Pubblicato in: News

Lombardia in zona gialla: riaperture per ristoranti, cinema e musei

RedazioneRedazione 3 settimane fa
bastioni-porta-venezia-min

La Lombardia torna finalmente in zona gialla da lunedì 26 aprile, insieme ad Abruzzo, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Umbria, e Veneto. Cinque regioni passeranno invece arancione (Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta), mentre solo la Sardegna resterà rossa, pur con dati vicini alla zona arancione.

L’Rt italiano si abbassa a 0,81 e quello lombardo resta a 0,72 con un lieve calo dei contagi. Con il nuovo programma di riaperture su quasi tutto il territorio italiano si tornerà a frequentare ristoranti, cinema, teatri e musei, oltre a potersi finalmente spostare liberamente tra regioni gialle.

Vaccini in Lombardia: la situazione

Le vaccinazioni in Lombardia proseguono costantemente, andando sempre più veloci nell’ultimo periodo. Al momento possono accedere alle prenotazioni anche le persone over 60, interrompendo le somministrazioni alle categorie di lavoratori come imposto dal nuovo piano vaccinale per fasce d’età.

L’andamento quotidiano delle vaccinazioni regione per regione e il numero di dosi somministrate sul totale disponibile è consultabile sulla piattaforma messa a disposizione dal governo.

Zona gialla: cosa si può fare e cosa riapre

Spostamenti

In zona gialla è permesso spostarsi liberamente su tutto il territorio regionale, pur rispettando il coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino. Sarà possibile muoversi per turismo anche da e verso le altre regioni gialle, con la possibilità di transitare nelle zone arancioni se necessario.

A Milano le telecamere di Area C restano accese, mentre prosegue la sospensione del pagamento dei parcheggi blu e di Area B fino a data da destinarsi.

Visite a parenti e amici

In zona gialla è permesso incontrare parenti e amici una volta al giorno e in massimo 4 persone, senza contare minori di 14 anni e persone disabili non autosufficienti. Sarà possibile anche raggiungere le seconde case con amici e parenti fino a un massimo di 4 persone non conviventi.

Apertura delle scuole

In zona gialla, oltre a scuole elementari e medie e che hanno riaperto dopo le vacanze di Pasqua, torneranno in classe anche gli alunni delle classi fino alla terza media e delle scuole superiori con una percentuale di didattica in presenza che va dal 75 al 100%.

Negozi, mercati e centri commerciali

Tutti i negozi potranno riaprire durante la settimana, compresi i centri commerciali che per la prima volta potranno tenere aperto durante il weekend. Nei mercati rionali di Milano e della Lombardia sarà concesso posizionare anche banchi non alimentari.

Barbieri e parrucchieri

In zona gialla potranno restare aperti parrucchieri e centri estetici.

Ristoranti e bar

Ristoranti, bar, pub e gelaterie potranno finalmente riaprire, ma solo con consumazione all’aperto. Rimane ovviamente la consegna da asporto fino alle 22 (fino alle 18 i bar) e il domicilio senza limiti di orario.

La nostra guida ai ristoranti con dehors a Milano che hanno riaperto in questi giorni.

Cinema e teatri

Fermi da settembre 2020, dal 26 aprile torneranno ad accendersi le insegne di teatri e cinema in tutta Milano, sia all’aperto che al chiuso. La programmazione sarà dedicata alla Notte degli Oscar e ai David di Donatello, in arrivo tra pochi giorni.

Per conoscere orari e giorni di apertura dei teatri milanesi consulta la nostra guida!

Musei e mostre

Musei e mostre torneranno finalmente ad accogliere i visitatori, pur con regole precise per evitare assembramenti. La novità del nuovo decreto riguarda le aperture durante il weekend, confermate seppur con prenotazione obbligatoria.

Per conoscere orari e giorni di apertura dei musei milanesi consulta la nostra guida!

Sport e attività fisica

In zona gialla sarà consentito di nuovo fare sport all’aperto anche di contatto. Quindi via libera a basket e calcetto, ai centri sportivi e agli allenamenti per le squadre dilettantistiche. Per l’apertura di palestre e piscine occorrerà invece aspettare ancora un po’ di tempo.

Etichette: