Pubblicato in: Fiere e Festival

I Sognatori pragmatici protagonisti del Dreamers Day 2019 al Teatro Dal Verme

Alessio CappuccioAlessio Cappuccio 3 settimane fa
dreamers day 2019

Quinta edizione per il Dreamers Day, il peculiare primo evento al mondo dedicato a quelli che amano definirsi Sognatori pragmatici.

In programma domenica 17 novembre al Teatro Dal Verme di Milano, il festival è nato da un’idea di School for Dreamers, scuola dell’Essere fondata da Francesca Del Nero: l’obiettivo è quello di ispirare una platea sempre più vasta di persone verso un’esistenza responsabile, sostenibile, armoniosa e felice.

L’edizione del 2019 verte come ogni anno sulle esperienze dei diversi speaker, dimostrazioni viventi del potere che il Sogno ha di cambiare il mondo. Quest’anno il focus è su: ambiente, sociale, education, impresa e valori, scienza, sport, con particolare attenzione a sostenibilità, inclusion e diversity.

Alternandosi sul palco dalle 10 alle 18:30, gli speaker condividono la propria visione, esperienze ed emozioni, raccontando come sono riusciti a realizzare il proprio obiettivo, credendo nelle proprie capacità, nella forza del loro Sogno oltre ogni ragionevole dubbio. Il pubblico presente riceve un profondo impatto in termini di ispirazione e motivazione. Germoglia nelle coscienze il seme della certezza che chiunque possa farcela a individuare e manifestare il proprio Sogno a beneficio proprio e di tutti.

Quest’anno, per la prima volta, l’evento è gratuito. Per il terzo anno consecutivo a condurre l’evento c’è il giornalista Andrea Bertuzzi, accompagnato da Artù, il suo golden retriever. L’insolita coppia ha consolidato un’inedita forma di pet journalism, le interviste “ArTUperTU”, nella convinzione che la presenza di un cane possa stimolare la sensibilità e le emozioni degli interlocutori, consentendo loro di aprirsi maggiormente. Gli speaker internazionali saranno intervistati da Papakow Baiden.

Questa edizione vedrà l’eccezionale presenza di Lapo Elkann che, nel corso di una conversazione con Francesca Del Nero, parlerà dell’importanza del pensiero creativo quale risorsa indispensabile nella vita di ognuno di noi.

Questi gli speaker che parleranno delle loro esperienze:

  • Barbara Mazzolai: biologa, dirige il Centro di Micro-Biorobotica dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Pontedera. Ha coordinato il progetto che ha portato alla realizzazione del Plantoide, il primo robot al mondo ispirato alle radici delle piante, con applicazioni che vanno dall’esplorazione spaziale alla microchirurgia al monitoraggio ambientale.
  • Stefano Simontacchi: è tra i massimi esperti di fiscalità nazionale e internazionale, voce influente nel panorama economico-finanziario italiano. È Presidente della Fondazione Ospedale dei Bambini Buzzi di Milano, presidente di BonelliErede e consigliere di amministrazione di RCS MediaGroup S.p.A. Ha portato il sogno nello sviluppo di tutte le organizzazioni con cui collabora.
  • Jack Cambria: storico e pluridecorato comandante della squadra negoziazione ostaggi della polizia di New York, racconterà delle qualità che ha sviluppato grazie a questo ruolo e dell’impatto che ha avuto nella vita delle persone che ha salvato.
  • Giampaolo Grossi: general manager di Starbucks Italia. Per continuare la conversazione sui valori aziendali iniziata durante la quarta edizione del Dreamers Day, porterà sul palco tre straordinarie storie di partner della multinazionale.
  • Guillermo Martínez: spagnolo, ha fondato all’età di 22 Ayudame3D.org nel 2017, un progetto che offre mani e braccia stampate in 3D a persone di tutto il mondo gratuitamente. Nel suo intervento TEDx, «La felicità può essere stampata», ha illustrato i valori sociali delle nuove tecnologie e come applicarle. È uno dei 23 giovani spagnoli under 35 chiamati a guidare la rivoluzione tecnologica secondo «Business Insider».
  • Eric Ezechieli: imprenditore rigenerativo, lavora perché tutte le attività umane creino condizioni favorevoli alla vita. Nel 2012 ha co-fondato Nativa, la prima B Corp e Benefit Corporation in Europa. Le B Corp sono aziende che ridefiniscono il concetto stesso di business perché hanno come scopo la rigenerazione ambientale e sociale e la creazione di una prosperità durevole e condivisa.
  • Sindiwe Magona: sudafricana laureata alla Columbia University, è autrice, poetessa, drammaturga, storyteller, attrice e speaker ispirazionale. Ha lavorato alle Nazioni Unite, dove si è occupata dei programmi radio Anti Apartheid fino al 1994 e degli archivi cinematografici delle NU. La sua passione è la trasformazione sociale.
  • Nitin Sharma: 36 anni, indiano, insoddisfatto del suo lavoro, cinque anni fa ha deciso di rassegnare le dimissioni per realizzare il suo sogno: insegnare gratuitamente a donne e bambini dei bassifondi di Jaipur. Ha avviato asili nido e corsi dedicati a donne, con lo scopo di emanciparle, rendendole economicamente indipendenti.
  • Giordano Tomasoni: bergamasco, classe 1970, è un atleta paraolimpico sopravvissuto a un tentato suicidio dovuto a una grave depressione. Oggi al centro della sua quotidianità c’è lo sport che lui interpreta come metafora della vita, da percorrere a chiari passi per generare felicità.
  • Caterina Bellandi: guida un taxi che offre il proprio servizio gratuitamente a bambini con patologie oncologiche accompagnandoli verso le cure ospedaliere o semplicemente a prendere un gelato.
  • Bruno Bella: fondatore di Vibeco, è un giovane e dinamico imprenditore che opera da 20 anni nel settore ambientale. Ha inventato fra l’altro, il mattone ecologico, utilizzando le scorie provenienti dai termovalorizzatori. È presidente onorario dei City Angels.
  • Armando Persico: docente in materie giuridico-economico-aziendali, è inserito tra i Top 50 Teacher 2017 dal Global Teacher Prize, il premio Nobel dei docenti. Dal 2018 si occupa di introdurre i programmi di educazione all’imprenditorialità di Junior Achievement in Italia e in Europa, nell’ottica di creare un ecosistema per la crescita di imprese in sinergia con le scuole.
  • Sandro Formica: professore alla Florida International University e titolare di cattedra in “Potere Personale e la Scienza della Felicità” lavora per integrare la scienza della felicità nelle aziende, università, scuole e istituzioni pubbliche. Collabora, fra l’altro, con Maria Teresa Golfari, che dirige il Centro Scolastico Giovanni Paolo II di Melegnano, una scuola all’avanguardia dove si coltivano i talenti, i valori e l’intelligenza emotiva degli studenti.
  • Marta Basso: 26enne, imprenditrice, autrice e speaker. È diventata “CEO for One Month” di Adecco Group Italy nel 2017 e riconosciuta come uno dei migliori studenti del 2016 dal Parlamento Italiano. Assieme ad
  • Alessandro Sandionigi, classe 1989, creatore di startup innovative riconosciute anche a livello internazionale, ha fondato Millennial Warriors, social business che aiuta le aziende a risolvere il problema del generational gap.
  • Alice Siracusano: è orgogliosa “mamma” di Luz, agenzia di content marketing alla quale ha dato nuova vita nel 2017, nata dall’eredità dell’agenzia Grazia Neri. La missione di Alice è trovare, salvaguardare e diffondere storie basate sulla verità dei fatti narrati e rilevanti per il pubblico.
  • Jacopo Cardillo in arte Jago: eclettico artista italiano residente a New York che lavora nella scultura e nella produzione video. Autore di un busto in marmo di Benedetto XVI nel 2009 (poi spogliato e trasformato in “Habemus Hominem” in seguito alle dimissioni del Pontefice), nel 2010, a soli 23 anni, viene selezionato per esporre l’opera durante la 54esima Biennale di Venezia organizzata da Vittorio Sgarbi.
  • Toni Mischitelli: è country manager per l’Italia della start-up fintech greco-americana Roadcube e gestisce con la sua azienda di famiglia il gruppo alberghiero Ali-hotels. A seguito del risveglio spirituale che ha vissuto all’età di 20 anni, intende divulgare la sua esperienza per ispirare altri. Lo fa anche con il libro che ha scelto di presentare in anteprima al Dreamers Day: Wake up. Sveglia la presenza! (Efdien Publishing).

Per altre esperienze interessanti non perdere BookCity