Pubblicato in: News

Inaugurato alla Fabbrica del Vapore il murale dedicato a Mandela

AvatarMarco Valerio 6 anni fa
© Comune di Milano

È stato inaugurato oggi, alla presenza del Sindaco di Milano Giuliano Pisapia, del Console Generale del Sudafrica Saul Kgomotso Molobi e dell’Amministratore Delegato di Building Energy Fabrizio Zago, il murale celebrativo 20 Years of Freedom and Democracy, patrocinato dal Comune di Milano e dal Governo del Sudafrica.

L’opera artistica, realizzata sul muro di recinzione della Fabbrica del Vapore e sostenuta da Building Energy, produttore indipendente di energia da fonti rinnovabili, è nata dalla volontà delle autorità cittadine e sudafricane di celebrare i 20 anni di democrazia e libertà in Sudafrica.

Il 27 aprile del 1994 il Sudafrica ha messo da parte secoli di discriminazione e oppressione per costruire una nuova società fondata sulla libertà e sulla democrazia che ha segnato la fine del regime dell’apartheid e introdotto un nuovo ordine costituzionale, in cui tutti lavorano insieme per una società unita, non razziale, non sessista, democratica e prospera.

Il murale, dedicato a Mandela, inaugurato oggi, alla vigilia del Mandela Day è stato realizzato da PaoPao, Nais, Orticanoodles e Ivan, quattro tra i principali rappresentanti della street art e dell’arte pubblica milanese. L’opera, nata dall’unione di stili e visioni differenti e dalla collaborazione di più artisti, si ispira alla capacità della democrazia sudafricana di far coesistere culture e popolazioni diverse.

Nel murale, le scaglie poetiche di Ivan che riprendono anche una citazione di Mandela (“Italwaysseemsimpossibleuntilit’sdone”), affiancano la figura femminile di una madre africana rappresentata con sensualità da Nais. Orticanoodles, il duo specializzato nella realizzazione di ritratti a dimensione monumentale, ha firmato il ritratto di Mandela, mentre Pao ha rappresentato i popoli della terra e coordinato i diversi stili.

I colori scelti per il murale – giallo, rosso e blu – richiamano la bandiera sudafricana e rappresentano la molteplicità delle culture e dei popoli.

Etichette: