Pubblicato in: Evergreen

Vantaggi e convenienza del trapianto di capelli in Turchia con tecnica FUE

News PartnerNews Partner 2 settimane fa
trapianto capelli turchia

Al giorno d’oggi il cranio rasato è un look che è stato ampiamente sdoganato e sono tanti gli uomini (nonché le donne) che lo sfoggiano con orgoglio. Tuttavia non si può negare che spesso la perdita dei capelli rappresenti un momento molto critico nella vita di un uomo e non sempre è facile e indolore dire addio alla propria chioma o a un’acconciatura “naturale”.

La calvizie comune, tecnicamente identificata come alopecia androgenetica, colpisce l’80 degli uomini (e il 50% delle donne) e in molti casi porta alla perdita dei capelli, in misura totale o significativa: secondo uno studio del 2005, Psychological Effect, Pathophysiology, and Management of Androgenetic Alopecia in Men, in Italia c’è un’altissima incidenza di uomini calvi, addirittura il 39%, percentuale che pone il nostro Paese al settimo posto al mondo.

Si può sempre fare buon viso a cattivo gioco, ma per chi volesse provare a tornare a guardarsi allo specchio senza sospirare c’è un rimedio. Non si tratta di una delle tante tecniche prodigiose o di medicamenti incredibili, utili in ogni caso solo per la prevenzione e il rallentamento (ricordiamo che Minoxidil e Finasteride risultano a oggi gli unici farmaci dall’efficacia comprovata); quello di cui parliamo è una solida soluzione scientifica, tutt’altro che costosa se messa in prospettiva.

Alopecia maschile: il trapianto di capelli è l’unica soluzione duratura

Ci riferiamo al trapianto di capelli, più correttamente noto come FUE – Follicular Unit Extraction, ovvero estrazione individuale dei follicoli. In cosa consiste il trattamento? In parole povere si tratta di un’operazione chirurgica in regime ambulatoriale, dallo scarso livello di invasività, durante la quale vengono prelevati uno a uno i follicoli piliferi da una zona donatrice, in genere la base del capo. A differenza della tradizionale FUT, in questo caso non sussiste la necessità di rimuovere una striscia di cuoio capelluto ma basterà rasare fino a 1 o 2 mm i capelli della zona donatrice.

Il vantaggio di questo procedimento è innanzitutto la riduzione al minimo delle cicatrici (che scompaiono nel giro di pochi giorni) e del decorso post-operatorio, con conseguente recupero e ritorno alla quotidianità in tempi brevissimi, dal momento che non è stata operata alcuna sutura.

Trapianto di capelli: le tempistiche

Il dubbio però è dietro l’angolo: certo, il risultato può essere soddisfacente nell’immediato, ma fino a quando può durare? Bisogna pazientare un po’, come per tutte le cose importanti. Il cuoio capelluto deve affrontare un periodo di guarigione, durante il quale ogni capello trapiantato si radica nella nuova posizione: in questo periodo è facile vedere una perdita di capelli trapiantati in modo progressivo, del tutto normale, in quanto i follicoli iniziano a sviluppare i capelli con forza maggiore.

È dal terzo mese che si assiste alla crescita vera e propria dei capelli, mentre a partire dal decimo si arriva all’immagine della chioma concordata con il medico e la sua equipe. Infine a un anno dal trapianto ecco il risultato definitivo. È necessario infine comprendere che i follicoli producano capelli del tutto uguali agli altri, dunque destinati a crescere, invecchiare, cadere e ricrescere come è fisiologico.

Trapianto di capelli: i vantaggi dell’operazione in Turchia

Dunque, una soluzione può essere quella di recarsi in Turchia, dove notoriamente vengono realizzati interventi a prezzi molto convenienti. Non è semplice districarsi tra le offerte, ma il servizio di Capilclinic è in assoluto tra i migliori sulla piazza.

Prima di tutto sgomberiamo però un comprensibile dubbio. Il costo dell’operazione è influenzato da tre condizioni da tenere bene a mente: il cambio con la Lira Turca è molto favorevole per l’Euro, inoltre i salari medi del Paese sono più bassi rispetto alla media europea. Inoltre la città di Istanbul è diventata di fatto la capitale di questo tipo di interventi, portando a una situazione di concorrenza che ha fatto diminuire i prezzi.

È vero, sul web è possibile trovare prezzi inferiori ai 2190 euro stimati per un intervento da 5000 grafts (le mini-asportazioni di follicoli) – che per inciso in Italia corrisponde in media a 12500 euro – ma pensare di risparmiare ulteriormente per un’operazione chirurgica, andando a limare sulla qualità delle strutture e del personale, è quantomeno sconsiderato e poco saggio nel momento in cui la priorità va data alla propria salute e al fattore estetico.

Trapianto di capelli: il servizio Capilclinic

Nel pacchetto di Capilclinic sono offerti pernottamenti per due giorni nell’hotel a 5 stelle Divan Suites Istanbul G-Plus, a cinque minuti dall’aeroporto di Istanbul Ataturk, tutti i trasferimenti (escluso il volo, chi lo offre è spesso un tour operator che gestisce in modo improvvisato l’aspetto chirurgico), l’indispensabile servizio di traduzione, consulto e diagnosi con il medico, analisi complete, l’anestesia e l’operazione, medicine e controllo post-operatorio, nonché il monitoraggio medico. Insomma, tutto il necessario per stare tranquilli e lasciar fare gli esperti senza avere alcuna preoccupazione.

La clinica in cui il Dottor Etoz (anche direttore medico di Capilclinic) e il dottor Oguz eseguono le operazioni è sita all’interno di in uno degli ospedali privati più grandi di Istanbul, che impiega i migliori professionisti ed è dotato delle migliori attrezzature sul mercato, sottoposta a controlli sanitari nazionali e provvista della certificazione JCI, garanzia di alti standard di qualità nel sistema sanitario.

Se siete interessati visitate il sito di Capilclinic,
con i dettagli di tutte le fasi dell’operazione: per contatti
3888751677 o info @ capilclinic.it