Una finestra sull'Ortica: foto e storie sui muri del quartiere
 

Una finestra sull’Ortica: la mostra interattiva sui muri del quartiere

Una finestra sull'ortica mostra milano

Se andate all’Ortica, estrema periferia est, in questi giorni, potrete ammirare per le vie del quartiere milanese una vera e propria mostra “a cielo aperto”: fotografie a grandezza manifesto di chi lì ci vive. Si tratta della mostra multimediale “Una finestra sull’Ortica” che appunto è dedicata al quartiere e ai suoi abitanti.

Di ognuno la fotografa Alessandra Di Consoli ha voluto raccontare, in uno scatto, l’identità, che in un certo senso è un pezzo dell’identità dell’Ortica stessa, un “sobborgo” popolare chiuso dalla ferrovia che ha saputo attirato anche i grandi nomi del fermento culturale novecentesco, da Fo a Streheler. Con lei, abbiamo fatto un giro per il quartiere, scoprendo e conoscendo i protagonisti delle immagini.

“Abbiamo voluto cogliere, per ognuno, un tratto distintivo, perché tutti hanno una storia interessante da raccontare, vita vissuta qui per decenni, ma anche da pochi anni. E tutti insieme compongono la storia del quartiere”  ci ha spiegato Alessandra Di Consoli.

Per conoscere la storia di ognuno basta non dimenticare a casa il proprio smartphone: su ogni manifesto si trova un QR Code che rimanda direttamente alla pagina del sito unafinestrasullortica.com dedicata alla persona ritratta. Le storie e le interviste sono a cura di Fabio Bedostri, presidente de Il circolo dell’Ortica.

La mostra multimediale e il quartiere

La mostra “Una finestra sull’Ortica” è un’iniziativa del tutto particolare non solo perché è composta da manifesti affissi per strada. Si tratta di una vera e propria mostra multimediale perché fotografie e sito – dove si trovano le storie e le video interviste dei protagonisti – si integrano uno con l’altro. Un’iniziativa apprezzata anche agli abitanti del quartiere stesso, che in qualche modo si sono incaricati del compito di prendersene cura.

“La mattina dell’inaugurazione della mostra (2 ottobre 2017, in occasione de ‘L’ortica in festa’) ho visto una signora anziana che molto gentilmente toglieva una chewing gum che qualcuno aveva appiccicato su un manifesto” ci ha raccontato Alessandra. In generale, l’esposizione piace a tutti e per strada sono molte le persone che si soffermano, osservano, chiedono più informazioni. E del resto, basta guardarsi attorno per incontrare e parlare con i protagonisti.

Una finestra sull’Ortica: il percorso e i protagonisti

Percorrendo via San Faustino troverete alcuni dei 24 manifesti che compongono la mostra multimediale a cielo aperto. C’è per esempio il ritratto di Giorgio, e se vorrete conoscerlo di persona, vi basterà entrare nella sua trattoria, di fronte (anche se lui è piuttosto riservato). E poi c’è Salvatore, il parrucchiere, con il suo negozio all’angolo che sembra “congelato” nel tempo, e poco più in là, in via Ortica, Luigi il gommista, che nella foto è rappresentato con un libro in mano. Sì, perché non è un gommista come gli altri: lui ogni per 4 gomme cambiate nella sua officina ti regala un suo libro. E c’è anche Rachid, in Italia da pochi anni, che racconta la storia di Via Tucidide e della vita nei loft costruiti dentro le mura della vecchia fabbrica della Richard Ginori e Wally degli Orticanoodoles, autori dei murales che stanno ridisegnando il volto del quartiere con il progetto Orme-Ortica Memoria. E molti altri.

I manifesti sono sparsi in diverse vie del quartiere, da Via San Faustino a Via Ortica: basterà fare un giro a piedi per queste vie per scoprirli affissi sui muri dei palazzi.

3 motivi per vedere la mostra

  • Perché ha una scadenza, ma non si sa bene quando: come tutte le mostre anche “Una finestra sull’Ortica” avrà una fine, ma non è bene definita, visto che i manifesti resteranno affissi fino a quando agenti atmosferici e usura non li danneggeranno. Meglio quindi affrettarsi.
  • Perché è un vero e proprio viaggio: spesso diciamo di “essere turisti” nella propria città. Questa mostra è un modo per conoscere il quartiere e respirarne l’atmosfera.
  • Per i protagonisti: il viaggio è anche nell’identità del quartiere e dei suoi protagonisti. La mostra è un’occasione per conoscere storie milanesi, identificarsi o meno, capire un po’ di più la città.

Come arrivare all’Ortica

Il quartiere dell’Ortica è raggiungibile con i mezzi di superficie linea 54 e 5.

RIASSUMENDO

Una finestra sull’Ortica

Quartiere Ortica – Milano

www.unafinestrasullortica.com