Pubblicato in: Teatro

Zelig Cabaret: Leonardo Manera conduce Platone. La caverna dell’informazione

Oriana DaviniOriana Davini 5 anni fa

Leonardo Manera

Zelig Cabaret presenta ‘Platone. La caverna dell’informazione‘ una serata speciale all’insegna di comicità, informazione, per una nuova visione comica e grottesca dell’attualità.

Conduttore dello spettacolo sarà uno dei comici che hanno segnato gli anni d’oro di Zelig, Leonardo Manera. 

Con lui, ci sarà Alessandro Milan, giornalista di Radio24, e alcuni tra i nomi più illustri della squadra Zelig: Alessandro Fullin, Bruceketta, Andrea Vasumi, Omar Pirovano, Andrea Carlini, Giorgio Zanetti e Alessandro Squillace. 

L’appuntamento è per quattro giovedì consecutivi: 13, 20, 27 marzo e 3 aprile, alle ore 21.30 presso lo Zelig Cabaret di Milano (viale Monza 140).

Lo spettacolo parte da un quesito fondamentale: se Platone fosse vivo oggi, direbbe che ciò che noi conosciamo è la realtà o la sua rappresentazione mediatica? Probabilmente, la risposta sarebbe ‘La realtà finisce dove comincia l’informazione e dove finisce l’informazione, lì sì che inizia la realtà’.

Leonardo Manera sul palco gioca con l’attualità, proponendo una visione dei fatti comica e grottesca ma allo stesso tempo più credibile di quella che leggiamo sui giornali.

Nei panni di un inconsueto opinionista ci sarà Alessandro Fullin, accompagnato da una delle voci più note di Radio24, Alessandro Milan, che avrà il compito di commentare le notizie in tempo reale.

Non mancherà un arrabbiato e populista Bruceketta e, ovviamente, il sondaggista Andrea Vasumi. Ma gli interventi nel corso della serata saranno molteplici: dall’inviato Omar Pirovano al neo ricco Andrea Carlini, dall’uomo della strada Giorgio Zanetti al proletario Alessandro Squillace.

Platone. La caverna dell’informazione
13, 20, 27 marzo e 3 aprile, ore 21.30
Zelig Cabaret
Biglietti: ingresso tavolo 10 euro, tribuna 7 euro

Per maggiori informazioni: www.areazelig.it


Visualizzazione ingrandita della mappa

Etichette:

Forse sei interessato a: