Pubblicato in: News

Dal 3 aprile i farmaci si ritireranno solo con il Codice Ricetta ricevuto via SMS

RedazioneRedazione 2 mesi fa
telefono-mani

 

Stiamo vivendo giorni molto turbolenti, fatti di incertezza, paura e spesso isolamento.
Molte fasce della popolazione hanno bisogno di attenzione maggiore; pensiamo agli anziani, alle persone sole o in condizioni di indigenza.
Progressivamente si stanno attivando dei servizi volontari legati all’assistenza: spesa a casa, consulti psicologici e medici, numeri di emergenza ecc.

In questo articolo abbiamo raccolto i servizi al momento attivi a Milano e nel resto d’Italia.
Si tratta di una lista in continuo aggiornamento, a seconda delle iniziative che partiranno durante il periodo di quarantena.

Dal 3 aprile in farmacia solo con Codice Ricetta e Tessera Sanitaria

Regione Lombardia sta attivando sul territorio il servizio di ricezione automatica via SMS e via email dei codici delle ricette mediche prescritte ai cittadini.

Per evitare ulteriori spostamenti e garantire alle farmacie di lavorare in sicurezza dal 3 aprile chi dovrà ritirare farmaci con ricetta obbligatoria dovrà presentare il proprio codice e la Tessera Sanitaria.

Nel caso in cui il vostro numero di telefono non sia registrato sul Fascicolo Sanitario Elettronico o una persona vicina a voi vorrebbe usufruire del servizio è possibile accedere a questo sito e inserire il proprio numero senza necessità di registrarsi.

Dallo stesso sito è possibile anche ritirare i referti, effettuare il cambio del medico di base e accedere a tutti i servizi sanitari della Regione.

Regione Lombardia attiva un numero verde di solidarietà digitale

Sono moltissime le persone, specialmente anziane, che non avendo dimestichezza con internet rischiano di trovarsi escluse in una situazione di isolamento.
Regione Lombardia ha attivato per loro un numero verde (800.318.318) collegato a un call center istituzionale, grazie al quale poter ricevere assistenza per tutte le attività digitali indispensabili in questo periodi di emergenza.

Nel dettaglio saranno forniti i seguenti servizi:

  • Informazioni istituzionali sul fenomeno Coronavirus
  • Divulgazione delle principali direttive a livello locale di Regioni e amministrazioni locali
  • Assistenza ai servizi di consegna a domicilio di spesa e farmaci
  • Avere accesso a ricette e referti medici online, senza doversi recare in ambulatorio
  • Assistenza a chat e videochiamate per rimanere vicini ai propri cari
  • Ricevere informazioni e contatti per servizi di streaming e svago disponibili online

Servizio di teleassistenza psicologica per operatori sanitari

La Croce Rossa ha disposto un servizio gratuito di assistenza psicologica a distanza per tutti coloro che ogni giorno lottano in prima linea contro COVID-19: il personale sanitario.
Chiamando il numero  06.5510, attivo dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20, un professionista sarà a disposizione per consulenze psicologiche dedicate a medici, infermieri e OSS impegnati nell’emergenza sanitaria.

 

Emergency si attiva nel Comune di Milano

I volontari di Emergency hanno attivato i loro servizi sul territorio di Milano. Si tratta prevalentemente di consegna gratuita a domicilio di farmaci, spesa e beni di prima necessità. A partire dal 13 marzo, dalle 9 alle 13 sarà attivo un numero di telefono per contattare i volontari.
I ragazzi di Emergency saranno sempre in coppia, muniti di badge identificativo. Ognuno di loro adotterà specifiche misure per limitare il più possibile il rischio di contagio.
Il numero da chiamare è lo 020202.

 

Pronto Psy

L’Ordine Psicologi della Lombardia ha attivato un servizio di consulto psicologico a distanza per tutti coloro che hanno necessità di un supporto per affrontare la difficile situazione che stiamo vivendo. Occorre contattare gli operatori tramite mail (sipemsoslombardia@gmail.com) o telefonicamente per lasciare il proprio numero di telefono, da utilizzare per i consulti.
Il numero da contattare è il 379 1898986. Si tratta di un contatto attivo anche su Whatsapp.

 

Pronto, chi gioca?

Il servizio di intrattenimento per i più piccoli CircoWow ha attivato un servizio telefonico per portare in tutte le case attività creative di manualità, ballo e divertimento per tutti i bambini.

Per usufruire del servizio è necessario telefonare al numero 3493315672, attivo tra il 16 e il 20 e tra il 23 e il 28 marzo dal lunedì al venerdì. Trenta minuti di animazione telefonica gratuita, per venire incontro a genitori e bambini in casa per via del COVID-19.

 

SOS panico da Coronavirus con Assomensana

Stiamo vivendo una situazione strana e difficile, che sta scombussolando le abitudini di tutti noi. Molte persone hanno la necessità di confrontarsi con un esperto per riuscire a metabolizzare serenamente questo momento di paura e incertezza.
Per questo Assomensana, associazione no profit formata da neuropsicologi e attiva dal 2004, ha messo ha disposizione colloqui gratuiti della durata di 50 minuti, disponibili in tutta Italia, con 250 specialisti provenienti da tutto il Paese.
Basterà selezionare dalla sezione “Chi siamo” all’interno del sito la propria regione di residenza e selezionare il professionista più vicino, per concordare modalità e orari delle sedute gratuite.

 

Consegne di beni di prima necessità (non solo cibo)

Conosciamo tutti i servizi di food delivery che con le loro biciclette riempiono le nostre strade. Conosciamo anche i servizi di consegna della spesa a casa (e se non li conoscete scopriteli nel nostro articolo), ma se parliamo di consegna di altri beni? Lampadine, cavi, ricambi, piccoli elettrodomestici ecc. non possono più essere acquistati di persona in tranquillità da molte persone.

Ecco che la tecnologia ci viene in soccorso tramite le app dei servizi di consegna generici, come Glovo, conosciuto soprattutto per la consegna di cibo, è in realtà abilitato al ritiro in negozio e alla consegna di qualunque tipo di oggetto, non più pesante di 9 kg e non più grande di 40x40x30 cm.

Il servizio è disponibile in 88 città italiane, a partire da 4,90 €.

Glovo però non è l’unica azienda che effettua consegne di questo tipo. Esiste anche Take my things, un servizio offerto da comuni cittadini che si mettono a disposizione per le consegne, molto simile al funzionamento di BlaBlaCar, dove gli autisti sono persone che effettuano spostamenti con la loro auto privata e decidono di dividere i costi con altri utenti.

A Milano quattro ex studenti di IED hanno deciso di dedicare le proprie competenze ad assistere chi non può recarsi fuori casa per fare la spesa e svolgere commissioni, attraverso la creazione del sito web iorestoacasa.delivery.
L’iniziativa è pensata per coinvolgere cittadini e negozianti della città che hanno disposto consegne a domicilio all’interno dei quartieri. Non solo alimentari, ma ferramenta, farmacie, edicole e tabaccai.
Il sito è aperto alle segnalazioni, con la possibilità di creare un profilo come esercente, rendendo raggiungibile la propria attività.