Pubblicato in: Guide

Labirinto della Masone, il capolavoro di Franco Maria Ricci

Luigi Maffei 2 mesi fa
Labirinto della Masone
Labirinto della Masone - Fontanellato (Parma)

Se siete amanti dei labirinti, della natura enigmatica e seducente non potete non visitare il Labirinto della Masone a Fontanellato, Parma.

Il Labirinto è stato realizzato nel 2015 dal designer ed editore Franco Maria Ricci. Un’idea che aveva in testa da anni e che ha saputo realizzare dopo averne progettato uno negli anni Ottanta.

Ho discusso di labirinti tutta la vita, con Italo Calvino, con Roland Barthes, con Borges. Lui ne era ossessionato, li citava continuamente nei suoi racconti, come nel Tema del traditore e dell’eroe, dal quale Bernardo Bertolucci trasse il suo La strategia del ragno. Borges rimase ospite a casa mia venti giorni, negli anni Ottanta, e fu allora che iniziai a pensare di costruire un labirinto vero”.

(Franco Maria Ricci)
Franco Maria Ricci

Il Labirinto della Masone è il più grande al mondo nel suo genere. Composto da arbusti di bambù dal fusto maculato, striato o di tinte sorprendenti e inusuali, il labirinto di Fontanellato è un’esperienza davvero unica.

Franco Maria Ricci ha piantato circa 200.000 bambù di 20 specie differenti, da quelli giganti ai nani. Il bambù è una pianta resistente, che non soffre le stagioni estreme, non si ammala e assorbe una gran quantità di anidride carbonica.

Le opere d’arte

Il Labirinto della Masone non è solo un dedalo di bambù, ma anche un’occasione per ammirare la splendida colezione d’arte di Franco Maria Ricci. Un insieme di sculture e dipinti che occupano cinque secoli. Un intinerario affascinante che dà l’idea della grande passione per l’arte del designer scomparso nel 2020.

Tra gli artisti presenti troviamo i manieristi Luca Cambiaso e Ludovico Carracci, per arrivare al Seicento di Gian Lorenzo Bernini e Philippe de Champaigne e alle tele di Francesco Hayez e Giovanni Carnovali. Tra le sculture spiccano personaggi napoleonici (e lo stesso Napoleone) realizzati da Antonio Canova e Lorenzo Bartolini.

Nella sezione del Novecento grande spazio alle opere di Antonio Ligabue (sua la prima mostra che ha aperto il complesso di Ricci), Alberto Savinio, le sculture di Adolfo Wildt e le tempere di Erté. Da segnalare le tavole originali di uno dei libri più folli mai realizzati in Italia, il Codex Seraphinianus di Luigi Serafini, edito per la prima volta dallo stesso Ricci.

Mostre e concerti

Le mostre temporanee, nel corso di quasi dieci anni, hanno ospitato opere di Antonio Liogabue, Gaetano Gandolfi, Massimo Listri, Gino Covilli e Carlo Mattioli.

Il complesso del Labirinto della Masone ha visto anche diversi concerti. Da ricordare le atmosfere eteree degli Air fino alle sperimentazioni dei norvegesi Ulver, passando per il rock cantautorale di Lucio Corsi alla new wave dei Cabaret Voltaire.

Biglietti e orari

  • Biglietto Ordinario: € 18 – Biglietto riservato a tutte le persone con età a partire dai 26 anni compiuti.
  • Biglietto Scuole: € 12 – Partecipanti a visite scolastiche nell’ambito dei nostri programmi didattici. Per informazioni e prenotazioni: didattica@francomariaricci.com
  • Biglietto Gruppi: € 15 – Biglietto destinato ad adulti partecipanti a gruppi organizzati. La visita è da concordare con il servizio prenotazioni: gruppo@francomariaricci.com
  • Giorni e orari: Tutti i giorni, festivi inclusi, tranne il martedì.
  • Dal 1 Aprile al 31 Ottobre 2023. Orario estivo: apertura dalle 10.30-19, ultimo ingresso alle ore 17.30. La biglietteria è aperta fino alle 17.30.
  • Dal 1 novembre 2022 al 31 marzo 2023: Orario invernale: apertura dalle 9.30 alle 18, ultimo ingresso alle ore 16.30. La biglietteria è aperta fino alle 16.30.