Pubblicato in: News

Invito a Palazzo: il calendario degli eventi culturali promossi dalle banche

Carla Polizzi 5 anni fa

Visitare i palazzi storici delle banche insieme ai capolavori e alle collezioni al loro interno: anche quest’anno, con l’iniziativa Invito a Palazzo, si terrà la giornata nazionale di apertura al pubblico delle banche promossa dall’Abi (Associazione bancaria italiana) il primo sabato di ottobre. Il progetto rientra nelle 10 iniziative nazionali per promuovere la cultura, nell’ambito del piano biennale Le banche per la cultura, presentato ieri a Roma.

Nel 2012 a Milano hanno aderito all’iniziativa, tra le altre, le sedi storiche di Unicredit (piazza Edison e piazza Cordusio) e di Intesa San Paolo (via Manzoni 10) e anche edifici più moderni come la sede della direzione generale di Deutsche Bank nel quartiere Bicocca, progettata da Gino Valle.

Nei 10 progetti promossi dagli istituti di credito su tutto il territorio nazionale, alcuni già in corso e altri previsti per il 2014, sono inclusi interventi diversi per età e obiettivi. Il Festival nazionale della cultura per l’infanzia è stato pensato per la formazione artistica dei meno giovani attraverso i laboratori creativi ed esperienziali ispirati al Metodo Bruno Munari, mentre gli esperti di settore si incontreranno nell’ambito della Giornata di studi sulla cultura.

Grande attesa per il Muvir, il museo virtuale delle banche italiane che in base alle stime accoglierà circa 300 mila opere digitalizzate e per gli interventi di restauro su opere danneggiate come il Gonfalone de L’Aquila. Verrà aperta alla consultazione di addetti ai lavori e studenti nella sua sede di Palazzo Altieri di Roma La Biblioteca d’Arte, che raccoglie 15mila volumi pubblicati dalle banche italiane dal 1861 a oggi. Inoltre, grazie al Calendario degli eventi culturali sarà possibile seguire le altre iniziative promosse dalle singole banche città per città.

>> I palazzi storici delle banche in Lombardia (sito Abi)

>> Il calendario degli eventi culturali promossi dalle banche (sito Abi)

Etichette: