Pubblicato in: Food News

Milano inaugura il Mercato Centrale dal 2 settembre: tutte le botteghe gastronomiche

Beatrice CurtiBeatrice Curti 3 settimane fa
mercato-centrale-milano-min
Mercato centrale di Firenze (Foto: Mercato Centrale)

Dal 2 settembre alle 18.30 Milano accoglierà il nuovo Mercato Centrale, dopo una lunga attesa data anche dai curiosi manifesti apparsi in giro per la città da un paio di mesi: un misto tra disegni infantili e vandalismo che ricorda l’arte di Basquiat per annunciare un vero e proprio paradiso della gastronomia italiana in Piazza Duca d’Aosta.

Il progetto del Mercato Centrale ha già preso piede a Firenze, Torino e Roma e come nelle sedi precedenti i proprietari garantiscono che non si tratterà di un centro commerciale di lusso, ma un vero e proprio luogo di incontro e condivisione, nello spirito dei mercati.

29 botteghe dedicate alle eccellenze del territorio lombardo e italiano arricchiranno i due piani della Stazione Centrale dedicati al Mercato: 4.500 mq di esplorazione gastronomica.

Mercato Centrale di Milano: le botteghe gastronomiche

Internamente gli spazi saranno dedicati alle materie prime, con una divisione che tocca carne, pesce, pasticceria, frutta e verdura con attenzione al biologico e al km zero, pane e pasta, gastronomia tipica ed etnica ecc.

I grandi nomi? Citiamone alcuni: la pescheria Pedol, fiore all’occhiello della tradizione ittica milanese dal 1929, i cocktail di Flavio Angiolillo, grande nome nei locali più in di Milano. E ancora: il vero barbecue all’americana del mitico Joe Bastianich e i dolci di Vincenzo Santoro, conosciuto dai milanesi grazie ai gioielli della Pasticceria Martesana.

Non possono mancare ovviamente gli angoli dedicati al vino e alla birra, con gli spazi Moretti, che dedicherà una birra speciale al Mercato, e Tannico, che dal web arriva a Milano con il primo spazio fisico di rivendita delle migliori etichette italiane.

Non solo cibo ovviamente: come in ogni mercato che si rispetti uno spazio sarà dedicato ai fiori, curati dalla famosa canta-fiorista Rosalba Piccinini, che arricchirà gli spazi con piante e fiori insieme a un team di flower designer munite di carriole fiorite.

Negli spazi di Mercato Centrale troveranno sede anche la scuola di cucina curata da Alessio Leporatti di Florencetown: un luogo dedicato all’approfondimento delle tecniche culinarie, a workshop e divertenti esperimenti ai fornelli tramite eventi dedicati.

A dare il giusto ritmo al tutto ci penserà Radio Mercato Centrale, un laboratorio radiofonico guidato da Alessio Bertallot. Non solo musica, ma anche suoni e cartoline da ogni angolo di Milano, per portare il Mercato in città e la città nel Mercato. Nelle sale della radio si alterneranno ospiti e invitati della scena artistica nazionale e locale.

Tutte le botteghe di Mercato Centrale di Milano

Piano terra:

  • I fiori e le piante – Rosalba Piccinini
  • Il mulino – Mattia Giardini e Alberto Iossetti
  • Il succo e il verde – Cesare Cacciapuoti e Nicolò De Gregorio
  • Il pane e i dolci – Davide Longoni
  • I ravioli cinesi – Agie Zhou
  • La sfogliatella napoletana – Sabato Sessa
  • Il tartufo – Luciano Savini
  • La birreria – Luigi Moretti
  • La pasticceria – Vincenzo Santoro
  • Il cioccolato e il gelato – Riccardo Ronchi e Edoardo Patrone
  • Il riso – Sergio Barzetti
  • La pizza – Giovanni Mineo e Simone Lombardi
  • La carne e i salumi – Fausto Savigni
  • L’hamburger di Chianina – Enrico Lagorio
  • Il girarrosto – Alessandro Baronti
  • L’enoteca – Tannico
  • La pasta fresca – Famiglia Michelis
  • La cucina di pesce – Ruggero Orlando
  • La pescheria – Andrea Collodi
  • Il cocktail bar – Luciano Angiolillo
  • Il fish bar – Jerémie Depruneaux
  • Il laboratorio del pesce – Mercato Centrale

Primo piano:

  • Il ristorante – Pietro e Luca Landi
  • La scuola di cucina – Alessio Leporatti
  • Il laboratorio radiofonico – Alessio Bertallot
  • Il mercatino biologico – Tommaso Carioni
  • Il caseificio – Tommaso Carioni
  • La gastronomia genovese – Marco Bruni
  • L’american barbecue – Joe Bastianich
  • Il bollito e il lampredotto – Giacomo Trapani