Pubblicato in: Fiere Mostre

Miart 2017: il programma completo della fiera internazionale d’arte contemporanea

miart_2017_programma_date_informazioni
Credits: Miart

Si svolgerà dal 31 marzo al 2 aprile Miart 2017, la ventiduesima edizione della fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea di Milano. Ad accogliere la manifestazione, che si tiene in contemporanea con la Art Week meneghina e che si incrocia con questa per quanto riguarda alcuni eventi, vi saranno gli imponenti spazi di Fieramilanocity, tra i pochi in grado di ospitare le 175 gallerie che hanno aderito.

D’altro canto è lo stesso Amministratore Delegato di Fiera Milano, Corrado Peraboni, a ricordare che Miart è “il solo evento in Italia in grado di unire le più importanti gallerie italiane e internazionali, le opere più interessanti e la competenza dei migliori operatori.”

La crescita della reputazione della kermesse nel mondo dell’arte, afferma il direttore artistico Alessandro Rabottini, è testimoniata anche dalle numerose nuove presenze che arrivano da tutta Europa ma anche da Paesi come Sudafrica, Svizzera e Brasile: “Partecipano a Miart 2017 gallerie che nelle edizioni precedenti mai avremmo pensato di avere con noi, questo è un ottimo segnale. È sempre più evidente che Milano è attualmente una piazza in cui le realtà che contano vogliono essere presenti”.

Obiettivo di Miart 2017 è l’articolazione di un dialogo tra arte moderna, contemporanea e design, creando inattese consonanze tra i maestri consolidati e le nuove proposte della scena odierna. Quattro le sezioni principali – Emergent, First Step, Established Masters ed Established Contemporary – che si confermano come le colonne portante della manifestazione.

La prima è riservata alle giovani gallerie con un’attività espositiva che non superi i cinque anni e la cui programmazione sia focalizzata sulla promozione delle generazioni più recenti. La seconda presenta gallerie che hanno partecipato in passato alla sezione Emergent e che vengono dunque “promosse”, mentre le due Established si focalizzano rispettivamente su opere d’arte realizzate entro l’anno 2000 e sulle gallerie di primo mercato che presentano i linguaggi della più stretta contemporaneità.

Si aggiunge anche la sezione su invito Generations, che rappresenta un tentativo di confronto tra artisti di generazioni diverse. Ulteriore novità è la trasversale On Demand, sezione che incoraggia le gallerie a esporre opere context-based – opere site-specific come installazioni e wall paintings, progetti da realizzare, commissioni e performance: ovvero opere che, per esistere, hanno bisogno di essere “attivate” da chi le possiede.

Decades celebra invece il ruolo centrale delle gallerie e della loro storia in un percorso che attraversa il XX secolo in una scansione per decenni: ogni stand rappresenta un momento chiave che ha marcato la decade in oggetto, come in una sorta di archivio storico. Infine è più orientata al designa la sezione Object dedicata gallerie attive nella promozione del design di ricerca, delle arti decorative e delle limited edition.

Momenti di discussione aperto al pubblico, i numerosi Miartalks 2017 che si svolgeranno nelle tre giornate affronteranno vari argomenti, soffermandosi in particolare sulla condizione presente e le sfide future delle biennali e delle mostre periodiche sparse in tutto il mondo. Qui il programma completo delle conversazioni.

L’apertura al pubblico avviene dalle ore 12 alle 19 dal venerdì al sabato, mentre la domenica viene anticipata di un’ora, con orario 11 – 19. Il biglietto intero è di 15 euro, mentre il ridotto (ragazzi dai 14 ai 17 – studenti universitari) è di 10 euro, con ulteriore riduzione “baby” a 1 euro simbolico per studenti delle accademie di belle arti e di corsi di laurea in storia dell’arte.

Riassumendo

Miart 2017

Fieramilanocity – Padiglione 3, Gate 5

dal 31 marzo al 2 aprile

Venerdì – sabato dalle 12 alle 19; domenica dalle 11 alle 19

Biglietto intero: 15 euro

Biglietto ridotto (14 –  17 anni e studenti universitari): 10 euro

Ridotto baby (studenti di Belle Arti e di corsi di laurea in storia dell’arte): 1 euro

Etichette:

Forse sei interessato a: