Pubblicato in: Mostre News

Fondazione Prada presenta la mostra collettiva L’image volée

image volee Fondazione Prada

 

Alla Fondazione Prada di Milano è in arrivo la seconda mostra della stagione espositiva 2016. Mentre gli spazi del Podium e della Cisterna ospitano fino al 19 giugno il sorprendente progetto To the Son of Man Who Ate the Scroll dell’artista polacca Goshka Macuga, la Galleria Nord della Fondazione si appresta ad accogliere la collettiva “L’image volée”, curata dall’artista tedesco Thomas Demand.

Allestita dal 18 marzo al 28 agosto 2016, L’image volée presenta un centinaio di lavori realizzati dal 1820 a oggi da oltre 60 artisti, tra i quali Francis Bacon, John Baldessari, Sophie Calle, Maurizio Cattelan, Martin Kippenberger, Thomas Ruff, John Stezaker, Rudolf Stingel e Sturtevant, solo per citarne alcuni.

Fotografie, dipinti, sculture e opere video saranno inseriti in un ambiente allestitivo ideato ad hoc dallo scultore tedesco Manfred Pernice, occupando i due livelli della Galleria Nord, di cui quello interrato è utilizzato per la prima volta come spazio espositivo.

Fulcro del progetto di Demand sono i concetti di furto e appropriazione, originalità e falsificazione, per indagare le diverse modalità con cui gli artisti da sempre si rifanno a un’iconografia precedente per creare le proprie opere, spingendosi fino alla copia o alterazione di opere d’arte preesistenti e, nei casi più sovversivi, giungendo a impossessarsi dell’identità di un altro artista. Il percorso espositivo assume così la forma di un’insolita e inaspettata esplorazione all’interno di un terreno di ricerca tanto sfaccettato quanto ambiguo.

Una sezione peculiare de “L’image volée” è quella ospitata al livello interrato della Galleria Nord, incentrata sulla delicata questione della produzione di immagini capaci di catturare aspetti nascosti sia sul piano privato sia su quello pubblico o apertamente politico. Puntando l’attenzione su temi come la sorveglianza e il controllo, questa sezione presenta al pubblico anche una “mostra nella mostra”, costituita da una serie di dispositivi di spionaggio usati un tempo dalla DDR e dall’Unione Sovietica per controllare i propri cittadini, selezionati per la bellezza del loro design razionale, molto simile a quello dei computer e degli smartphone odierni.

Il vernissage della mostra, aperto al pubblico, si terrà giovedì 17 marzo, dalle 19 alle 21. 

 

L’image volée
a cura di Thomas Demand
Fondazione Prada, Milano
18 marzo – 28 agosto 2016

ORARI
lunedì / mercoledì / giovedì, 10 – 19
venerdì / sabato / domenica, 10 -21

BIGLIETTI
Intero 10 € ; Ridotto 8 €
La biglietteria rimane aperta fino a un’ora prima della chiusura

fondazioneprada.org 

 

Etichette:

Forse sei interessato a: