Pubblicato in: Festival

NoLo Fringe Festival 2021: il teatro dove non te lo aspetti. Il programma dell’evento

nolo-fringe-festival-2021-min

Torna per il terzo anno il NoLo Fringe Festival, la rassegna culturale che colora di fucsia il quartiere di NoLo. Spettacoli teatrali e iniziative culturali animeranno le strade del Nord Loreto dal 4 al 12 settembre 2021. La grande novità del NoLo Fringe 2021 è che il festival per la prima volta esce dai confini di NoLo e mette i suoi semi in quartieri limitrofi: Casoretto, Adriano, Benedetto Marcello e Cistà (Città Studi-Acquabella).

La rassegna di arti performative quest’anno porterà il teatro nei luoghi dove non lo si aspetta: bar, locali, parchi e perfino un negozio di moto! Prosa, stand up comedy, teatro-canzone, teatro di narrazione, ma anche
musica, spettacoli per bambini e una caccia al tesoro. Un palinsesto di quasi 100 appuntamenti, quasi tutti gratuiti, per soddisfare tutti i gusti, con un’attenzione particolare agli spettacoli all’aria aperta, itineranti e interattivi.

Il festival, ispirato al Fringe di Edimburgo, nasce per portare il teatro e l’arte performativa nelle strade, creando aggregazione tra gli abitanti del quartiere e invitando i residenti nelle altre zone di Milano a spostarsi e conoscere la propria città, come hanno tenuto a sottolineare gli organizzatori durante la conferenza stampa di presentazione.

NoLo Fringe Festival: il programma

Il festival è diviso in due parti: il programma ufficiale in cui otto compagnie, selezionate tramite bando, ogni sera andranno in scena sugli otto “palchi” principali del festival, e poi il Fringe Extra che raccoglie altri spettacoli, concerti,
performance, laboratori, incontri e anche un videogioco.

Segnaliamo in modo particolare le tre serate “Fringe Big”: il concerto-spettacolo di Giulio Casale (9 settembre), la stand-up scanzonata di Renata Ciaravino (10 settembre), il racconto surreale di Francesco Brandi (11 settembre), tre show molto diversi tra loro ma che condividono l’urgenza di parlare dell’oggi.

Programma ufficiale

Gli eventi si terranno tutti i giorni dal 7 al 12 settembre alle 19.30, tranne dove indicato diversamente

  • Rivo 1961, via Andrea Costa 21
    Monologo di donna con lievito madre: Giulia Cerruti, in uno spettacolo di stand-up comedy irriverente, ci ricorda di non dimenticare. Non dimenticare la solitudine. Non dimenticare la noia. Non dimenticare la paura. Non dimenticare le penne lisce. Non dimenticare che, comunque, con un po’ di lievito madre, la pillola va giù.
  • Dulcis in fundo, via Zuretti 55 
    La costellazione del criceto: Quanto vali? Le tue relazioni, il lavoro che fai, quello che possiedi è abbastanza per questa società? L’unica ragione di vita di Maurizio, single e disoccupato, è Chewbecca, il suo criceto, ma nella sua vita irrompe Esmeralda. La donna gli propone di aiutarlo a trovare il suo posto nel mondo affidandosi a  un programma innovativo che elabora dati genetici e psicologici e calcola il valore oggettivo di ciascuno. Come andrà a finire?
  • Q Club, via Padova 21
    Stand up poetry: Stand up poetry è uno spettacolo che comincia con un uomo sul palco che inizia a dire delle poesie, e da lì può solo peggiorare. Una specie di “street poetry” col tentativo di usare la poesia come sguardo sul mondo e sulla vita quotidiana. Stand up poetry è uno spettacolo che dopo dieci pezzi finisce, ma se voi siete super carin* e dite bis, c’è l’undicesimo.
  • Adriano Community Center, via Adriano 97
    Le donne baciano meglio: Barbara ha 33 anni quando scopre di essere lesbica. Dopo anni di vita dichiaratamente etero scopre la sua vera natura. Come in quei film americani in cui un personaggio al bancone del bar racconta la sua vita, Barbara Moselli racconta in modo ironico e stravagante l’innamoramento, la metamorfosi personale e il coming out. Inizio spettacolo ore 21. Incontri prima dello spettacolo:
    • Mercoledì 7 settembre ore 20: “Che cos’è l’amore?”, intervento di Don Gino Rigoldi – Comunità nuova onlus
    • Venerdì 10 settembre; “L’importanza del coming out per le persone LGBT” a cura di Milena Cannavacciuolo, fondatrice di Lezpop e attivista per i diritti LGBTI+
    • Sabato 11 settembre ore 20: “Persone LGBT e libertà. Possibilità e Confini”. Intervento a cura di Valentina Pontillo Avvocata familiarista, diritto antidiscriminatorio e attivista per i diritti LGBTI+ e socia di Rete Lenford.
  • GhePensi MI, Piazza Morbegno
    Foma Fomic Nello Spazio: Foma Fomic, un improbabile cantautore senza prospettive, è succube di una discografica ambiziosa e senza scrupoli che lo convince a intraprendere una lunga tournée nello spazio. Un viaggio surreale all’inseguimento del successo interstellare, cercando gli alieni che vivono dentro di noi. Inizio spettacolo ore 21.
  • Eastriver,  via Jaures, 22
    The Show: The Show è una storia intima di ascolto e cambiamento che si svolge nel breve arco di una semplice, innocua e struggente avventura di wrestling. A metà strada tra stand-up comedy e commedia, lo spettacolo smaschera il disagio innocente che non ci fa sentire mai all’altezza delle nostre stesse proiezioni mentali. Per ridere delle nostre ossessioni e debolezze. Inizio spettacolo ore 21.
  • ArteMadia,  Via Pimentel, 5
    Apocalisse tascabile: Senza alcun preavviso, Dio compare in un supermercato in periferia di Roma e annuncia la fine del mondo. Per sua colpa e sfortuna ad ascoltarlo c’è ben poca gente. A prenderlo sul serio c’è solo un giovanotto amorfo e sfibrato, da allora fatalmente destinato ad essere il profeta della fine dei tempi. Un atto unico eroicomico sorretto da una stravagante ma solida struttura teologica. Inizio spettacolo ore 22.
  • Tranvai,  Via Tirano, angolo via Zuretti, 71
    Un’ora di niente: Mescolando narrazione e stand up comedy, cabaret e prosa, Paolo Faroni si avventura in un flusso di coscienza potentemente comico e poetico che non fa sconti a nessuno, in primis a se stesso: dagli amori platonici alle perversioni sessuali, il monologo racconta il continuo sballottamento tra desiderio di elevarsi e istinto animale dell’autore, all’insegna di un’esistenza che è insieme “paradiso e schifezze”. Gravità velata di leggerezza.

Fringe Extra

Durante il festival si terranno diversi laboratori. Due laboratori pratici per bambini, per imparare l’arte della ceramica presso Co.Cotte, spazio aperto di recente in una traversa di via Padova, e “Micromondi in tazza” per educare all’ambiente e alla biodiversità a cura della compagnia Vango anch’io. Gli adulti potranno scoprire o affinare i loro superpoteri Drag sotto la sapiente guida delle Nina’s Drag Queen. Inoltre grazie alla collaborazione con la rivista di critica teatrale Stratagemmi, un gruppo di giovani critici potrà seguire gli spettacoli del programma ufficiale, incontrando gli artisti e decretando il vincitore del premio della critica. Ci saranno due presentazioni di libri: Un teatro per il XXI secolo, ultima fatica di Oliviero Ponte di Pino, summa delle idee teatrali degli ultimi 20 anni, e Controvento e Il mago delle bolle, libri illustrati per bambini, edizione Corsare.

Tra cibo e teatro non mancheranno le incursioni poetiche del Menu della poesia, collettivo di attori e attrici che recitano versi durante i brunch, e il poetico pranzo-spettacolo Saga Salsa della compagnia Qui e Ora. 

Destinato a un pubblico di famiglie il momento domenicale dello spettacolo per famiglie, che quest’anno sarà Mr. Brush, dell’attore-clown Antonio Brugnano (evento organizzato dal Municipio2, presso il Giardino di Cassina de’ Pomm). 

Particolarmente importante il programma che si svolgerà nei Giardini di via Mosso, in parte organizzato da Outis: in questa porzione di quartiere, di recente teatro di un Patto di Collaborazione del Comune con più di 20 associazioni della zona, si alterneranno nei primi due weekend di settembre danze orientali, open mic di poesia, performance di adolescenti, spettacoli per bambini, fino a essere teatro il 4 settembre della vera e propria inaugurazione del festival. 

Ritorna, a grande richiesta, il progetto dello Shakespeare di quartiere, che stavolta vedrà impegnati cittadini di NoLo nella presentazione del Sogno di una notte di mezza estate nella magica cornice del Parco Trotter.

Shakespeare e le sue possibili infinite possibilità sono nel cuore del Fringe: tutti i giorni sarà possibile partecipare (uno spettatore per volta) alla virtual experience Shakespeare Showdown della compagnia Enchiridion.

Da questa edizione, coaudiuvati dagli organizzatori del Fringe, i quartieri di Casoretto, Adriano, Benedetto Marcello e Cistà (Città Studi-Acquabella) hanno organizzato in via autonoma una piccola porzione di rassegna, confluita poi nel programma del Fringe Extra.

Lo spirito del Fringe mette semi in queste realtà vicine a NoLo, che vengono accese da spettacoli di teatro canzone (Nella bocca del lupo, con Vincenzo Costantino “Cinaski”) e di stand up, danza (Danzare la meraviglia, in collaborazione con Casamica Onlus) e passeggiate (I girovaghi miserabili del Casurett, che fa rivivere il grande poeta Franco Loi, recentemente scomparso, nei suoi luoghi d’elezione), incursioni di compagnie note (Assemblamenti, con Generazione Disagio) o meno note in location che prendono nuova forma e a volte anche vita, come è il caso dell’Adriano Community Center, auditorium di una RSA, che si inaugura proprio con il Fringe. 

Prenotazioni e biglietti

Punto informazioni: Off Campus NoLo, Mercato comunale di Viale Monza, 54. Aperto dal martedi 7 a sabato 11 settembre, dalle 15 alle 19

L’ingresso agli spettacoli è gratuito, a eccezione dei seguenti:

  • Shakespeare showdown, tutti i giorni, spettacolo in forma di videogioco. Prezzo 5 €, per prenotare info@enchiridion.eu
  • Lettere da lontano, di e con Giulio Casale, 9 settembre, biglietto acquistabile su mailticket, 10 €
  • Sto da Dio, di e con Renata Ciaravino, 10 settembre, biglietto acquistabile su mailticket, 10 €
  • La fine della Grecia, di e con Francesco Brandi, 11 settembre, biglietto acquistabile su mailticket, 10 €
  • Saga Salsa, pranzo+spettacolo, 12 settembre, info@dulcisinfundo.it, 02 66712503

Per accedere agli spettacoli è necessario prenotare il proprio posto sul sito eventbrite.it lasciando nome, cognome e email in ottemperanza alle norme anti-Covid vigenti.