Pubblicato in: Cinema

Starbuck 533 figli e non saperlo recensione: risate garantite per il nuovo film di Scott

patrickhuard_6_starbuck_hiresDal 29 Agosto il pluripremiato Starbuck – 533 figli e non saperlo!, la spassosa commedia canadese sulla paternità e la ricerca della propria identità, sbarca finalmente nelle sale italiane, con un ritardo di ben due anni. Il regista e sceneggiatore Ken Scott (La vie aprés l’amour, La Grande Séduction, Les doigts croches) si è ispirato alla storia vera di un donatore di sperma che ha scoperto di essere padre di 500 bambini per il protagonista del suo quarto lungometraggio: Starbuck.

Dietro lo pseudonimo (che deriva dal nome di un celebre toro da monta), si cela David Wozniak (il bravissimo Patrick Huard): a 42 anni l’uomo conduce una vita da adolescente irresponsabile; infatti coltiva marjuana, è sommerso dai debiti ed è totalmente inaffidabile sul lavoro e nella vita privata. Quando scopre che Valérie (Julie Le Breton), la poliziotta con cui mantiene una relazione complicata, aspetta un bambino, il passato di David riaffiora: vent’anni prima, per sbarcare il lunario, donava sperma in una clinica. L’uomo scopre di essere diventato così padre di 533 figli, di cui 142 hanno intentato una azione legale per scoprire la vera identità del loro padre biologico, conosciuto ormai da tutto il Paese come Starbuck.

Fra dialoghi brillanti e personaggi spassosissimi -come l’avvocato amico di David interpretato da Antoine Bertrand- Starbuck strappa risate senza mai cadere nella volgarità per tutti i suoi 109 minuti, ma fa anche riflettere sul significato dell’essere genitore. David, infatti, deciso a cogliere l’occasione dell’inaspettata “multipaternità” per cambiare la sua vita, si sforza di capire e accettare i propri figli per come sono: campioni dello sport o disabili, omosessuali o Don Giovanni impenitenti. Improvvisatosi maldestro angelo custode dei suoi ragazzi, inevitabilmente cambia, a dimostrazione che per mettere ordine nella vita di chi amiamo, sia necessario cominciare dalla nostra.

Un film delicato, divertente e a tratti commovente assolutamente consigliato.

Il nostro voto: 7+

Una frase: “Mai riprodursi!”

Per chi: per la serie “Come nasce un papà”

Non perderti un evento a Milano!

Ricevi solo eventi utili grazie alla Newsletter curata da Andrea

Aggiungiti agli altri 16.000 della community!