Pubblicato in: Libri

Luoghi e Libri: come scoprire l’anima letteraria di Milano (e non solo)

RedazioneRedazione 2 mesi fa
turismo letterario milano luoghi e libri

Amate leggere e viaggiare sulle orme di scrittori e libri? Allora Milano vi stupirà: la città capitale dell’editoria italiana ospita tantissimi luoghi del cuore per chi ama esplorare l’anima letteraria di un posto: tanto che proprio Milano è stata nominata City of Literature dall’Unesco, la prima e unica per ora in Italia.
Case museo, biblioteche di condominio, biblioteche storiche, passeggiate letterarie: ci sono tanti modi per esplorare Milano “insieme” ai vostri libri preferiti! E li troverete anche in un libro-guida: si chiama “Luoghi e Libri. Spunti letterari per viaggiare in Italia e in Europa”, Morellini Editore. Lo ha scritto la “nostra” Mariangela Traficante, vice direttrice di Milano Weekend ed esperta di turismo e cultura.
E ha voluto dedicare questo volume proprio a chi ama essere un “turista letterario” alla ricerca degli eroi di carta tra le strade di paesi e città, conoscere dal vivo i luoghi immaginati tra le pagine, sedersi al tavolino del caffè amato dallo scrittore preferito, ma anche visitare le biblioteche e le librerie più affascinanti.
E poi anche hotel, ristoranti, caffè, per scoprire dove accomodarsi allo stesso tavolo dove era solito sedere il nostro scrittore preferito.

turismo letterario luoghi e libri Mariangela Traficante

A Milano gli spunti non mancano, dalla casa di Alessandro Manzoni e la sua amata Chiesa di San Fedele ai Navigli di Alda Merini, fino ai tanti luoghi prediletti per la lettura e la scoperta di tesori letterari.

Per esempio qual è la biblioteca più conosciuta e amata dai milanesi? Probabilmente la Sormani (in corso di Porta Vittoria 6), ovvero la Biblioteca Comunale Centrale di Milano. Andando poi verso il centro e superando piazza Duomo non perdetevi la Veneranda Biblioteca Ambrosiana (piazza Pio XI) troverete un tesoro, il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci. E nella sua Pinacoteca potrete ammirare capolavori come il Ritratto di musico di Leonardo, il cartone preparatorio de La Scuola di Atene di Raffaello Sanzio e La canestra di frutta di Caravaggio. E tante curiosità, per esempio i guanti indossati da Napoleone a Waterloo e una teca contenente una ciocca di capelli di Lucrezia Borgia: qui davanti vennero a cercare ispirazione anche Lord Byron e Gabriele D’Annunzio (per informazioni: www.ambrosiana.it).

Da scoprire poi anche la Biblioteca Nazionale Braidense (via Brera 28), al fianco di Pinacoteca e Accademia: fu aperta nel 1786. Una lapide nello scalone d’onore ricorda Giuseppe Parini, che tenne la cattedra di eloquenza al Liceo di Brera dal 1754 al 1799 (la Sala di consultazione di oggi era la sua aula di insegnamento)  e abitava nel palazzo.

Ma a Milano non ci sono solo le grandi biblioteche storiche! Se andrete a godervi uno dei quartieri più innovativi, quello di Porta Nuova, all’ombra dello skyline di vetro e acciaio e non lontano dal Bosco Verticale e dalla nuova Biblioteca degli Alberi troverete la Piccola Biblioteca Libera, una piccola oasi di lettura nel passaggio pedonale tra via Confalonieri e via de Castillia, con panche e tavoloni in legno dove godersi la lettura se il clima lo permette, e soprattutto gli scaffali dove curiosare e scegliere un libro. E se ne vorrete portare uno dei vostri da donare sarete naturalmente i benvenuti.

E che ne dite di andare a scovare una biblioteca di condominio? Sì, a Milano ce ne sono tredici, l’ultima nata è la Biblioteca Sociale Espinasse, in uno spazio confiscato alla mafia. Sono sparse nei quartieri e animano ex portinerie e stanze non più utilizzate e cortili.

Se volete saperne di più, sui viaggi letterari a Milano ma anche su quelli da scoprire a Trieste, Palermo, Dublino, Parigi, e persino fino in Islanda, Mariangela Traficante presenterà il suo libro mercoledì 6 novembre 2019 alla Libreria Popolare di via Tadino, appuntamento alle 19. Qui tutti i dettagli.

Etichette: