Pubblicato in: Food

Pesce, piadine, gelaterie e gastronomie: i nuovi ristoranti aperti a Milano

Oriana DaviniOriana Davini 2 mesi fa
Clotilde Brera
Offerta

Tenere il conto dei nuovi ristoranti che aprono a Milano è impresa ardua: il turn over è altissimo, tra nomi illustri che scelgono di tentare al sorte all’ombra delle guglie del Duomo, catene che mettono piede in città per la prima volta o si ampliano e locali indipendenti in cerca di notorietà.

Troppo difficile? Allora lo facciamo noi per voi.

Vi segnaliamo i nuovi ristoranti in arrivo, o appena aperti, in città: fateci sapere se li avete provati e cosa ne pensate. O segnalatecene di nuovi.

Il Mannarino, la macelleria con cucina

Il Mannarino Milano

Come in Puglia ma a Milano. Ha appena aperto in piazza De Angeli 1 Il Mannarino, una macelleria con cucina a vista dove si ordina scegliendo direttamente dal bancone.

Il menù? Bombette pugliesi in diverse varianti, involtini, tartare, polpette e poi salumi e formaggi tipici e verdure come borragine, cime di rapa, bietole. Non mancano anche i piatti tradizionali, serviti nelle scodelle pugliesi, con purea di fave al pomodoro, friselle, parmigiana di melanzane.

Carlo e Camilla in Duomo

Non solo il ristorante Cracco in Galleria: da un mese ha aperto il nuovo Carlo e Camilla in Duomo, nei locali di via Victor Hugo dove tutto era iniziato con Cracco Peck.

Cocktail bar al piano terra aperto tutto il giorno e arredato nei toni del nero. Sotto il bistro con quattro menù degustazione da quattro portate l’uno (60 euro): i menù? Decisamente ironici: Milanese Imbruttito, Influencer, Bio e Mammone.

Il bistrot con terrazza Clotilde Brera

Clotilde Brera

Un bistrot con terrazza: è la formula di Clotilde Brera, nuova apertura in piazza San Marco.

Tra le proposte, uno speciale menu dedicato all’incontro tra le creazioni dello chef Domenico Della Salandra già nelle cucine di Taglio e Desino Lento e la mixology innovativa di Filippo Sisti, bartender di Talea.

Un esempio? Il Salmone, té verde, Pernod in abbinamento al cocktail Sour di René, a base di bitter di pesca, sciroppo di aneto, meringhe fresche, tequila e succo di lime, la Cotoletta alla milanese abbinata all’Americano.

Peck apre in Porta Venezia

Peck porta venezia

Dopo aver aperto a CityLife, ha inaugurato in via Tommaso Salvini 3, in Porta Venezia, la nuova gastronomia di Peck, piccolo punto vendita al cui interno è possibile trovare una selezione di prelibatezze. Dai grandi classici come insalata russa, vitello tonnato, gamberi in salsa cocktail, paté, ai celebri salumi e formaggi selezionati, stagionati o prodotti da Peck. E poi la tavola calda con lasagne, parmigiana, arancini, cotolette, proposte stagionali e la pasta fresca, prodotta ogni giorno nei laboratori di via Spadari.

Da Riccione a Milano: apre Kalamaro Piadinaro

Kalamaro Piadinaro milano

Lo street food simbolo della Romagna approda a Milano, per la precisione in piazza Olivetti 3 (a due passi dalla Fondazione Prada): apre Kalamaro Piadinaro, celebre locale di viale Ceccarini a Riccione che coniuga piadine con primi e secondi a base di pesce e crostacei. 

Il nuovo ristorante di pesce El Pecà

El Pecà Milano

Un nome, El Pecà, scelto non a caso: il nuovo ristorante di Filippo Cadeo, figlio di Cesare Cadeo, ha infatti aperto i battenti in via degli Orti, che negli anni’30 era la via a luci rosse di Milano.

Menù specializzato in pesce, reperito fresco ogni giorno dal mercato e cucinato da Romeo Poltronieri, già chef di Carlo Cracco, e solo 30 coperti, oltre a una cocktail list di tutto rispetto gestita dal barman Gabriel Garcia.

Different Together: due ristoranti con lo spazio condiviso

different together

Un nuovo format in ambito ristorativo, con due attività diverse e uno spazio condiviso per ampliare l’offerta gastronomica: è Different Together. Ovvero da un lato BUL, giovane realtà specializzata in cibo sano, bowl e crepes di tapioca, e dall’altro Hamerica’s, catena incentrata sulla cucina americana con un trionfo di ribs, pulled pork e hamburger.

Due ingressi separati ma un sistema di ordinazione e cassa integrato: così allo stesso tavolo si possono ordinare menù e cucine diverse.

Il cioccolato di Davide Comaschi in Rinascente

Comaschi_LaRinascente

Ha aperto al settimo piano de La Rinascente il chocolate corner di Davide Comaschi, maître chocolatier e unico italiano ad aver vinto il World Chocolate Masters, che proprio qui lancia la sua nuova linea Unforgettable chocolate experience.

La nuova linea di praline e cioccolato firmata da Comaschi esplora tutti i colori del cioccolato; dal nero del fondente sino ad arrivare al gold e alla nuova categoria Ruby Chocolate, il cioccolato naturalmente rosa.

Gelato Libre, la prima gelateria a base acqua

GelatoLibre_

Intolleranti al lattosio? Nessun problema, c’è la gelateria che fa per voi. Ha aperto in via Carducci 12 Gelato Libre, la prima gelateria completamente a base acqua. 

Niente latte e uova, solo acqua a caratterizzare otto gusti disponibili: cioccolato criollo, cioccolato e whisky, crema libre, tiramisu, caramello, makaron, pistacchio e nocciola.

Il gelato di Gusto 17 arriva da Vòce Aimo e Nadia

Per tutto il periodo estivo, Vòce Aimo e Nadia in piazza Scala, ospiterà l’agrigelateria Gusto 17. Otto le proposte a disposizione di clienti e passanti, tra cui alcuni gusti esclusivi realizzati appositamente per la storica insegna milanese come Vòce, crema alla vaniglia dedicata ad Aimo e Nadia.

Ma non solo. Sarà possibile assaggiare il gelato di Gusto 17 anche in una selezione di Coppe servite al Ristorante Vòce Aimo e Nadia create ad hoc, come La Coppa degli Chef Pisani e Negrini che unisce virtualmente i due territori di provenienza – Valtellina e Puglia – in un gelato allo yogurt con cotto di fichi, granella di mandorle e crumble di taralli degli Chef; oppure La Coppa Le Gallerie d’Italia, pensata per essere un percorso degustativo alla scoperta di quattro cioccolati, tra cui quello rosa ottenuto da una fava di cacao rubino.