Pubblicato in: Mostre

Gli inediti scatti di Vivian Maier a colori: alla scoperta di una gemma nascosta della fotografia

Alessio CappuccioAlessio Cappuccio 4 settimane fa
Vivian Maier a colori mostra

Forma Meravigli ospita una delle mostre più sorprendenti degli ultimi tempi: lo spazio di via Meravigli 5 infatti inaugura il 23 ottobre alle 18.30 la mostra Vivian Maier. A colori che resterà aperta fino al 19 gennaio 2020.

Per la prima volta si potrà ammirare un’inedita selezione di scatti a colori della ormai celeberrima “tata fotografa”, molti dei quali mai esposti al pubblico, che raccontano il quotidiano americano tra gli anni Cinquanta e la metà dei Settanta.

In un’epoca in cui il colore in fotografia veniva visto con diffidenza, utilizzarlo era coraggioso: Vivian Maier, la cui fama arrivò solo dopo la morte e per caso, conferma ancora una volta il suo alto grado di professionalità e sperimentalismo.

La street photographer di Chicago, a lungo considerata la tata con la passione per la fotografia, il cui talento è stato spesso relegato ai ranghi dell’amatoriale, dimostra con la scelta del colore di essere una vera pioniera del genere. Sebbene siano trascorsi dieci anni dalla scoperta del suo notevole lavoro, molti dettagli biografici continuano a rimanere un mistero così come rimane intatto il fascino che la sua fotografia è in grado di esprimere.

Diventata famosa solo dopo la sua morte, quando furono ritrovati i suoi rullini, la sua vita e il suo percorso creativo sono stati ricostruiti tramite le immagini – ne ha scattate più di 150mila – e i pochi dettagli che sono emersi relativamente al suo percorso. Il suo lavoro a colori, presentato per la prima volta al pubblico italiano, offre nuove prospettive e un nuovo sguardo sul lavoro di Vivian Maier.

Vivian Maier nacque a New York nel 1926 e trascorse parte della sua infanzia e adolescenza in Francia. Al ritorno negli Stati Uniti lavorò per quarant’anni come bambinaia, coltivando sempre la passione per la fotografia. Nell’arco della sua vita ha realizzato oltre centomila fotografie ma il suo lavoro è rimasto sconosciuto fino a quando, negli anni Duemila, lo storico John Maloof lo ha scoperto in un’asta a Chicago. Le sue immagini sono esposte in gallerie e musei e sono state pubblicate da riviste e giornali di tutto il mondo.

L’esposizione presenta una fotografa dallo sguardo acuto e sempre controcorrente, con il suo modo e la sua cifra stilistica. L’ironia, il calore umano, il paesaggio urbano, i ritratti, i bambini: Maier ha il dono di essere l’obiettivo invisibile per le strade di Chicago e New York, componendo un racconto che ha il carattere di una rivelazione.

Vivian Maier a colori mostra: orari e biglietti

dal 24 ottobre  al 19 gennaio 2020 – Forma Meravigli, Via Meravigli 5

Orari:

  • da mercoledì a domenica dalle 11.00 alle 20.00
  • lunedì e martedì chiuso

Biglietto unico: 5 euro

Scopri tutte le esposizioni in corso a Milano nel nostro #spiegonemostre

Potresti essere interessato a: