Pubblicato in: Teatro

Giuseppe Battiston al Piccolo Teatro con ‘L’invenzione della solitudine’

Oriana DaviniOriana Davini 5 anni fa

Giuseppe Battiston

Giuseppe Battiston torna a calcare il palcoscenico del Piccolo Teatro Grassi (via Rovello 2 – MM1 Cordusio): l’attore sarà impegnato con ‘L’invenzione della solitudine‘, spettacolo tratto dal primo romanzo di Paul Auster. 

Diretto da Giorgio Gallione e vincitore di due premi Ubu e tre David di Donatello, ‘L’invenzione della solitudine’ è un delicato ritratto di famiglia, una riflessione sulla difficoltà di essere padri e figli.

Pubblicato nel 1979, il testo gioca sul filo della memoria: a Battiston spetta il compito di esprimere, in modo toccante, la sensazione che dietro a ogni rapporto c’è qualcosa di sconosciuto e insondabile, un lato oscuro che ciascuno di noi si porta dietro per tutta la vita.

Paul Auster racconta della morte del padre, che da anni ha abbandonato la famiglia: trovatosi nella casa del genitore scomparso, si immerge in un percorso fatto di tracce labili, oggetti e carte grazie ai quali riscopre i frammenti di un’esistenza estranea ma che in parte è anche la propria.

Ritrova così un padre semisconosciuto e assente e ripercorre la vita di un uomo che ha scelto, negli ultimi anni, di nascondersi al mondo. Il protagonista è così obbligato a fare i conti con una perdita, una mancanza che lo strazia proprio nei giorni in cui anche Auster si apprestava a lasciare la moglie e l’amato figlio.

Ricordo che a 5 anni mi ero dato un nuovo nome, John, perchè tutti i cowboy si chiamavano John, e ogni volta che mia madre mi chiamava usando il nome vero io rifiutavo di rispondere – scrive Paul Auster -. Ricordo che mi sarebbe piaciuto essere uno scoiattolo, perchè volevo essere leggero e capace di balzare di albero in albero come volando. Ricordo che il mio colore preferito era il verde, e che ero certo che il mio orsetto avesse nelle vene sangue verde. E poi ricordo mio padre, come si protendeva sulla tavola per mangiare, con le spalle rigide, in un atto che gli serviva solo per alimentarsi, senza mai gustare il cibo“.

L’invenzione della solitudine

dall’8 al 13 aprile
Piccolo Teatro Grassi
Durata: 70 minuti senza intervallo
Biglietti: platea 33 euro, balconata 26 euro

Per maggiori informazioni: www.piccoloteatro.org


Visualizzazione ingrandita della mappa

Etichette: