Pubblicato in: News

Milano Pride 2022: il 2 luglio tornano la grande parata e l’evento all’Arco della Pace

Redazione 3 mesi fa
bandiera-pride-arcobaleno

Giugno è il Pride Month, mese dell’orgoglio LGBTQIA+. La comunità arcobaleno celebra da 53 anni le diversità e scende in strada in tutto il mondo per rivendicare diritti negati a omosessuali e transessuali: è la famosa parata del Pride, coronamento di un intero mese di incontri, iniziative ed eventi legati al tema.

Milano ospita da molti anni una delle comunità LGBTQIA+ più grandi e attive d’Italia, che quest’anno celebra un anniversario speciale: i 50 anni della “Stonewall italiana”, la prima grande manifestazione a favore dei diritti della comunità LGBTQIA+.

Il Milano Pride 2022 torna più forte che mai, con grandi eventi e il trionfale ritorno della storica parata, in programma per il 2 luglio 2022.

Milano Pride 2022: gli eventi principali

Dal 30 giugno al 1 luglio tre Pride Square animano il quartiere di Porta Venezia creando un vero e
proprio festival di eventi diffuso interamente aperto al pubblico. L’appuntamento è quindi in Largo
Bellintani, Piazzale Lavater e Piazzale Santa Francesca Romana che ospiteranno incontri, talk e
dibattiti ma anche momenti dedicati ad arte e cultura. Non mancheranno gli spazi riservati ai più
piccoli e alle famiglie.

Il 2 luglio sarà finalmente il momento della storica parata, assente dal calendario del Milano Pride da ormai 2 anni. Il percorso parte come sempre dalla Stazione Centrale, per attraversare la città in direzione Arco della Pace. Qui a seguire si terrà poi il grande evento finale di chiusura che coinvolge le associazioni LGBTQIA+ e le loro rivendicazioni, i saluti delle istituzioni ma anche performance e entertainment.

L’elenco completo degli eventi sarà pubblicato man mano che saranno confermati sul portale ufficiale del Pride milanese.

La parata del 2 luglio: percorso e tappe

Sabato 2 luglio torna la parata, la manifestazione che farà esplodere di colori le vie di Milano,
quest’anno con un percorso nuovo che abbraccia la città.

Il concentramento sarà in via Vittor Pisani alle 14, di fronte a Piazza Duca d’Aosta in Stazione Centrale. La testa del corteo partirà da via Pisani alle 15 per continuare lungo via della Liberazione, connettersi a via Melchiorre Gioia e raggiungere piazza XXV Aprile, i Bastioni di Porta Volta e viale Elvezia. Da qui si continua lungo viale Giorgio Byron e Viale Francesco Melzi d’Eril per imboccare l’ultimo tratto di corso Sempione e concludere in Arco della Pace.

Proprio in Arco della Pace dalle 18 avrà inizio il grande evento finale, quest’anno più lungo per permettere alla comunità arcobaleno e a tutta la città di godere a pieno del momento conclusivo della manifestazione: ci saranno le rivendicazioni delle associazioni LGBTQIA+ e dei loro ospiti, i saluti delle istituzioni, oltre che momenti di entertainment e musica che farà danzare i partecipanti fino a mezzanotte.

Presenteranno questa edizione due team di conduttori: prima Katia Follesa, Valeria Graci e Pietro Turano, e a seguire Michela Giraud e Pierluca Mariti. Fra gli artisti sono attesi: Baby K, Francesca Michielin, Michele Bravi, Emma Muscat, M¥SS KETA, Immanuel Casto, le Karma B, Romina Falconi, Debora Villa e le drag di Drag Race Italia.

È previsto per la prima volta anche una premiazione simbolica per la realtà che avrà allestito il carro considerato più eco-friendly: i temi dell’ambiente sono in prima fila nella mente degli organizzatori, che incentiva i partecipanti a sfilare tenendo conto dei diritti del pianeta.

Durante l’evento sarà presente il servizio di interpretariato in LIS. Tutto l’evento sarà inoltre fruibile in streaming sul canale YouTube del Milano Pride grazie alla collaborazione con Fastweb.

1972 -2022: 50 anni fa la “Stonewall italiana”

Cade quest’anno l’anniversario della manifestazione di Sanremo del 1972, la prima manifestazione
pubblica per i diritti LGBTQIA+ in Italia.

Il 5 aprile 1972 si tenne a Sanremo il primo – e ultimo – convegno del Centro Italiano di Sessuologia
che sosteneva la patologizzazione dell’omosessualità. L’Organizzazione Mondiale della Sanità
derubricò poi definitivamente l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali il 17 maggio del 1990,
giornata che ora viene ricordata annualmente come la Giornata contro l’Omofobia, la Bifobia e la
Transfobia
.

Il convegno di Sanremo del ’72 fu l’occasione per il neonato movimento omosessuale di venire allo
scoperto e di esporsi nella prima manifestazione pubblica in Italia a favore dei diritti delle persone
LGBTQIA+.

Questa manifestazione, considerata la Stonewall italiana, verrà anche ricordata durante questa edizione del Milano Pride con alcuni eventi e iniziative, fra cui l’esposizione di un estratto della mostra organizzata proprio a Sanremo per celebrare l’anniversario di questa ricorrenza oltre che ad alcuni talk nelle Pride Square in piazza Santa Francesca Romana e piazzale Lavater.