Pubblicato in: News

Tutte le nuove date delle principali fiere italiane rinviate per il Coronavirus

RedazioneRedazione 2 settimane fa
artigiano-in-fiera-milano

 

Le fiere sono eventi che ogni anno in Italia coinvolgono milioni di espositori, organizzatori e semplici curiosi e che muovono guadagni stimati per 60 miliardi di euro.
Si tratta di iniziative che promuovono il prodotto interessato sul territorio e all’estero, generando introiti alle aziende standiste e alle città ospitanti, attraverso servizi che vanno dai trasporti alle strutture ricettive.
Il 2020 ha visto moltissime fiere annullate o rinviate a causa della prevenzione contro il Covid-19, che vieta espressamente l’organizzazione di grandi eventi, specialmente se al chiuso, almeno fino al 3 aprile.
Di seguito un elenco dei principali eventi commerciali annullati e rinviati in tutta Italia.
La lista è in continuo aggiornamento a seconda delle notizie diramate dalle organizzazioni delle fiere.

 

Milano e Lombardia

  • Milano – Design Week: l’importante manifestazione milanese legata alle novità del design, durante la quale si sarebbe svolto anche il celebre Salone del Mobile, è stata rinviata a giugno, precisamente dal 16 al 21.
    La settimana comprensiva anche dell’amato Fuorisalone si sarebbe dovuta svolgere dal 21 al 26 aprile 2020.

 

  • Milano – Digital Week: tra i momenti più importanti in Italia per la divulgazione di nuove tecnologie nel campo del digitale. Anche Digital Week, che doveva tenersi dall’11 al 15 marzo, è stata rinviata.
    La manifestazione si svolgerà quindi dal 25 al 28 maggio.

 

  • Milano – Miart e Art Week: la venticinquesima edizione della fiera dedicata all’arte contemporanea, alla quale ogni anno partecipano gallerie provenienti da tutto il mondo è stata rinviata, programmando le nuove date a settembre, dall’11 al 13.
    La fiera era inizialmente prevista per il 17-18 e 19 aprile.

 

  • Milano – Cartoomics: la storica fiera milanese del mondo pop, incentrata su fumetti, videogiochi e immaginario nerd, ha visto rinviate le date di svolgimento a causa della prevenzione legata al contrasto del Covid-19.
    Le nuove date comunicate dagli organizzatori coincidono con un altro appuntamento fondamentale del panorama espositivo milanese: la Games Week, fissata al mese di ottobre. Cartoomics sarà quindi svolta nelle date del 2, 3 e 4 ottobre.

 

  • Milano – MIA Fair: La prestigiosa fiera internazionale di fotografia, inizialmente prevista per il weekend del 19-22 marzo, è stata spostata al secondo weekend di settembre, dal 10 al 13.
    Venerdì 19 marzo, giorno della mancata inaugurazione, sarà possibile ammirare sul sito ufficiale della fiera una prewiew di quello che ci attende per questa decima edizione.

 

  • Brescia – Fiera dell’elettronica: tra le fiere più conosciute nel mondo dell’elettronica, ha dovuto rinviare le date della fiera di Montichiari a settembre, dal 5 al 6, annullando le giornate preventivate del 14 e 15 marzo.

 

  • Brescia – Cosmogarden: la grande esposizione dedicata al giardinaggio e alla cura del verde, prevista per aprile al Brixia Forum è stata posticipata al prossimo anno, dal 26 al 29 marzo 2021.

 

Bologna ed Emilia-Romagna

  • Bologna – Children’s Book Fair: tra le fiere più importanti legate al mondo dell’editoria per l’infanzia. Gli organizzatori hanno deciso di rinviare a maggio, dal 4 al 7, le date dell’iniziativa bolognese, per tutelare espositori e visitatori.

 

  • Bologna – Cosmoprof: fiera internazionale della cosmetica tra le più frequentate d’Europa con base a Bologna, svolgerà i propri incontri dall’11 al 15 giugno, invece che dal 12 al 15 marzo.

 

  • Parma – Mercanteinfiera: l’importante fiera dell’antiquariato e del vintage organizzata da Parma Fiere e inizialmente prevista dal 29 febbraio all’8 marzo è stata rinviata a data da destinarsi, spostandosi per il momento sul sito ufficiale  www.mercanteinfiera.it.

 

  • Parma – Cibus: Il salone internazionale dell’alimentazione ha deciso di posticipare al mese di settembre la sua ventesima edizione. Le condizioni di difficoltà che stanno scoraggiando buyers ed espositori hanno costretto gli organizzatori di Cibus a fissare dall’1 al 4 settembre le nuove date per la fiera.

 

Roma e Lazio

  • Roma – Quattro zampe in fiera: uno degli appuntamenti più attesi dagli amanti degli animali ha visto le date di Roma annullate.
    Gli organizzatori hanno scelto di rinviare l’evento prima delle direttive regionali, per svolgere la fiera in un clima più sereno. Le nuove date annunciate sono il 9 e 10 maggio 2020.

 

  • Roma – Motodays: tra le più importanti fiere dedicate al mondo delle due ruote, Motodays in accordo con Roma Fiere ha deciso di posticipare le proprie date di esposizione al 17-19 aprile, per consentire a pubblico e organizzatori di vivere l’evento in totale sicurezza.

 

  • Roma – OBOR, One Belt Road: la manifestazione dedicata alla collaborazione commerciale tra Italia e Cina è stata annullata per quest’anno, a causa dell’impossibilità di comunicazione e cooperazione attiva tra i due paesi dovuta all’epidemia di Coronavirus.

 

Firenze e Toscana

  • Firenze – Taste 2020: la kermesse dedicata all’eccellenza della gastronomia italiana organizzata da Pitti Immagine è stata annullata e rinviata dal 5 al 7 giugno anziché svolgersi dal 7 al 9 marzo.

 

  • Firenze – Testo – Come si diventa libro: stroncata sul nascere la prima edizione della fiera legata all’editoria con sede alla Leopolda. Le nuove date stabilite sono a ridosso della storica manifestazione Pitti Uomo: dall’11 al 13 giugno.

 

  • Firenze – Abita Firenze: la prima edizione dell’evento dedicato all’arredamento è stata sospesa, senza indicazioni sulle nuove date di svolgimento da parte degli organizzatori.

 

Veneto

  • Verona – Vinitaly: anche se inizialmente era stata prima confermata e poi rinviata a giugno, anche la più grande fiera italiana dedicata al mondo dell’enologia deve arrendersi e rinviare l’appuntamento al 2021. La decisione è stata presa dopo una lunga insistenza da parte di produttori e buyers, motivati sia dalla pericolosa vicinanza con il periodo di quarantena, sia dal periodo poco felice per lasciare il lavoro nelle vigne, che a giugno vede uno dei momenti più intensi.
Etichette: