Pubblicato in: Shopping

Negozi e supermercati aperti a Pasqua e Pasquetta 2014, domenica 20 e lunedì 21 aprile a Milano

RedazioneRedazione 4 anni fa
negozi aperti milano

negozi e supermercati aperti milanoAlcuni centri commerciali e negozi saranno aperti a Milano, con mezzo orario nel corso della mattinata, anche durante la giornata di Pasqua domenica 20 aprile 2014. Qui sotto vi forniamo i collegamenti ai siti web per reperire gli orari dei singoli punti vendita.

SUPERMERCATI APERTI DOMENICA 20 APRILE 2014 A MILANO

– (16) BILLA www.billa.it

– (30) CARREFOUR Express e (2) Market www.carrefour.it

– (2) SUPERDI’ www.superdi.it

– (12) UNES www.unes.it

SUPERMERCATI APERTI LUNEDI’ 21 APRILE 2014 A MILANO

– (16) BILLA www.billa.it

– (2) CARREFOUR Market www.carrefour.it

– (12+5) ESSELUNGA www.esselunga.it

– (1) IL GIGANTE www.ilgigante.it

– (1) IPER PORTELLO www.iper.it

– (14) PAM www.e-pam.it

– (1) SUPERDI’ www.superdi.it

– (1) TRONY www.trony.it

– (2) UNES www.unes.it

Per ulteriori informazioni:

www.apertodomenica.com
www.ultimoprezzo.com

Inoltre, tre servizi per confrontare le offerte più convenienti e i volantini dei punti vendita:

– Dove Conviene www.doveconviene.it
– Promo Qui www.promoqui.it
– Risparmio Super www.risparmiosuper.it

APERTURE FESTIVE 2014 E POLEMICHE A MILANO

In questo weekend di Pasqua 2014 e nel successivo ponte con le festività del 25 aprile e 1 maggio, molte attività commerciali terranno le saracinesche aperte, ad eccezione di domenica 20 aprile. La decisione ha causato la protesta dei sindacati del commercio.

Cgil, Cisl e Uil invitano i lavoratori allo sciopero per ribadire “la propria contrarietà al sistema deregolamentato e spinto all’estremo delle aperture commerciali derivanti dal Decreto Liberalizzazioni”, affermando che “non hanno portato nessun aumento dell’occupazione, nessun aumento dei consumi ma hanno peggiorato le condizioni di lavoro” e che “in una situazione di crisi del nostro paese, di crisi dei consumi, in cui molte famiglie e lavoratori vivono sempre più un forte disagio, è fuorviante quanto inopportuno porre al centro la scelta di mantenere i negozi aperti nelle festività pasquali, il 25 Aprile e il 1 Maggio”.

Opposto il parere di Confimprese, l’associazione dei punti vendita: “Ci auguriamo – ha detto il presidente Mario Resca – che la richiesta del sindaco di Milano di tenere le saracinesche abbassate per celebrare 25 aprile e 1 maggio tenga conto delle esigenze del commercio, che ha bisogno di risollevare i flussi di cassa e di vendere”. Per i commercianti,  “deregulation vuol dire porre la massima attenzione alle esigenze dei clienti, sia ai milanesi che rimangono in città sia ai turisti in forte aumento. Il retail è fondamentale per assicurare lo sviluppo: chiudere significa essere fuori dalla mutata realtà. Oltretutto quest’anno le due festività non cadono a ridosso della domenica e questo favorisce l’affluenza sul punto vendita”.