Pubblicato in: Fiere

Miart 2018 dal 13 al 15 aprile: gli highlights e le novità

Elena Stafano 4 mesi fa
miart 2018
miart 2017. Eva Kot’átková Game for 9 body parts, 2017. Foto credits: miart

Dal 13 al 15 aprile  si svolgerà la 23esima edizione di miart, la fiera internazionale di arte moderna e contemporanea organizzata da Fiera Milano presso il padiglione 3 di Fieramilanocity (viale Scarampo) sotto la direzione artistica di Alessandro Rabottini.

Sono 184 le  gallerie presenti,  provenienti da 19 paesi e 4 continenti, con opere dagli inizi del xx secolo fino ai giorni nostri, 3 le giornate di conversazioni con i protagonisti dell’arte e della cultura contemporanea internazionale, 150 gli appuntamenti tra mostre, eventi, performance, inaugurazioni nel calendario dell’Art Week milanese, numeri che aumentano di anno in anno e che, con la crescente qualità di espositori ed operatori provenienti da tutto il mondo, decretano  miart  la fiera d’arte più importante d’Italia.

Quest’anno più che mai la manifestazione spicca per l’alta progettualità espressa dalle gallerie partecipanti che ospitano un numero importante di artisti e per le diverse novità sia nell’ambito della manifestazione che dell’art week.

miart: cosa non perdere

Sono sette le sezioni che caratterizzano questa edizione, tre in più rispetto allo scorso anno, che hanno l’obiettivo di creare un dialogo diretto tra arte moderna, contemporanea e design da collezione.

Established, la sezione principale che raccoglie 124 espositori divisi tra Contemporary specializzate in arte contemporanea e Master che espone opere dai primi del ‘900 fino agli anni Novanta del secolo scorso. Emergent, è focalizzata sulla ricerca delle giovani generazioni. Generations  rappresenta un tentativo di creare un dialogo tra le opere di due artisti appartenenti a generazioni diverse.

Decades  propone un viaggio attraverso le decadi del XX secolo: ogni galleria presenta un progetto che rappresenta un particolare decennio, secondo una scansione che va dagli anni ’10 agli anni ’90. On Demand, è la sezione trasversale in cui le gallerie sono invitate a esporre opere site-specific o interattive all’interno dei loro stand, focalizzandosi su una relazione diretta con lo spettatore e/o il collezionista. Infine c’è  Object che ospita 14 gallerie che promuovono design sperimentale  in edizione limitata, arti decorative e pezzi storici da collezione.

Anche quest’anno si rinnova il  l’Art Week, il “fuori salone” di miart con un ricco programma di eventi, inaugurazioni e aperture speciali che coinvolge istituzioni pubbliche, fondazioni e gallerie private, spazi non-profit per l’intero periodo della fiera e anche prima. Gli eventi  si svolgeranno infatti da lunedì 9 a sabato 14 aprile. Una vera e propria settimana dedicata all’arte contemporanea  con appuntamenti imperdibili per appassionati e semplici curiosi. Un’occasione inoltre per conoscere artisti, opere inedite, esplorare i diversi linguaggi dell’arte moderna e contemporanea e per scoprire spazi e luoghi di Milano meno noti.

Non mancheranno momenti di confronto aperti al pubblico. Con i miartalks, oltre 40 artisti, curatori, direttori di musei, scrittori e architetti internazionali saranno invitati ad animare conversazioni e tavole rotonde attorno a un tema unificante: “Che cosa possiamo immaginare?” Ci si domanderà se l’immaginazione è un diritto di tutti o se esistono delle condizioni sociali, economiche e politiche che la precludono; dove è possibile immaginare e se ci sono luoghi nel mondo dove immaginare è vietato; come l’immaginazione può diventare un esercizio quotidiano e, infine, che cosa possiamo immaginare per un futuro che è già qui?

Le novità di miart 2018

Le principali novità le troviamo soprattutto nell’ambito degli gli eventi della Milano Art Week: l’Art night no profit spaces, sabato 14 aprile, una serie di inaugurazioni, performance ed eventi appositamente organizzati da spazi non profit e progettuali, come Assab One, [.BOX] Videoart Project Space, Cabinet, Dimora Artica, Edicola Radetzky, FuturDome, Mars-Milan Artist Run Space, Marsèlleria, Mega, Standards, t-space, The Open Box e, in programma domenica 15 aprile ci sarà l’apertura straordinaria delle gallerie milanesi.

Da non perdere la performance Prisma, mercoledì 11 e giovedì 12 aprile presso la Triennale Teatro dell’Arte a conclusione della campagna di comunicazione visiva della fiera: una collaborazione a più mani tra il coreografo Alessandro Sciarroni e i video-artisti Masbedo (Nicolò Massazza e Iacopo Bedogni).

Altra importante novità da segnalare è miarteducational, un servizio di visite guidate messe a disposizione del pubblico della fiera. Sul sito www.miart.it è possibile prenotare le visite solamente nei giorni 13, 14 e 15 aprile 2018 alle ore 14, 15.30 e 17. Per le prenotazioni scrivere a educational.miart@fieramilano.it  specificando il giorno e l’orario prescelti.

Riassumendo

Miart 2018, 13 – 15 aprile 2018 presso Fieramilanocity ingresso viale Scarampo,  gate 5, padiglione 3

Apertura al pubblico
Venerdì e Sabato ore 12.00 – 20.00
Domenica ore 11.00 – 19.00

Biglietti:
Ingresso intero: € 15,00
Prevendita online ingresso intero: €12,00
Ridotto – ragazzi dai 14 ai 17 anni/studenti universitari: € 10,00
Ridotto baby – studenti delle accademie di belle arti/corsi di laurea in storia dell’arte: € 1,00

Per informazioni: www.miart.it

Etichette: