Pubblicato in: Cinema

Film in uscita nel weekend a Milano: Tutti contro tutti

Gaia Gallotta 5 anni fa

Tutti contro tutti

Genere: Commedia

Regia: Rolando Ravello

Cast: Rolando Ravello, Kasia Smutniak, Marco Giallini,Stefano Altieri, Lidia Vitale, Antonio Gerardi, con la partecipazione di Lorenza Indovina e con Paolo Sassanelli

Musiche: Alessandro Mannarino e Tony Brundo

Distribuzione: Warner Bros Picture/ Prodotto da Fandango

 Nelle sale Italiane dal 28 febbraio 2013

 

 

Tutti contro tutti è un  film che racconta una guerra tragicomica tra due famiglie. Quello che era un giorno di festa, la prima comunione del figlio Lorenzo, con tutta l’agitazione che accompagna un giorno così, in un modesto appartamento di periferia, diventa una giornata paradossale.

La scena si apre con tutti i canoni tipici della festa: il vestito buono, il rinfresco per festeggiare con i parenti un grande avvenimento. Chi avrebbe mai potuto pensare che tutti allegri dopo la cerimonia, Agostino, sua moglie Anna, il caustico Nonno Rocco, i due figli Erica e Lorenzo accompagnati da tutta la famiglia del cognato, Sergio, Romana e i loro figli Rossana e Luca, arrivati sul pianerottolo, avrebbero trovato la porta chiusa, la serratura cambiata e degli sconosciuti dentro la propria abitazione? Gli avevano rubato casa, pratica diffusa nei palazzoni popolari delle nostre città.

Inizia cosi una guerra epocale e tragicomica tra poveri, o forse sarebbe meglio dire tra nuovi poveri, per la riconquista di un diritto inalienabile, il diritto ad una casa.

“Tutti contro Tutti nasce dall’esigenza di raccontare quello che mi sta a cuore, che muove il mio sguardo sul mondo e mi agita i pensieri – spiega Rolando Ravello – mi interessa chi fa fatica, mi piace chi non è fortunato, ci entro naturalmente in empatia. Cosi, quando qualche anno fa, Agostino mi chiamò mentre ero in mezzo al traffico, per raccontarmi che gli avevano rubato casa, mi è venuto naturale pensare ad un film che raccontasse le battaglie che si trova a combattere chi vive il nostro tempo”.

Etichette: