Pubblicato in: Festival

Si discute il futuro della città ai Brera Design Days 2018

Alessio CappuccioAlessio Cappuccio 2 settimane fa
brera design days 2018
Offerta
Offerta

Terza edizione per i Brera Design Days, che quest’anno hanno come sottotitolo “Design Your Life“.  7 giorni, 36 talk, 12 workshop, 145 ospiti, 11 mostre, 23 location: questi i numeri della manifestazione organizzata da Studiolabo, che si rivolge non solo agli addetti ai lavori ma all’intera città e traccia le linee del presente del design esplorando le possibili direzioni future.

Dal 12 al 18 ottobre 2018 il Distretto di Brera, ma non solo, diventerà la capitale del design. Lo scopo è quello di indagare le relazioni del design con la progettazione, le politiche urbane, la grafica, l’industria 4.0, il coding e i nuovi  trend.

Tra le tante location e istituzioni che prenderanno parte al festival ci sono Microsoft House, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, la sede del Corriere della Sera, il Laboratorio Formentini, Brera Design Apartment, Milano Luiss Hub for makers and students e molti altri ancora.

Brera Design Days 2018: gli ospiti

Tra i tanti personaggi che partecipano ai Brera Design Days, a dimostrazione dell’approccio multidisciplinare a questioni sempre più complesse interconnesse, ci sono nomi come quelli di Giulio Iacchetti, Ferruccio Laviani, Elena Salmistraro, Matteo Ragni, Odo Fioravanti, Agathe Singer e Goran.

Parteciperanno però anche fumettisti famosi quali Paolo Bacilieri e Massimo Giacon, un calligrafo come Milen Balbuzanov, oppure autori della letteratura contemporanea quali Franco Bolelli e musicisti di rilievo come i rapper La Pina e Amir Issaa.

Brera Design Days 2018: le mostre

Oltre a dibattiti, incontri e conversazioni sarà anche possibile ammirare tutta una serie di mostre. Tra le principali segnaliamo Beato Design, durante la quale sei artisti di strada, i cosiddetti madonnari, creeranno dal vivo per le strade di Brera la loro interpretazione dell’immagine e dei progetti di sei maestri del design e Tramezzino – Intermezzo amoroso a Milano, che è invece l’esposizione delle tavole di Bacilieri che con il suo sguardo insolito su Milano fa a una dichiarazione d’amore a fumetti alla città, tra architetture straordinarie diventate icona della città e l’inventiva degli architetti che le hanno ideate.

Per il programma completo della manifestazione e il calendario degli eventi (tutti a ingresso gratuito previa prenotazione) vi consigliamo di consultare il sito ufficiale.