Pubblicato in: Mostre

Vampiri, zombi e lupi mannari: in mostra i poster cinematografici da Dracula a Twilight

Oriana Davini 4 anni fa
Mostra VAMPIRI, ZOMBI E LUPI MANNARI

Vampiri, zombi e lupi mannari‘: non è l’elenco dei mostri in circolazione ma il titolo della mostra in programma al Museo del Manifesto Cinematografico di Milano (via Gluck 45) dal 12 luglio al 30 ottobre 2013.

Se vi piace il genere, siete patiti di Twilight, impazzite per tutte le rivisitazioni cinematografiche di Dracula, allora questa è la mostra che fa per voi: in esposizione troverete 150 manifesti originali, a testimonianza della storia del genere horror che da sempre riscuote grandissimo successo tra i cinefili.

In origine, nel 1922, fu ‘Nosferatu‘ a far venire la pelle d’oca al pubblico: il primo vampiro protagonista di una pellicola cinematografica era inquietante, molto diverso dagli eroi pallidi e affascinanti di Twilight, la serie di film che ha rapito il cuore di milioni di adolescenti.

Per non parlare degli zombi made in Italy, quelli di due maestri del genere come Bava e Romero, oppure l’evoluzione della figura del licantropo, passato da uomo bestia a eroe tormentato dal fisico scultureo.

All’interno dell’esposizione, oltre ai poster d’epoca, ci saranno gadget, fumetti, libri, edizioni rare, foto di scena, trucchi in lattice usati sui set, memorabilia e tutto ciò che serve per farvi entrare nel misterioso mondo dell’horror.

La mostra è allestita in collaborazione con l’Associazione Ordine del Drago, che si occupa di approfondire e studiare il mito di Dracula, e Bloodbuster (via Panfilo Castaldi 21), negozio e casa editrice milanese punto di riferimento per gli appassionati del genere horror.

Vampiri, zombi e lupi mannari
12 luglio – 30 ottobre 2013
Fermo Immagine – Museo del Manifesto Cinematografico di Milano
Orari: da martedì a domenica 14.00-19.00 – Lunedì chiuso
Ingresso: 5 euro intero, 3 euro ridotto e tesserati

Per maggiori informazioni: www.museofermoimmagine.it – Tel 02 36505761

 


Visualizzazione ingrandita della mappa

Etichette: