Pubblicato in: Cinema News

Film in uscita nel weekend: le novità da giovedì 16 marzo 2017

Foto tratta dal film 'Loving' di Jeff Nichols, con Ruth Negga e Joel Edgerton

Avete voglia di cinema e non sapete per cosa optare? Cercate una serata di puro divertimento grazie al grande schermo o un film che riesca a unire più anime? Come ogni giovedì, Milano Weekend vi segnala eventi cinefili e nuove uscite in sala nella nostra città: un nuovo appuntamento con lo #spiegonecinema.

Ecco cosa vedere al cinema a Milano dal 16 marzo 2017

Alcuni consigli sui film in uscita

— John Wick – Capitolo 2 di Chad Stahelski

Avete “paura” dei sequel? Questo non vi deluderà, anzi, qualora fosse possibile, è anche qualitativamente superiore. Nel secondo capitolo si va a fondo dei punti che i fan del genere amano, a partire dalla contaminazione. Si ritroverà Keanu Reeves nel ruolo del sicario del titolo costretto a rimettersi in gioco grazie a un ex socio che trama di prendere il controllo di una oscura organizzazione internazionale. Vincolato da un giuramento di sangue, John decide di aiutarlo e si dirige a Roma dove affronterà alcuni dei più spietati killer al mondo. Forse non ve lo sarete mai aspettato di vedere Riccardo Scamarcio nei panni di un villain. A dar volto alla sorella, Claudia Gerini.

«Nel secondo film – ha affermato Reeves – volevamo espandere il mondo criminale, quindi abbiamo introdotto un elemento nuovo. Nel film originale c’era la corporazione conosciuta come Il Continental, mentre in questo secondo episodio abbiamo aggiunto la High Table, un’organizzazione dove si siedono tutti i diversi gruppi del crimine organizzato del mondo». Dal canto suo il produttore Basil Iwanyk ha tenuto a sottolineare come non volessero «fare una cosa generica e tornare sullo stesso nucleo emotivo. Allo stesso tempo, dovevamo soddisfare sia i fan maschili sia femminili, sia il pubblico che solitamente non guarda film d’azione, dandogli una nuova via per leggere questo film senza ripeterci». Pensando anche alle spettatrice crediamo che siano riusciti a rispettare queste intenzioni. Ottima la messa in scena – e in atto – delle scene d’azione.

John Wick – Capitolo 2 è distribuito da Eagle Pictures.

— Loving di Jeff Nichols

Dopo esser stato presentato alla 69esima edizione del Festival di Cannes, l’ultimo lavoro del regista di ‘Midnight Special’ arriva sui nostri schermi grazie all’impegno di Cinema di Valerio De Paolis.

Protagonisti sono Mildred (Ruth Negga) e Richard (Joel Edgerton), un uomo e una donna che si amano come tanti, ma che devono fare i conti con il colore della pelle e nel’America segregazionista degli Anni ’50 questo aveva un peso. «I due crescono a Central Point, piccolo centro della Virginia caratterizzato da un maggiore livello di integrazione razziale rispetto alle zone circostanti degli Stati Uniti meridionali. Ma è proprio dallo Stato della Virginia, che i due hanno scelto per mettere su casa e famiglia, che vengono incarcerati e poi esiliati. Richard, Mildred e i figli si trasferiscono nella città di Washington, D.C. Qui si sentono i benvenuti, grazie soprattutto al contributo dei parenti che li accolgono con calore, ma non riescono mai ad adeguarsi completamente alla realtà urbana di Washington. Spinta dal richiamo delle radici, Mildred decide di trovare una soluzione per fare ritorno in Virginia» (sinossi ufficiale).

Il punto di forza dello sguardo di Nichols sta nel rimanere sulla coppia, sulla storia d’amore, senza farsi fagocitare dalla causa civile intentata dai Loving contro lo Stato della Virginia. I due attori sono bravissimi nel tratteggiare le peculiarità e le differenze dei rispettivi personaggi, con una lei che, coerentemente con altre donne scritte dal cineasta, lotta con le unghie e con i denti per i propri diritti. A far da contraltare è ciò che emerge dell’uomo.

«Una bella sobrietà che non impedisce l’emozione dei primi piani» ha affermato Le Monde e noi non possiamo che rilanciare queste parole invitandovi a non perderlo.

Una nota: Loving è parzialmente basato sul documentario ‘The Loving Story’ diretto da Nancy Buirski.

Eventi cinematografici

— A proposito di Luchino Visconti: lezioni in forma di prosa (Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti 17 marzo)

Una giornata di studi dedicata a un maestro del nostro cinema a cui è stata intitolata, un anno fa, la scuola. La mattina sarà animata da due lezioni, tenute da Alessandro Stellino (‘La terra trema ancora – L’eredità di Visconti nel cinema del reale’) e Simone Scafidi (‘Ossessione della modernità – L’analogia viscontiana’). Nel pomeriggio sarà dato spazio alla presentazione del volume: ‘Testimonianze, ricordi, lezioni in occasione dell’intitolazione a Luchino Visconti della Civica Scuola di Cinema di Milano il 17 marzo 2016’. «Integrando materiali inediti alla rielaborazione degli interventi degli ospiti nel corso dell’intitolazione della Scuola al grande regista, il volume si propone di raccontare il legame tra l’arte irripetibile di Luchino Visconti, la città di Milano nella quale si è formato e che ha raccontato, e l’influenza sempre crescente della sua opera sulle nuove generazioni» (dalla nota ufficiale).

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti previa prenotazione all’indirizzo: incontricinema@fondazionemilano.eu

— Nói albinói (Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti 16 marzo)

Mentre a Bergamo è ancora in corso la 35esima edizione del Bergamo Film Meeting, dove tra le varie iniziative si sta svolgendo la personale dedicata al regista islandese Dagur Kári, nel capoluogo meneghino si prospetta un’occasione per chi vuole approfondire l’autore di Nói albinói.

Dopo la visione di questo film, la giornalista Ira Rubini condurrà un incontro stimolando delle riflessioni su cosa voglia dire fare cinema nella nostra Europa ed è interessante scoprire quale sarà il punto di vista e l’esperienza personale di un artista (apparentemente) lontano dal background del cinema nostrano.

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti previa prenotazione all’indirizzo: incontricinema@fondazionemilano.eu

Rassegne cinematografiche

27°Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (19 – 26 marzo)

Il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina è un appuntamento molto sentito e seguito dai milanesi. Negli anni, siamo convinti, che la kermesse non solo abbia fidelizzato il pubblico, ma è stata fondamentale nell’educazione spettatoriale. Ad inaugurare il 20 marzo sarà un cineasta ormai consacrato come Raoul Peck (presente anche in sala) con l’anteprima italiana di ‘I Am Not Your Negro’, Premio del Pubblico alla Berlinale.

Il Festival è una manifestazione ricca di cinema, ma anche di incontri, sempre in cerca di nuove modalità per arricchire la propria offerta intercettando pubblici di diverse età. «Nel 2017 sintetizza la sua proposta culturale nel claim ‘Where Future Beats’ e inaugura un’importante collaborazione con il nuovo spazio di cittadinanza della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. La nuova struttura accoglierà la sezione speciale Democrazie Inquiete, viaggio nelle trasformazioni dell’America Latina e una tavola rotonda ‘Africa, continente del futuro. Università e nuova imprenditoria’ in collaborazione con la Fondazione Edu su start up, studio e impresa in Africa. Attento alle sperimentazioni di nuove forme del linguaggio audiovisivo, quest’anno il festival porta in Italia i primi film africani in Virtual Reality 360°, che saranno visibili in una VR lounge al Festival Center» (dalla presentazione).

Qui i dettagli del programma.

Etichette:

Forse sei interessato a: