Pubblicato in: Cinema

Shame inaugura il ciclo Così vicini così lontani al Teatro Franco Parenti

Marco Valerio 4 anni fa

Shame-Michael-FassbenderPrende il via giovedì 8 maggio, al Teatro Franco Parenti, il ciclo cinematografico Così vicini così lontani – Come il cinema affronta le dipendenze e separazioni affettive.

Può il cinema aiutarci a rielaborare emozioni, traumi, fobie, ansie, pulsioni e desideri? Può lo spettatore, vedendo riflessi sul grande schermo i propri sentimenti e le proprie emozioni, scoprire qualcosa di più su se stesso e sentirsi meno solo?

È stato quindi scelto un tema in cui tutti possono rispecchiarsi – le dipendenze e le separazioni affettive – e sette film paradigmatici, e con la preziosa collaborazione di Alberto Caputo, psichiatra e psicoterapeuta, il ciclo cinematografico sarà arricchito da interventi di sette professionisti nell’ambito della psicanalisi, della sessuologia, della psichiatria e della sociologia, ognuno dei quali affronterà un argomento specifico: dalla dipendenza sessuale alla crisi di una relazione, dalla prigione dei sentimenti al caos emotivo, dal sadomasochismo alla cosiddetta “digital intimacy”. Non saranno conferenze ma veri e propri incontri interattivi: a una prefazione volta a suggerire dei percorsi interpretativi, seguirà la proiezione del film, e al termine il pubblico sarà invitato, e incoraggiato, a condividere opinioni e sensazioni, stati d’animo e sentimenti.

Si inizierà giovedì 8 maggio alle ore 19.30: l’argomento sarà la dipendenza sessuale e il film scelto per l’occasione Shame di Steve McQueen.

New York. La vita privata di Brandon è cadenzata da una serie ininterrotta d’incontri occasionali, cui si concede ossessivamente, spinto da un’irrefrenabile dipendenza sessuale. L’arrivo inaspettato della sorella minaccia di rompere il precario equilibro della sua esistenza.

Interpretato da Michael Fassbender, Carey Mulligan, James Badge Dale e Nicole Beharie, Shame è stato presentato alla Mostra di Venezia 2011 dove Michael Fassbender è stato premiato con la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile. Shame è l’opera seconda dello scozzese Steve McQueen, vincitore quest’anno del premio Oscar per il miglior film con 12 anni schiavo.

Al termine della proiezione di Shame è previsto l’incontro con importanti personalità come Alberto Caputo Psichiatra e Psicoterapeuta, Istituto di Evoluzione Sessuale Milano e Annalisa Pistuddi, Psicologa psicoterapeuta – Professore a contratto Università degli Studi di Udine – Vice Presidente AIRS Associazione italiana per la ricerca in sessuologia.

Il ciclo Così vicini così lontani è un progetto Cittadella Luna realizzato con il sostegno di Fondazione Cariplo.

Etichette: