fabio Artese, L’inquilino è una produzione Teatro Franco Parenti con la partecipazione de la Danza Immobile e in collaborazione con Associazione PianoinBilico.

Lo spettacolo farà il suo esordio sabato 15 febbraio per restare in scena fino a domenica 2 marzo.

Etichette: