Pubblicato in: Mostre

Il regno animale secondo Toni Zuccheri al Museo Bagatti Valsecchi

Carlotta TosoniCarlotta Tosoni 2 settimane fa
Toni Zuccheri mostra milano

Il Museo Bagatti Valsecchi di Milano celebra l’artista Toni Zuccheri (San Vito al Tagliamento, 1936 – 2008) con la mostra Di galli e galline, upupe, civette e altri animali. Toni Zuccheri al Museo Bagatti Valsecchi, in programma fino al 13 ottobre.

L’allestimento della mostra – Foto Paola Meloni ©

Nel meraviglioso contesto della casa-museo milanese si snoda la mostra dedicata ad un artista davvero originale e poliedrico. Nel corso della sua carriera utilizzò svariati linguaggi artistici, raccontando in particolar modo la natura, sua continua fonte di ispirazione. Affascinato soprattutto dal mondo degli uccelli, Zuccheri fuse il vetro, suo materiale di riferimento, con legno, cera, bronzo, sassi e supporto di recupero per rendere la materia viva, proprio come la natura.

Lo studio di architettura e design Lissoni Associati, partner ufficiale del Museo, ha curato l’allestimento della mostra rendendo la dimora Bagatti Valsecchi uno scrigno custode di questi animali fantastici, che si fondono alla perfezione con gli arredamenti e l’atmosfera del luogo.

Toni Zuccheri nasce nel 1936 a San Vito al Tagliamento in un contesto intellettuale vivace: suo zio materno è il poeta Giacomo Noventa e suo padre Luigi è un artista, un pittore specializzato in animali. Grazie a lui Toni, poco più che ventenne, inizia a collaborare con la fornace Venini: Luigi cederà al figlio il compito di disegnare un bestiario da realizzare in vetro. Il primo lavoro sarà l’Upupa, entrata in produzione nel 1964, al cui corpo in bronzo sono applicate piume in vetro. Nello stesso anno esporrà alla Biennale di Venezia alcune opere realizzate sempre per Venini.

Upupa, Toni Zuccheri

Laureatosi in architettura, Toni Zuccheri continuerà incessante il suo lavoro di sperimentazione iniziando importanti collaborazioni, come quella con Gio Ponti per realizzare le Vetrate grosse nella Cassa di Risparmio di Padova, per la Chiesa di Santa Maria Annunciata all’Ospedale San Carlo di Milano e per il Bejenkorf Palace di Eindhoven in Olanda.

Non solo artista, ma anche designer, infatti Zuccheri a partire dagli anni Settanta collabora con vetrerie, gallerie e aziende per realizzare oggetti unici, gioielli, opere d’arte e complementi d’arredo

Nella sua lunga carriera, Toni Zuccheri non hai mai dimenticato le proprie origini. La sua creatività e la sua continua ricerca affondavano radici salde nella campagna friulana e negli stimoli culturali della famiglia: un’ispirazione primitiva che l’ha accompagnato per tutta la vita.

Di galli e galline, upupe, civette e altri animali è un’occasione per riscoprire un grande artista e lasciarsi meravigliare dalla sua originale produzione capace di unire stili e materiali molto diversi, come sfaccettati sono gli esseri viventi. Toni Zuccheri ha saputo celebrare i colori della natura trasformandoli in autentica poesia.

In occasione della mostra si terranno laboratori per i più piccoli e sarà edito da Marsilio editore il volume “TONI ZUCCHERI. Poeta della natura e del vetro”, a cura di Rosa Chiesa e Sandro Pezzoli.

Riassumendo

Di galli e galline, upupe, civette e altri animali. Toni Zuccheri al Museo Bagatti Valsecchi

Museo Bagatti Valsecchi, Milano

Dal 5 giugno al 13 ottobre 2019

Orari: da martedì a domenica, 13 – 17.45 (chiuso tutti i lunedì e il 15 agosto)

Biglietti: Intero 10,00 € – Ridotto 7,00 €

A cura di Rosa Chiesa e Sandro Pezzoli
Progetto espositivo Piero Lissoni con Gianni Fiore, Lissoni Associati
Mostra realizzata con il sostegno di Regione Lombardia e Fondazione Cariplo

Per maggiori informazioni: museobagattivalsecchi.org

Scopri tutte le esposizioni in corso sul nostro #spiegonemostre

Etichette: