Villa Reale Monza: storia e informazioni utili
 

La Villa Reale di Monza, tra giardini e architettura

villa reale monza

A pochi passi da Milano si trova Monza, un’affascinante città da visitare, con diversi punti d’interesse. Alle sue porte sorge la Villa Reale, conosciuta per i suoi bellissimi giardini, dove spesso vengono realizzati eventi, e per le mostre che le stanze reali ospitano regolarmente.

Villa Reale di Monza: la storia

La Villa Reale fu realizzata su richiesta dell’arciduca Ferdinando d’Asburgo tra il 1777 e il 1780, sulla base del progetto dell’architetto Giuseppe Piermarini. La scelta della collocazione a Monza esprimeva un forte legame tra Milano e Vienna, visto che si trovava sulla strada per la capitale imperiale. In perfetto stile lombardo settecentesco la villa ha una planimetria a U con un corpo centrale e due lati della stessa altezza che si concludono con un cubo più basso.

Dopo il dominio austriaco e durante l’Unità d’Italia il complesso fu donato al re Vittorio Emanuele II che, a sua volta, lo cedette al figlio Umberto in occasione delle sue nozze. Quando Umberto divenne re, la villa divenne la residenza estiva della corte. Quando morì nel 1900 la Villa venne chiusa e solo più tardi, con un lungo lavoro di restauro, poté tornare almeno in parte all’originale fisionomia. Oggi è di proprietà del Comune che si è occupato di restituirla all’antico splendore: al suo interno vengono ospitate spesso varie mostre, mentre un’aula è stata destinata al Liceo Artistico di Monza.

villa reale monza

I giardini e la villa reale di Monza

Gli interni della villa sono costituiti dal primo piano nobile dove ci sono le sale di rappresentanza: particolare rilievo ha la sala da ballo, unica stanza a doppia altezza con lampadari e specchiature. Gli appartamenti reali invece sono ancora nella loro veste attuale. L’ultimo piano della villa è composto dal Belvedere dove si trovavano gli appartamenti della servitù. Il luogo è spesso adibito a mostre a lungo termine.

I giardini del Parco di Monza coprono circa 40 ettari costituendo un patrimonio paesaggistico, monumentale e storico. Furono progettati anch’essi da Piermarini e realizzati da giardinieri austriaci su volere di Maria Teresa d’Austria. Sorsero verso il 1778 e furono tra i primi giardini italiani in stile inglese con una mescolanza di alberi, prati, specchi d’acqua e grotte. Una delle caratteristiche che hanno reso questo sito particolarmente conosciuto sono proprio gli alberi ultra secolari che sono presenti negli ampi spazi verdi.

Villa Reale di Monza: informazioni utili

La villa è visitabile dal martedì alla domenica dalle 10 alle 19 e il venerdì dalle 10 alle 22. Il prezzo intero di 10 euro comprende visita agli appartamenti reali e al piano nobile con visita e audioguida. I giardini reali sono visitabili in inverno dalle 7 alle 18.30 e dalle 7 alle 20 in estate, mentre il parco reale in inverno è aperto dalle 7 alle 19 e in estate dalle 7 alle 21.30.