Pubblicato in: News

Panettone sospeso: a Milano la beneficenza si fa in pasticceria. Quali negozi aderiscono

RedazioneRedazione 10 mesi fa
panettone-sospeso-milano-min
Foto di Pasticceria Martesana

Dal 7 al 22 dicembre torna a Milano l’iniziativa del “panettone sospeso”, un gesto di beneficenza dedicato a coloro che non hanno le possibilità economiche di comprarne uno. Nel 2019 il progetto ha raccolto ben 1.644 panettoni, donati alle fasce più fragili della popolazione. Questo Natale la raccolta solidale sarà destinata a “Milano Aiuta” e a “Casa Jannacci”, la Casa dell’Accoglienza del Comune di Milano.

Quest’anno anche chi non vive a Milano potrà sostenere l’Associazione “a distanza” mediante una donazione sul sito panettonesospeso.org: il denaro raccolto verrà poi “trasformato” in panettoni.

Panettone sospeso: come partecipare

L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Milano, si ispira alla tradizione napoletana del “caffè sospeso”: come a Napoli il caffè è un simbolo, così il panettone lo è per Milano. Da Sant’Ambrogio  al 22 dicembre nelle quattordici pasticcerie associate (e identificate da un’apposita vetrofania) chiunque potrà acquistare un panettone e lasciarlo “già pagato” in attesa di essere donato a chi è meno fortunato. Per ogni panettone lasciato “in sospeso”, le pasticcerie ne aggiungeranno un altro, raddoppiando così la donazione effettiva.

Al termine della raccolta, i “panettoni sospesi” verranno consegnati a “Casa Jannacci”, la Casa dell’Accoglienza in Viale Ortles che offre assistenza ai senza fissa dimora, e a “Milano Aiuta” la rete di solidarietà creata dal Comune di Milano per sostenere i cittadini e le famiglie in difficoltà a causa dell’emergenza da Covid-19.

Le pasticcerie di Milano che aderiscono all’iniziativa

La seconda edizione dell’iniziativa solidale promossa dall’Associazione no profit Panettone Sospeso, che si prefigge di raccogliere e donare panettoni a persone in stato di indigenza nella città di Milano, vede la partecipazione di quindici pasticcerie: alle undici già coinvolte lo scorso anno si sono infatti aggiunti “I Dolci del Paradiso” (il cake hub di Comunità Nuova, la onlus presieduta da don Gino Rigoldi), la storica insegna “Martesana Milano”, il laboratorio di pasticceria dello Chef Carlo Cracco e le pasticcerie Baunilla e Polenghi.

Questi gli indirizzi di  tutte le pasticcerie aderenti, distinguibili da una vetrofania apposita posta all’ingresso dei locali:

  • Alvin’s (via Melchiorre Gioia, 141)
  • Cake l’Hub – I Dolci del Paradiso (via Luigi Mengoni, 3)
  • Davide Longoni (via Gerolamo Tiraboschi 19, Via Fratelli Bronzetti 2 e Mercato del Suffragio – piazza Santa Maria del Suffragio)
  • Gelsomina (via Carlo Tenca, 5 e via Fiamma, 2)
  • Giacomo (via Pasquale Sottocorno, 5)
  • Marlà (corso Lodi, 15)
  • Martesana (via Card. G. Cagliero 14, piazza Sant’Agostino 7 e via Paolo Sarpi 62)
  • Massimo 1970 (via Giuseppe Ripamonti, 5)
  • Moriondo (via Marghera, 10)
  • Panettone Cracco Pasticceria (Galleria Vittorio Emanuele II)
  • San Gregorio (via San Gregorio, 1)
  • Baunilla (piazza Alvar Aalto)
  • Polenghi Angelo (Via Alfonso Lamarmora, 31)
  • Ungaro (via Ronchi, 39)
  • Vergani (corso di Porta Romana 51 e via Mercadante, 17)