Pubblicato in: Evergreen

Il mercato miliardario degli anime: un’opportunità per i marchi?

News Partner 1 mese fa
moda-otaku-anime

Il cosiddetto “fenomeno anime” rappresenta un mercato con una proiezione di crescita milionaria per i marchi di vari settori. La linea OTAKU di Cerdá è arrivata ad occupare un posto in questa tendenza nel settore della moda e degli accessori.

L’ascesa degli anime come fenomeno globale è stata a dir poco sorprendente. L’anime è nato in Giappone, ma la sua popolarità si è diffusa in tutto il mondo. Lo stile Anime sta comparendo ovunque, dalla moda agli oggetti per la casa. Dal make-up alle borse, l’anime è diventato un movimento estetico di massa che i marchi sono ansiosi di sfruttare.

Nel 2020, il mercato globale degli anime è stato valutato a oltre 24 miliardi di dollari e si prevede che supererà i 43 miliardi di dollari entro il 2027.

Ma cosa è successo per rendere questa estetica giapponese un successo mondiale tra tutti i pubblici?

Un fenomeno senza confini né limiti di età

I fan degli anime si stanno moltiplicando rapidamente, poiché sempre più giovani sono attratti da questo genere e dal suo stile estetico. L’hashtag #AnimeEdit ha generato più di 107,6 miliardi di visualizzazioni sullapiattaforma di social media TikTok, e i contenuti anime sono sempre più presenti su tutti i social network.

I giocatori e gli streamer “otaku” stanno lasciando il segno su piattaforme come Twitch, YouTube e Instagram, dando al genere una maggiore visibilità.

L’anime è ormai un contenuto multipiattaforma che può essere consumato direttamente o indirettamente nella vita di tutti i giorni, tanto che, secondo i sondaggi di YPulse di febbraio, il 66% dei giovani americani dichiara di amare gli anime e un terzo li guarda settimanalmente.

Ma anime e manga non hanno confini, né età, né data di scadenza. I consumatori trentenni cresciuti con serie come “Dragon Ball”, “Sailor Moon”, “Doraemon” e “Pokémon” continuano a trovare nostalgia nei loro personaggi preferiti e hanno generato una tendenza di consumo crescente, optando per prodotti che presentano questi personaggi e che spaziano dalla moda alle categorie della casa.

L’Anime come mercato di opportunità in crescita per i marchi

Questa nuova e potente tendenza sta creando nuove opportunità in settori in cui prima non trovava spazio. Ecco perché i marchi stanno iniziando ad abbracciare questo settore, compresi i marchi di lusso: Loewe e Gucci hanno collaborato con serie di anime come Spirited Away e Doraemon per lanciare rispettivamente le linee “Loewe x Spirited Away” e “Gucci x Doraemon”.

Per i marchi specializzati in prodotti su licenza, come Artesanía Cerdá, la crescente popolarità di anime e manga ha comportato lo sviluppo di una nuova linea di prodotti ispirati a questo stile. 

La linea OTAKU – che prende il nome da un termine che significa “appassionato di anime e manga” – è un esempio della tendenza anime nella moda e negli accessori per bambini e adulti. Questa linea comprende tre collezioni: Shojo, Shonen e Kawaii, ognuno con la propria vita e le proprie caratteristiche che uniscono novità e nostalgia in ogni punto.

Collezione Shojo

Lo shojo è una categoria di manga e anime il cui pubblico è solitamente costituito da adolescenti di sesso femminile. In questo tipo di anime, il personaggio principale è una ragazza. Le sue emozioni guidano la trama, che può spaziare dalla fantascienza al dramma storico.

Queste stesse caratteristiche sono presenti nella collezione Shojo, in cui, ispirandosi a questo genere per disegnare l’estetica dei prodotti, predominano personaggi femminili, variegati nell’aspetto e nella personalità.

Shonen Collection

Shonen è una parola giapponese che significa “ragazzo”. Il termine si riferisce a manga e anime rivolti a un pubblico maschile giovane, caratterizzati dall’uso di molte scene comiche e d’azione.

La nuova linea Shonen evidenzia queste caratteristiche; i colori e il posizionamento di questi prodotti sono molto più maschili, sia per i disegni dai colori vivaci sia per l’uso di simboli come il sole o altre simbologie “millenarie”.

Collezione Kawaii

Kawaii è un aggettivo giapponese che può essere tradotto come “carino” o “coccoloso”. Questa ispirazione si concretizza nella collezione Kawaii, con l’uso di colori pastello e simpatici posizionamenti, in prodotti per adulti e bambini.

Indubbiamente, il fenomeno degli anime è destinato a rimanere, attirando un pubblico fedele e diversificato, diventando un mercato con un grande potenziale che rappresenta una grande opportunità per i marchi, conquistando settori, tendenze di consumo e lanci di prodotti.