Pubblicato in: Teatro

Da Nord a Sud e per tutti i gusti: guida ai festival teatrali dell’estate

festival teatrali estate 2018
Foto tratta da 'Molto rumore per nula', in cartellone al Silvano Toti Globe Theatre di Roma. Ph Marco Borrelli

La bella stagione è tempo di festival e spettacoli all’aperto (citiamo, tra gli altri, dei luoghi in cui non potete non fare tappa: Estate Teatrale Veronese, Silvano Toti Globe Theatre di Roma e il Teatro Greco di Siracusa).

Mentre alcuni teatri proseguono nella programmazione, dall’Elfo Puccini al Franco Parenti e al Piccolo Teatro (rimanendo su Milano), lungo tutto il nostro Stivale regna l’imbarazzo della scelta per la numerosa e valida offerta teatrale. Ce n’è per tutti i gusti, dal teatro più classico a quello di ricerca, da Nord a Sud.

Ecco i festival teatrali da non perdere 

Festival delle Colline Torinesi 

Dall’1 al 22 giugno a Torino

23esima edizione per una manifestazione che dà largo spazio alla sperimentazione, alla drammaturgia contemporanea e ai giovani e non è un caso che sia la ‘Trilogia sull’identità‘ di Liv Ferracchiati a dare il via l’1 giugno. In cartellone potrete scegliere tra artisti come Romeo Castellucci, Milena Costanzo, Piccola Compagnia Dammaco, Licia Lanera, Il Mulino di Amleto  e Milo Rau. Gli spettacoli non si svolgono soltanto al “chiuso”, in teatro, ma la stessa città diviene palcoscenico – basti pensare alla ‘Dickinson’s Walk‘ di Cuocolo/Bosetti.
Qui tutti i dettagli.

deSidera

Dal 7 giugno al 6 ottobre a Bergamo e provincia

16esima edizione per un festival che vuole unire natura, storia e arte. Presto vi aggiorneremo con un articolo dettagliato.

Da vicino nessuno è normale 

Dall’8 giugno al 21 luglio a Milano

Qui tutti i dettagli della ventiduesima edizione.

festival teatrali estate 2018
Milena Costanzo in scena in ‘Da vicino nessuno è normale’

Napoli Teatro Festival 

Dall’8 giugno al 10 luglio a Napoli

Il programma è davvero denso, basti pensare ai 216 appuntamenti tra spettacoli, mostre, incontri di approfondimento e ai ben 34 luoghi coinvolti. Una lunghissima edizione che accoglierà le “prime” della sezione dedicata al TEATRO INTERNAZIONALE costruita intorno alle figure di Declan Donnellan (con ‘Périclès, Prince de Tyr‘ di William Shakespeare al Teatro Politeama l’11 e 12 giugno), Isabelle Huppert (nella lettura de ‘L’amant‘ di Marguerite Duras al Teatro di San Carlo l’11 giugno), Rabih Mroué (con ‘Sand in the eyes‘, lettura non accademica sulla propaganda e sui metodi di reclutamento degli estremisti islamici, al Teatro Trianon Viviani il 13 giugno), Thierry Collet (con ‘Dans la peau d’un magicien‘ in cui l’artista mescola frammenti di vita e trucchi di magia per raccontare il mondo interiore di un prestigiatore, alla Galleria Toledo il 14 e 15 giugno). La sezione prosegue con ‘Brodsky/Baryshnikov‘, omaggio di Mikhaïl Baryshnikov alla poesia di Joseph Brodsky per la regia di Alvis Hermanis, al Teatro Politeama il 28 e 29 giugno; con ‘Clown 2 ½‘ uno spettacolo del Theater an der Ruhr, per la regia di Roberto Ciulli in cui si guarda al mondo ed alle sue contraddizioni attraverso gli occhi di un clown, al Teatro Trianon Viviani l’1 luglio.
Tra gli italiani tanti debutti tra cui la seconda parte di ‘Afghanistan‘ di Ferdinando Bruni ed Elio De Capitani, “Who is the King?” un progetto su Shakespeare di Lino Musella, Andrea Baracco, Paolo Mazzarelli e “Si nota all’imbrunire” di Lucia Calamaro con Silvio Orlando.
Qui il programma completo.

Il giardino delle Esperidi 

Dal 21 giugno all’8 luglio nei borghi e sui sentieri del Monte di Brianza

Campsirago Residenza, centro di produzione e ricerca teatrale, rinnova la sua mission in un festival che unisce le varie arti (teatro, musica, danza e poesia) con il paesaggio naturale. Sono, infatti, i boschi incontaminati, meravigliosi paesaggi e le ville dei comuni di Colle Brianza, Ello, Galbiate, Olgiate Molgora e dell’antico borgo di Campsirago, a fare da cornice agli spettacoli.

“Il punto di forza caratteristico del festival delle Esperidi è la capacità di valorizzare e fare interagire insieme territorio, arte e pubblico. Il territorio dell’alta Brianza, in provincia di Lecco, con i suoi sentieri, le sue dimore storiche, le cascine, i terrazzamenti e i boschi di castagno, gelso e robinia ospita le opere teatrali in cui la natura diventa palcoscenico e opera stessa. Molti spettacoli in programma sono performance site specific, produzioni realizzate per i luoghi in cui si svolgono. Il pubblico, vario per età, provenienza e interessi, ritrova alle Esperidi quell’incantata magia, in cui Natura, Arte e Bellezza si fondono, dando vita a un evento raro nel panorama teatrale italiano”, ci tengono a precisare gli organizzatori.

Vi anticipiamo una chicca su domenica 24 giugno: “per la prima volta, il festival delle Esperidi organizza uno speciale itinerario di dodici ore nei luoghi più suggestivi del Monte di Brianza, tra sentieri, spettacoli, pranzi e cene comunitarie. Il percorso partirà da Ello, attraverserà i boschi di Figina, dove per i più piccoli andrà in scena E io non scenderò più, fino al Monte San Genesio con il pranzo preparato dagli Alpini e lo spettacolo In capo al mondo. In viaggio con Walter Bonatti. Da Ravellino, dove suoneranno i musicisti de La Tresca, il cammino, infine, ritornerà a Ello dove le associazioni locali cucineranno per il pubblico. L’attore e puppet designer David Zuazola chiuderà la giornata con la prima nazionale di ‘The game of time‘, un’incredibile performance composta da sette storie dirette da sette registi di tutto il mondo”.
Qui il programma completo.

Oxilia – teatro e musica per la terra d’Ossola

Dal 22 giugno al 22 agosto nelle Valli dell’Ossola

Prima edizione della kermesse. “L’Ossola, terra di confine, incrocio di mondi, storie e nazioni, terra di cangianti contrasti e sintonie che costantemente stupiscono per la loro ricchezza, è certamente un luogo in cui la cultura e l’arte trovano posto, e possono ulteriormente sviluppare le loro radici. Il teatro e la musica hanno il loro proprio spazio tra le attività culturali delle valli, soprattutto grazie all’attività costante e continua di numerose realtà (compagnie, formazioni musicali, teatri, associazioni, rassegne) che non mancano di proporre iniziative altamente qualificate.
Un festival che nasce sulla caratteristica della Val d’Ossola di essere zona di confine e proprio per questo motivo l’aspirazione sottesa alla progettazione delle iniziative è quella di usare i confini come mezzo di avvicinamento reciproco più che di separazione. Il festival vuole infatti espandere il proprio orizzonte oltre i confini ossolani per essere evento che crea dialogo con realtà differenti che possano arricchire il territorio ma anche uscire reciprocamente arricchite dal contatto con esso e con la realtà del festival” (dalla nota ufficiale).
Sul sito potete consultare la programmazione.

Festival dei Due Mondi di Spoleto

Dal 29 giugno al 15 luglio a Spoleto

Non fatevi scoraggiare dai collegamenti perché è una kermesse che merita il viaggio per quello artistico che vi permetterà di fare. Fondato da Gian Carlo Menotti nel 1958, è portato avanti con vigore e coerenza, dal 2007, da Giorgio Ferrara.
Marion Cotillard, Romeo Castellucci, Lucia Calamaro, Franco Branciaroli, Adriana Asti sono solo alcuni degli artisti che sarà possibile ammirare nel borgo umbro.
Qui potete consultare l’offerta giorno per giorno per farvi un’idea più dettagliata di quale spettacolo scegliere.

Mittelfest

Dal 5 al 15 luglio a Cividale del Friuli

Presto sarà presentata quest’edizione che vede come nuovo direttore Haris Pašović. “Ci siamo convinti a fare questo passo importante in considerazione del contesto multietnico di riferimento di Pašović, del suo eccellente curriculum artistico, dei progetti di prima qualità che ha diretto in ambito europeo e dell’impegno civile che ha sempre contraddistinto il suo lavoro”, hanno dichiarato il Presidente di Mittelfest Federico Rossi e dall’Assessore regionale Gianni Torrenti.

festival teatrali estate 2018
Foto tratta da ‘Multitud’ di Carlos Contreras a Santarcangelo Festival.
Ph Tamara Cubas

Pergine Festival

Dal 6 al 15 luglio a Pergine Valsugana

“Il nostro teatro è la città stessa, fatta di luoghi, storie, interazioni e persone. Un invito all’incontro attraverso pratiche artistiche multiformi” è il motto di quest’edizione ed effettivamente, avendolo provato direttamente vi assicuriamo che è proprio così. Si potrà assistere ai progetti realizzati da Agrupación Señor Serrano (ES), Acropoli, azione improvvisa_Ensamble, BJB Bonporti Jazz Band, Cristian Ceresoli/Simon Boberg, Circolo Bergman, Compagnia dei Somari/La Seggiolina Blu, Dance Makers, Dante Antonelli/COLLETTIVO SCHLAB, Dynamis, Eleonora Pippo, Full of Beans, Gironi/Garau, Giuliano Scarpinato, Humus (live), Juan Pedro e Franco B (Dj-set), Malavoadora (PT), Maniaci d’Amore, Mária Júdová & Andrej Boleslavský (CZ), Marta di Francesco, Muna Mussie, Noireve (live), Paula Tape (Dj-set), Quasark675, Societas/Claudia Castellucci e Vetrina delle Idee

Santarcangelo Festival

Dal 6 al 15 luglio a Cividale del Friuli

Si tratta di uno dei più importanti festival italiani dedicati al teatro contemporaneo, alla danza e alle arti performative, nonché il più antico e longevo, fondato nel 1971. Dal 2017 la direzione è affidata alla curatrice Eva Neklyaeva in collaborazione con Lisa Gilardino.
Molti i nomi illustri che lo hanno animato, su tutti ricordiamo Judith Malina e Jerzi Grotowski, e si continua con coerenza a perseguire una strada di ricerca.
Qui la programmazione.

Kilowatt Festival

Dal 13 al 21 luglio a Sansepolcro

A breve vi forniremo maggiori news su un festival molto a misura d’uomo, con artisti e proposte di qualità.

Biennale di Teatro – Secondo atto: attore/performer

Dal 20 luglio al 5 agosto a Venezia

Secondo anno sotto la direzione di Antonio Latella, il quale ha dichiarato: “forse, proprio mentre si fatica a comprendere perché, ad esempio, uno spettacolo di teatro-danza non sia invece definito spettacolo teatrale o viceversa, dove all’interno di uno spettacolo che potremmo definire ‘di prosa’ vediamo all’opera dei performer, credo che il punto di discussione possa essere circoscritto a due fattori – vettori del palcoscenico, l’attore e il performer, in particolare dove si trova e soprattutto se esiste ancora la distinzione tra performer e attore”. Tra gli artisti: Clement Layes, Gisèle Vienne, Simone Aughterlony, Thomas Luz, Davy Pieters, Vincent Thomasse, Jakob Ahlbom; alla compagnia Anagoor saranno assegnati i Leoni d’Argento (a loro tocca inaugurare con la prima assoluta di Orestea – Agamennone, Schiavi, Conversio), mentre la coppia Antonio Rezza – Flavia Mastrella riceverà i Leoni d’oro alla carriera.
Qui il programma.

Tramedautore

Dal 14 al 23 settembre a Milano

Ancora spazio ai nuovi testi e post conferenza stampa ve ne parleremo approfonditamente, intanto segnatevelo in agenda.

Ci riserviamo la possibilità di aggiornarvi con nuove segnalazioni nel corso dell’estate.

Etichette:
Offerta Libraccio 2018
Leggi la nostra Privacy Policy