Pubblicato in: Concerti

Piano City Milano 2024, attesa per Piovani e Bollani Magoni

Luigi Maffei 1 giorno fa

Milano riabbraccia Piano City Milano, la tre giorni di musica in giro per la città, che quest’anno arriva alla quattordicesima edizione. Diretto da Ricciarda Belgiojoso e Titti Santini, realizzato da Associazione Piano City Milano con il Comune e il sostegno del Ministero della Cultura, la rassegna si terrà dal 17 al 19 maggio.

Saranno circa trecento i concerti sparsi in più di cento location che andranno a toccare tanti quartieri milanesi, con un occhio particolare alle periferie. La rassegna si muoverà tra musica classica e cinematografica, passando dal pop al jazz. Non solo, ci daranno anche proiezione di documentari, seminari e laboratori.

Piano City Milano, gli eventi da non perdere

La rassegna si aprirà il 17 maggio con un documentario dedicato al geniale compositore giapponese Ryuichi Sakamoto, scomparso lo scorso anno, dal titolo Ryuichi Sakamoto | Opus. Un documentario che si fonde con la musica, direttamente nel parco della GAM.

Da non perdere, sempre il 17 maggio, il concerto del compositore Premio Oscar Nicola Piovani al Volvo Studio di Viale della Liberazione.

Il 18 maggio, invece, il talento cristallino di Frida Bollani Magoni illuminerà lo Chandon Secret Garden di Via Senato.

Sempre sabato 18 maggio alle 17, Pietro Morello, artista e creator di 25 anni arriva a Milano per un originale appuntamento al confine tra musica e racconto. Lo showcase di Morello, organizzato in collaborazione con la onlus Okapia si terrà a Piazza Selinunte. L’appuntamento in programma durante Piano City Milano nasce dall’idea di raccontare ai giovani, e a chiunque voglia ascoltare, il valore della musica e della cultura all’interno della vita di ciascun individuo, nessuno escluso. Morello condurrà gli spettatori in un vero e proprio viaggio attraverso le sue esperienze di vita vissute tra note musicali, missioni umanitarie e attività negli ospedali con i bambini, per dimostrare che non è necessario avere delle capacità particolari per dialogare con la musica. Il pianoforte usato durante la performance verrà poi donato all’Associazione Giovani e Famiglia (indicata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano), così che possa diventare uno strumento di aggregazione per ragazzi vulnerabili e con disabilità, per combattere la dispersione scolastica.

Per maggiori informazioni sugli eventi, gli orari, le location e le eventuali prenotazioni è possibile consultare il sito ufficiale della manifestazione.