Pubblicato in: Evergreen

Draghi verdi o altri animali? I diversi volti delle fontane simbolo di Milano

Donatella ErreDonatella Erre 2 settimane fa
vedovelle citylife

Se vi diciamo Vedovelle sapete tutti di cosa stiamo parlando? Ma certo, delle fontane tipiche milanesi anche note col nome di Drago Verde per via della testa a forma di drago, appunto, che si nota nella bocchetta.

Ma sapevate che a Milano non esistono solo i Draghi Verdi ma anche le giraffe, gli elefanti e molti altri animali sulle fontanelle pubbliche? Li potete trovare nel parco di CityLife!

Vedovelle o draghi verdi? Storia delle fontane simbolo di Milano

Le fontane pubbliche milanesi sono tra i simboli della città che ne conta circa 668. C’è chi le chiama Vedovelle per via del rumore dello scrosciare dell’acqua che ricorda il pianto delle vedove o draghi verdi, più semplicemente per la forma della bocchetta e per il colore verde della struttura.

Secondo la storia la prima fontana fu installata negli anni ’20 in Piazza della Scala.

Ma se volete sapere tutti i dettagli e dove trovarle potete leggerli qui!

Dai Draghi agli altri animali: alla scoperta delle fontane di CityLife

CityLife vanta uno tra i parchi più ampi di Milano, ma soprattutto è ricco di opere d’arte che lo rendono un vero museo a cielo aperto tutto da scoprire. Al suo interno ospita venti opere permanenti tra artisti under40 e artisti internazionali che sono, invece, già noti. L’obiettivo? osservare la realtà da altre prospettive e diffondere l’arte nella città.

Tra queste opere troviamo il lavoro di Serena Vestrucci che ha scelto di mostrare la sua arte solo a pochi attenti osservatori. Il suo lavoro ha portato alla modifica e al cambiamento delle Vedovelle storiche poste all’interno del parco di CityLife eliminando il noto Drago sulla bocchetta e sostituendolo con una scultura di volta in volta diversa.

Ecco allora che vi capiterà di imbattervi in una giraffa, in un elefante e molto altro. Sono infatti dieci le fontane installate nel parco e tutte con un ‘volto diverso’, con lo scopo di creare un dialogo tra contemporaneo e tradizione, tra il contemporaneo e il classico, tra la nuova e la vecchia Milano.