Pubblicato in: Concerti

La Nona di Beethoven: concerto gratuito all’Open Air Theatre

Marco Valerio 2 anni fa

Expo-2015-chiusura-cerimonia-3

Sabato 9 luglio appuntamento dalle ore 21 all’Open Air Theatre del parco Experience – rEstate a Milano (ex area Expo 2015) con il maestro Myung-Whun Chung che dirige coro e orchestra del Teatro alla Scala nella Nona Sinfonia di Beethoven.

L’ingresso al concerto presso l’Open Air Theatre è ad ingresso gratuito, previa iscrizione.

La Nona di Beethoven è l’evento culminante di una serie di appuntamenti gratuiti promossi da Regione Lombardia con cui il Teatro alla Scala e l’Accademia Teatro alla Scala sono stati presenti negli spazi di Experience a partire dallo scorso primo maggio, quando l’Orchestra e i solisti dell’Accademia diretti da Pietro Mianiti hanno celebrato con un concerto la riapertura dell’area ex Expo 2015.

Il Maestro Myung-Whun Chung è uno dei più importanti direttori del nostro tempo: nato a Seoul nel 1953, è stato allievo tra gli altri di Carlo Maria Giulini con cui ha lavorato alla Los Angeles Philharmonic. Chung è stato direttore dell’Opéra di Parigi, dell’Accademia di Santa Cecilia e dell’Orchestre Philharmonique de Radio France e direttore principale ospite della Staatskapelle Dresden; dirige regolarmente le maggiori orchestre del mondo inclusi i Berliner e Wiener Philharmoniker.

Il debutto di Chung alla Scala risale al 1989 sul podio della Filarmonica e al 1992 in buca per la Lady Macbeth del distretto di Mcensk di Šostakovič cui sono seguite Salomè, Madama Butterfly e Idomeneo. L’Associazione dei Critici Musicali Italiani gli ha assegnato il Premio Abbiati come miglior direttore d’orchestra del 2014 per Simon Boccanegra alla Fenice di Venezia. Il Maestro Chung dirigerà Don Carlo di Verdi alla Scala nel gennaio 2017.

L’ingresso al concerto presso l’Open Air Theatre del parco Experience – rEstate a Milano  è gratuito, previa iscrizione mediante la piattaforma dedicata (www.concertoscala9luglio.it) fino ad esaurimento posti.

Le iscrizioni sono già aperte.

Etichette: