Pubblicato in: Cinema

Oscar 2021: tra le nomination Laura Pausini e il Pinocchio di Garrone

premi-oscar-statuette

Anche gli Accademy Awards risentono della pandemia, con alcune modifiche allo storico evento di premiazione per i migliori film dell’ultimo anno. Gli Oscar 2021 si terranno la notte del 25 aprile, con una formula studiata per limitare la presenza delle star, che in gran parte dovranno ritirare il premio “virtualmente” da casa, ripetendo la formula che è stata dei Golden Globe e dei Grammys appena trascorsi.

L’Accademy ha annunciato ieri sera i nomi dei candidati alla prestigiosa statuetta, con una piccola modifica alle regole. Solitamente infatti, gli Oscar comprendono le pellicole uscite negli USA da gennaio a dicembre dell’anno precedente. Come sappiamo però il 2020 è stato un anno tragico per il cinema, con moltissimi film slittati di molti mesi o mai usciti in sala. Per questo motivo nel 2021 i possibili candidati saranno tutti i film usciti da gennaio 2020 fino a febbraio 2021, facendo arrivare le nomination con quasi due mesi di ritardo rispetto al solito.

Oscar 2021: le nomination

Quest’anno gli Oscar hanno un sapore un po’ più italiano, dato dalle nomination di Laura Pausini per la categoria Miglior canzone originale con ““Io sì (Seen)” per il film La vita davanti a sé e del Pinocchio di Matteo Garrone per le categorie Migliori trucco e acconciature e Migliori costumi.

Trionfa Netflix con 35 nomination, 11 in più dello scorso anno. Un’ultima novità riguarda le categorie in gara: finalmente i premi al Miglior sonoro e al Miglior montaggio sonoro, vinti nel 99% dei casi dallo stesso film, sono stati accorpati in uno solo.

Volete farvi un’idea dei film in gara e tifare per il migliore? La gran parte delle pellicole in gara è disponibile sulle principali piattaforme streaming già da diverse settimane, in concomitanza con i Golden Globe. Cosa aspettate?

Miglior regia

  • Thomas Vinterberg, Un altro giro
  • David Fincher, Mank
  • Lee Isac Chung, Minari
  • Chloe Zhao, Nomadland
  • Emerald Fennel, Una donna promettente

Miglior film

  • The Father
  • Judas and the Black Messiah
  • Mank
  • Minari
  • Nomadland
  • Una donna promettente
  • Sound of Metal
  • Il processo ai Chicago 7

Miglior attrice protagonista

  • Viola Davis, Ma Rainey’s Black Bottom
  • Andra Day, The United States vs. Billie Holiday
  • Vanessa Kirby, Pieces of a Woman
  • Frances McDormand, Nomadland
  • Carey Mulligan, Una donna promettente

Migliore attrice non protagonista

  • Maria Bakalova, Borat – Seguito di film cinema
  • Glenn Close, Elegia americana
  • Olivia Colman, The Father
  • Amanda Seyfried, Mank
  • Yuh-Jung Youn, Minari

Miglior attore protagonista

  • Riz Ahmed, Sound of Metal
  • Chadwick Boseman, Ma Rainey’s Black Bottom
  • Anthony Hopkins, The Father
  • Gary Oldman, Mank
  • Steven Yeun, Minari

Miglior attore non protagonista

  • Sacha Baron Cohen, Il processo ai Chicago 7
  • Daniel Kaluuya, Judas and the Black Messiah
  • Leslie Odom, Jr., Quella notte a Miami…
  • Paul Raci, Sound of Metal
  • Lakeith Stanfield, Judas and the Black Messiah

Miglior film di animazione

  • Onward
  • Over the Moon – Il fantastico mondo di Lunaria
  • Shaun, vita da pecora: Farmageddon
  • Soul
  • Wolfwalkers – Il popolo dei lupi

Miglior film in lingua non inglese

  • Un altro giro, Danimarca
  • Better Days, Hong Kong
  • Collective, Romania
  • The Man Who Sold His Skin, Tunisia
  • Quo Vadis, Aida?, Bosnia ed Erzegovina

Miglior fotografia

  • Judas and the Black Messiah
  • Mank
  • Notizie dal mondo
  • Nomadland
  • Il processo ai Chicago 7

Miglior sceneggiatura originale

  • Judas and the Black Messiah
  • Minari
  • Una donna promettente
  • Sound of Metal
  • Il processo ai Chicago 7

Miglior sceneggiatura non originale

  • Borat – Seguito di film cinema
  • The Father
  • Nomadland
  • Quella notte a Miami…
  • La tigre bianca

Migliore colonna sonora

  • Da 5 Bloods – Come fratelli
  • Mank
  • Minari
  • Notizie dal mondo
  • Soul

Migliore canzone originale

  • “Fight for You” – Judas and the Black Messiah
  • “Hear My Voice – Il processo ai Chicago 7
  • “Husavik” – Eurovision Song Contest – La storia dei Fire Saga
  • “Io sì (Seen)” – La vita davanti a sé
  • “Speak Now” – Quella notte a Miami…

Migliori effetti speciali (“visual effects”)

  • Love and Monsters
  • The Midnight Sky
  • Mulan
  • L’unico e insuperabile Ivan
  • Tenet

Miglior documentario

  • Collective
  • Crip Camp – Disabilità rivoluzionarie
  • The Mole Agent
  • My Octopus Teacher
  • Time

Miglior cortometraggio documentario

  • Colette
  • A Concerto Is A Conversation
  • Do Not Split
  • Hunger Ward
  • A Love Song for Latasha

Miglior cortometraggio animato

  • Burrow
  • Genius Loci
  • Se succede qualcosa, vi voglio bene
  • Opera
  • Yes-People

Miglior cortometraggio

  • Feeling Through
  • The Letter Room
  • The Present
  • Two Distant Strangers
  • White Eye

Migliori trucco e acconciature

  • Emma.
  • Elegia americana
  • Ma Rainey’s Black Bottom
  • Mank
  • Pinocchio

Migliore scenografia

  • The Father
  • Ma Rainey’s Black Bottom
  • Mank
  • Notizie dal mondo
  • Tenet

Migliori costumi

  • Emma.
  • Ma Rainey’s Black Bottom
  • Mank
  • Mulan
  • Pinocchio

Miglior montaggio

  • The Father
  • Nomadland
  • Una donna promettente
  • Sound of Metal
  • Il processo ai Chicago 7

Miglior sonoro

  • Greyhound – Il nemico invisibile
  • Mank
  • Notizie dal mondo
  • Soul
  • Sound of Metal
Etichette: