Pubblicato in: Evergreen

10 cose da fare a Milano quando piove

Beatrice CurtiBeatrice Curti 4 settimane fa
Milano-pioggia-arcobaleno

L’estate 2020 sta faticando a farsi sentire, con temporali e temperature più basse. Unito alle misure più restrittive del dopo lockdown, non ci sono moltissime alternative ai weekend piovosi.

Di restare in casa non se ne parla, ne abbiamo avuto tutti abbastanza. Quindi ecco 10 suggerimenti per trascorrere una giornata di qualità anche quando il clima non è dei migliori.

 

Andare al cinema

Dal 15 giugno hanno riaperto i cinema! Possiamo tornare a goderci il buio della sala e l’odore dei pop-corn. Non tutti i cinema di Milano hanno riaperto subito, ma non manca molto alla riaccensione dei proiettori di tutta la città.

 

Andare a teatro

Anche i teatri di Milano hanno riaperto le sale: gli ingressi saranno contingentati e i posti limitati, così come per i cinema. A Milano hanno riaperto il Piccolo, che ha già annunciato il cartellone estivo, il Franco Parenti, il Teatro del Buratto e il Menotti.

 

Visitare un museo

I musei di Milano hanno gradualmente riaperto tutti, quindi potrete sbizzarrirvi tra arte contemporanea, rinascimentale o sedi espositive meno conosciute, come il Museo Alfa Romeo di Arese, il Museo degli strumenti musicali del Castello Sforzesco o il nuovo Museo del design di Triennale Milano!

 

Entrare nel Duomo

Tantissimi milanesi DOC non sono mai entrati nella cattedrale più importante della città. Approfittate di un giorno di pioggia per visitare il Duomo, conoscerne la storia e restare a bocca aperta davanti ai giganteschi pilastri della quarta chiesa più grande al mondo. Tra le moltissime statue presenti all’interno del Duomo è presente anche un San Bartolomeo scorticato di impressionante realismo, realizzato da Marco d’Agrate nel 1562. Trovatelo tra le numerosissime sculture, alte anche 3 metri!

 

Andare al ristorante

A Milano la gastronomia non conosce confini: dai piatti della tradizione fino ai ristoranti più chic e ricercati, ogni anno aprono locali sempre nuovi, che portano i sapori del mondo sotto la Madonnina. Non lasciatevi spaventare dai prezzi: non ci sono solo ristoranti stellati in città! Moltissimi locali, anche in centro, offrono menù per il pranzo a prezzi accessibili, per gustare il meglio della cucina milanese e non.

 

Visitare l’acquario

Anche se meno celebre del vicino genovese, l’Acquario Civico di Milano è una meta irrinunciabile, specialmente per i bambini. Costruito in stile liberty nel 1906, è il terzo acquario più antico d’Europa. Si trova all’interno del Parco Sempione e la sua architettura non lascia dubbi sulla destinazione: sirene, tritoni, pesci, ippopotami e altre creature acquatiche decorano gli esterni dell’edificio. All’interno è presente anche una suggestiva vasca a ponte, per osservare squali e pesci del Mediterraneo come se nuotassimo con loro.

L’acquario è aperto il martedì e mercoledì dalle 11 alle 18. Mascherina e misurazione della febbre all’ingresso obbligatorie. Ogni primo e terzo martedì del mese l’ingresso è gratuito.

 

Fare shopping

Milano è la capitale della moda: sede di importantissimi marchi italiani e della famosa Fashion Week, la città è ideale per fare shopping sfrenato. Ce n’è per tutte le tasche: dalle vie del lusso come via Montenapoleone e via Della Spiga fino al centro commerciale futuristico di City Life, costruito con materiali ecologici.

 

Vedere una mostra

Insieme ai musei anche le mostre sono tornate a riaprire: Palazzo Reale, MUDEC, Padiglione d’Arte Contemporanea e molte altre realtà espositive sono tornate a ospitare il pubblico. Le mostre interrotte dalla pandemia sono state prolungate, e molte altre sono in arrivo!

 

Andare in piscina

Insieme ai centri sportivi anche le piscine hanno riaperto, in tempo per la stagione estiva. Se il tempo non promette bene per nuotate all’aperto, niente paura: Milano è ricca di piscine al chiuso, alcune talmente scenografiche da trasformare una nuotata in un’esperienza. Come la piscina Cozzi, tra i più antichi impianti sportivi della città: costruita nel 1934 è considerata il “tempio” del nuoto milanese. Nel punto più basso la vasca centrale raggiunge i 5 metri di profondità, rendendola ottimale anche per i corsi di subacquea!

 

Prendere il tram

Può sembrare un’idea folle, ma fare i turisti nella propria città permette di scoprire angoli e paesaggi mai notati, nella fretta degli spostamenti quotidiani. Salire su un vecchio tram Carelli degli anni ’20, ancora in circolazione sulle rotaie ATM, respirare l’atmosfera di un altro secolo e guardare dal finestrino Milano, scoprendo che non è poi un luogo così grigio come viene descritto.