Pubblicato in: Evergreen

Cosa vedere e come divertirsi a Milano

News Partner 2 mesi fa
duomo-milano

Milano può essere considerata la capitale che detiene il primato in vari settori. Basti pensare in questo senso agli affari, alla moda, alla cultura, allo sport. Davvero per chi vuole inserirsi anche nel mondo del lavoro, il capoluogo della Lombardia rappresenta un punto di riferimento. Non a caso questa città può essere definita come un posto che offre tantissime occasioni. Ma c’è anche un altro modo di vivere Milano, che non è soltanto quello del lavoro. Infatti ci si può dedicare anche ad una visita, a dei momenti di divertimento, considerando tutte le possibilità che questa città offre.

Come divertirsi a Milano

A Milano ci sono negozi d’eccezione che permettono di fare shopping all’insegna dell’eccellenza. Non si possono dimenticare a questo proposito, per esempio, i negozi di via Montenapoleone, che offrono moda e lusso. In questa via di Milano si possono trovare tutti i brand più importanti e negozi eleganti, ma si trovano anche quelle botteghe che si possono considerare a tutti gli effetti storiche.

Nel capoluogo della Lombardia si possono praticare vari tipi di giochi, come per esempio quelli relativi alle sale bowling, alle sale da biliardo, ai videogiochi e ci si può lasciare affascinare dall’arte contemporanea. Infatti, per esempio, spesso ci sono delle mostre, come quelle che vengono ospitate all’interno del Palazzo dell’Arte. Oppure, per chi ama davvero il senso artistico, è a disposizione la visita guidata della Triennale.

Naturalmente non mancano le occasioni per fare degli aperitivi in centro, per tuffarsi poi nella movida dei Navigli. Questa zona della città ha assunto un ruolo importante nel divertimento notturno, perché si trovano numerosi bar e locali. Milano è proprio una fonte inesauribile di divertimento, grazie anche alla musica e alle discoteche che si trovano soprattutto tra corso Como e Porta Garibaldi.

Cosa fare e cosa vedere a Milano

A Milano è possibile trovare delle ottime occasioni fra natura, storia e arte. Per esempio, da questo punto di vista non si può mancare di fare una visita a tre punti fondamentali della metropoli. Stiamo parlando di Parco Sempione, del Castello Sforzesco e della Triennale, che offrono dei percorsi davvero molto belli e affascinanti.

Volendo a Milano si possono sfruttare anche le varie piste ciclabili che sono state messe a nuovo, all’insegna dello sviluppo ecosostenibile. Sempre sullo stesso tema non si può fare a meno di ammirare il cosiddetto Bosco Verticale. Si tratta di un noto grattacielo con terrazze verdi, che è nato dall’idea del famoso architetto Stefano Boeri.

E poi come dimenticare in questa città il Teatro alla Scala? Potrebbe essere un altro modo importante ed interessante di trascorrere qualche giorno a Milano. Il teatro di cui stiamo parlando è situato non molto lontano dal Duomo e attrae sempre moltissimi spettatori. D’altronde l’offerta che viene messa a disposizione a livello di spettacoli è davvero incredibile. Balletto, concerti e poi sicuramente in tutta questa offerta così particolare rientra l’opera.

A Milano chi vuole può dedicarsi anche a seguire gli avvenimenti più importanti dello sport. Non a caso esiste quello stadio molto importante, che è definito come la Scala del calcio e che è San Siro. Qui si svolgono le partite migliori della Serie A, anche perché lo stadio San Siro riesce ad ospitare fino a 82.000 persone. Durante l’anno si possono vedere proprio in questo stadio disputarsi le partite tra Milan e Inter.

Un altro luogo molto interessante da vedere a Milano è la Pinacoteca di Brera, sempre fonte particolare di esposizioni. La pinacoteca di cui stiamo parlando è situata nel Palazzo Brera, in una zona molto importante di Milano. Al suo interno si possono ammirare i quadri dei più famosi artisti italiani e mondiali.

Ma Milano è anche sede di una serie di eventi annuali per occasioni di vario genere. A questo proposito, per esempio, ne possiamo ricordare alcuni, come le Settimane della Moda, la Design Week, il nuovo Salone del Libro: sono tutti degli eventi imperdibili.

Poi c’è il simbolo fondamentale della città di Milano, che è sicuramente il Duomo. Questa cattedrale detiene a proprio favore alcuni record fondamentali, perché è la terza chiesa cattolica al mondo per superficie. Il Duomo di Milano è stato costruito a partire dal XIV secolo.

La Madonnina d’oro è il punto più alto ed è stata realizzata a partire dalla fine del 1700. Ciò che colpisce più del Duomo di Milano è la sua particolare architettura davvero imponente, in quello stile gotico di fondo che è stato poi interpretato in diversi modi. C’è anche la possibilità di salire sulla terrazza, per ammirare un panorama unico sulla metropoli.

La piazza del Duomo è una delle principali attrazioni turistiche di Milano. Infatti anche gli abitanti della città sono soliti passeggiare in queste zone, potendosi concedere un po’ di shopping nelle boutique che si trovano nella Galleria Vittorio Emanuele.

Altri svaghi di tendenza a Milano

Una delle possibilità che si hanno a Milano di divertirsi è quella di visitare una sala da giochi nei pressi del capoluogo. Non sono numerose come un tempo, dal momento che ormai in molti preferiscono i casinò online, più accessibili e con la possibilità di servirsi di bonus e promozioni per i giochi. In ogni caso, per i più nostalgici, le sale bingo, i circoli di poker e carte e i centri per scommesse di certo non mancano nel capoluogo lombardo.

Infine, per chi ama la cucina ci sono diverse opportunità, rifacendosi alla tradizione culinaria milanese, che è molto buona. Ma c’è qualcosa in più, anche per chi ama mangiare all’orientale. Infatti, non a caso il capoluogo della Lombardia può essere considerato la capitale del sushi. Si tratta del tradizionale piatto giapponese a base di riso e pesce crudo, che si può gustare in differenti varianti. Ma non si può perdere a Milano di fare il cosiddetto happy hour, che è ormai diventato una specie di rito scelto sia dai più giovani che dagli adulti e che è veramente ottimo dopo una giornata dedicata al lavoro.