Pubblicato in: News

L’Ex Ansaldo diventa Base: 6000 metri quadri per creativi e start up

Marco Valerio 2 anni fa
Foto: Comune di Milano

Saranno 6.000 metri quadri dedicati al talento e alla creatività quelli in cui, dalla prossima primavera, avrà sede Base. A place for cultural progress.

Questo il nome scelto da Arci Milano, Avanzi, esterni, h+, Make a Cube3, insieme al Comune di Milano, per il nuovo progetto culturale e produttivo che a breve rivoluzionerà gli spazi dell’Ex Stecca delle Acciaierie Ansaldo, tra via Bergognone e via Tortona.

Base. A place for cultural progress si presenterà come luogo fisico a disposizione delle menti creative della città e al contempo come un catalizzatore di idee e proposte grazie al lancio della prima Call to Action aperta ad imprese, gruppi informali e liberi professionisti italiani e internazionali non solo per proporre progetti e idee ma soprattutto per diventare partner strategici nello sviluppo di questa realtà fin dalla sua nascita.

La ricerca riguarderà prima gli operatori interessati a sviluppare nei 2000 mq a disposizione spazi di coworking, incubazione e accelerazione. La stessa ricerca riguarderà anche soggetti che vogliono realizzare laboratori a disposizione di coloro che operano nella struttura (coworker, soggetti incubati, persone in residenza, artisti) e aperti all’esterno. I laboratori saranno allo stesso tempo spazi di prototipazione, luoghi per produzioni e piattaforme di apprendimento e interazione.

La call si rivolge anche e soggetti e team interessati a iniziative in partnership con i promotori di Base Milano, per realizzare: progetti site specific indoor e outdoor (ad esempio installazioni artistiche, progetti di arredo e design o di comunicazione), iniziative ed eventi culturali nei settori delle arti performative, arti figurative, dell’editoria e delle industrie culturali e creative, dell’artigianato di qualità, dell’innovazione, della tecnologia (ad esempio festival, concerti, produzioni teatrali, rassegne, mostre, proiezioni audiovideo) e corsi e workshop in linea con la filosofia del progetto Base.

“Il nuovo spazio sarà capace di generare contemporaneamente impresa e cultura, formazione e sperimentazione. Un progetto che rispetta la natura ex industriale della zona Tortona, ma anche la sua vocazione innovativa attuale” afferma il sindaco di Milano Giuliano Pisapia. “Quello che vogliamo offrire ai giovani ‘creativi’ e a tutti i cittadini è uno spazio di relazioni dove potersi confrontare e dialogare perché sia favorita la nascita di prodotti, servizi e opportunità per il domani che generino cultura, occupazione e sviluppo” ha aggiunto l’assessore comunale al lavoro Cristina Tajani.

Inoltre, Base parteciperà alla realizzazione di grandi eventi cittadini, come il Fuorisalone, cui darà ampio supporto, e la Triennale d’arte contemporanea, che dopo anni di assenza torna ad essere a tutti gli effetti un progetto di esposizione d’arte temporanea (e con cadenza ogni tre anni). “Dopo anni di assenza, nel 2016 la Triennale si riprende il significato del proprio nome, ed è intenzionata a tornare l’appuntamento che ogni tre anni porta l’arte contemporanea in città e, per meglio interpretare il concetto di contemporaneità, non sarà chiuso in se stesso ma interagirà con altre realtà. A Base avrà un ruolo fondamentale nella manifestazione”, sottolinea il direttore della Triennale Andrea Cancellato.

L’inaugurazione di Base. A place for cultural progress è attualmente prevista il 30 marzo 2016.