Pubblicato in: Mostre

Mostre Milano 2012: Dante 100×100, 100 artisti per 100 canti della Divina Commedia

Dettagli evento Dante 100×100

Cento artisti contemporanei chiamati a interpretare – un canto ciascuno – un’opera immortale come la Divina Commedia: è la formula della mostra Dante 100×100, la cui prima parte (34 opere dedicate ai canti dell’Inferno) è in programma a Milano dal 7 novembre 2012 al 13 gennaio 2013 nella storica biblioteca di Palazzo Isimbardi, in Corso Monforte (tra Palestro e San Babila).

Il progetto, a cura della Cooperativa Raccolto e promosso dalla Provincia di Milano (assessorato alla Cultura) con il patrocinio della Società Dante Alighieri di Roma, è di Giacomo Lodetti e Daniele Oppi insieme alla Libreria Bocca. L’idea è nata per celebrare l’opera del Sommo Poeta e stimolare gli artisti, soci e aderenti della cooperativa. Il risultato: una panoramica dell’arte contemporanea, dalla “Medusa” irriverente di Stefano Pizzi alla “Costellazione di dannati” di Paolo Baratella, dalla “Bufera degli Amanti” di Luigi Granetto al “Cerbero” di Ugo Sanguineti che divora un corpo di donna.

La mostra è anche un’occasione per conoscere la rarissima edizione della Divina Commedia illustrata e vergata da Amos Nattini negli anni ‘20. La Biblioteca Isimbardi è l’unica a Milano milanesi a mettere questi tre tomi a disposizione dei cittadini, esposti su un leggio in legno pregiato.

L’elenco degli artisti di Dante 100×100 – L’inferno:

Ernesto Treccani – Gudrun Sleiter – Luciano Ragozzino – Paolo Baratella – Luigi Granetto – Ugo Sanguineti – Emilio Tadini – Daniela Benedetti – Stefano Pizzi – Daniele Oppi – Domizio Mori – Marco Viggi – Giorgio Roggino – Gastone Mariani – Vincenzo Ognibene – Franco Cenci – Renato Galbusera – Maria Jannelli – Giancarlo Colli – Antonella Parolo – Vincenzo Vinotti – Gerardo Lo Russo – Rino Crivelli – Antonio Lodola – Massimo Marchesotti – Gianfranco Draghi – Giuseppe Abbati – Silvio Bellini – Giorgio Venturino – Alessandro Negri – Sabino Ventura – Armida Lombardi – Marisa Camillo – Luigi Regianini.

 

Etichette: